Kraken donerà 1000 dollari in Bitcoin gratis ad ogni utente ucraino per aiutare le persone in difficoltà a causa dell’invasione della Russia.

Kraken tenderà una mano agli utenti ucraini. L’exchange donerà $1.000 in Bitcoin ad ogni utente ucraino che ha aperto un conto di criptovalute prima del 9 marzo.

kraken regala bitcoin ucraina guerra russia

La criptovaluta può essere ritirata immediatamente. La mossa è intesa ad aiutare coloro che sono stati sfollati in seguito all’invasione da parte della Russia.

Inoltre, vengono offerti ulteriori $1.000 per coprire le commissioni. Kraken vuole garantire che i destinatari possano effettuare conversioni di valuta senza alcun costo.

Kraken: Bitcoin gratis agli utenti ucraini

Per essere idonei, gli utenti devono aver completato l’autenticazione KYC (Know Your Customer), e quindi essere a un livello di verifica Intermedio o Pro.

Kraken distribuirà i Bitcoin durante il secondo trimestre del 2022, quindi gli utenti idonei avranno tutto il tempo di essere verificati.

Complessivamente, l’exchange afferma la donazione sarà superiore a 10 milioni di dollari, diretti agli ucraini colpiti.

L’exchange spera di aver trovato compromesso ragionevole. La piattaforma di trading ha infatti rifiutato le chiamate per bloccare i suoi utenti in Russia. Il CEO di Kraken, Jesse Powell, ha dichiarato:

Speriamo di continuare a fornire servizi finanziari in un momento di bisogno sia ai nostri clienti in Ucraina che in Russia. La criptovaluta rimane un importante strumento umanitario, soprattutto in un momento in cui molti in tutto il mondo non possono più fare affidamento sulle banche tradizionali”.

Kraken ha voluto sottolineare un concetto importante tramite le sue pagine social. Le donazioni consegnate tramite questi aiuti saranno equivalenti alle commissioni di negoziazione totali pagate dai clienti con sede in Russia nella prima metà del 2022. Questo significa che l’azienda non trae alcun tipo di profitto.

Carta Visa Crypto.com: Cashback fino all’8%, Netflix e Spotify GRATIS, come richiederla

Il compromesso di Kraken: Sì alle donazioni in Bitcoin, No a…..

Kraken sta cercando di uscire da una situazione difficile. In questi giorni gli exchange di criptovalute stanno affrontando richieste dai vari governi di bloccare gli utenti russi.

Seguendo le orme di altre società che ovviamente hanno condannato l’invasione dell’Ucraina, molte di queste aziende hanno rifiutato la proposta. Kraken ed altre piattaforme sostengono che molti consumatori russi sono contrari a ciò che sta accadendo. Questi stanno semplicemente subendo gli effetti di una svalutazione della valuta senza precedenti, e non possono farci niente. La società ha aggiunto:

Riteniamo che questo programma di aiuti vada a vantaggio sia della nostra azienda che dei nostri clienti. Vogliamo assicurare che nessuno venga privato dei diritti civili dalle azioni dei loro rappresentanti e leader“.

La quantità di Bitcoin che sarà distribuita nella Tranche 1 di giovedì equivale all’incirca alle commissioni totali che gli utenti ucraini di Kraken hanno pagato negli ultimi nove anni.

I BTC emessi in tranches successive saranno equivalenti alle commissioni raccolte dai conti Kraken con sede in Russia nel primo trimestre di quest’anno. Kraken effettuerà i prossimi pagamenti l’1 Aprile. Come ha spiegato l’azienda:

Ad esempio, se i clienti Kraken in Russia pagano $5 milioni di commissioni nel primo trimestre e ci sono 10.000 account qualificati nella Tranche 2, ogni account riceverà $500 USD in BTC“.

Il CEO di Kraken, Jesse Powell, lo spiega così: più i suoi clienti in Russia scambiano, più gli altri utenti in Ucraina riceveranno.

Russia: tutto bloccato

L’uso degli exchange di criptovalute in Russia è diventato più difficile negli ultimi giorni. Dopo gli annunci di Visa, Mastercard e PayPal sulla sospensione delle operazioni nel paese, hanno reso difficile per i consumatori ricaricare i conti con fiat.

CoinZoom è recentemente diventato il primo exchange di criptovalute a rompere la classifica, impedendo a nuovi clienti di aprire conti in Russia. Tuttavia la piattaforma con sede nello Utah non bloccherà gli utenti esistenti.

Tutte le principali piattaforme di trading hanno confermato che stanno congelando i conti che appartengono a persone ed entità sanzionate. Coinbase conferma che fino ad oggi sono stati presi di mira 25.000 conti russi collegati ad attività illecite.
Gli exchange sostengono che non è affar loro vietare a un intero paese di utilizzare i loro servizi. Prenderanno misure così drastiche se e solo se saranno gli Stati Uniti a ordinarlo.