bitcoin (web source)
bitcoin (web source)

Il mondo delle criptovalute sembra voler dominare il mercato: ecco quindi che una banca statunitense apre al Bitcoin.

denaro (web source)
denaro (web source)

Il bitcoin cresce sempre più in tutto il mondo tant’è che la sua valutazione raggiunge traguardi mai ambiti prima per una moneta digitale. Si tratta ad ogni modo di una vera e propria innovazione tant’è che in molti stanno decidendo di puntare e investire in questo nuovo mondo.

Nei mesi di febbraio ha infatti sorpreso, ma neanche tanto, la scelta dell’azienda automobilista elettrica, Tesla, di mettere sul piatto oltre 1,5 miliardi di euro sui Bitcoin. Naturalmente si tratta di un investimento che può sembrare azzardato, ma in realtà è stato ben studiato. Andiamo ora a scoprire chi è che potrebbe puntare sui BTC.

Ecco cosa sta accadendo negli Stati Uniti

denaro (web source)
denaro (web source)

Difficilmente si è visto una banca puntare sulle criptovalute. La mossa però nascerebbe dalle numerose richieste dei clienti che vogliono l’apertura a questo nuovo tipo di pagamento. Lo si può inoltre considerare anche come un segnale al mercato sull’accettazione delle valute digitali come asset class.

La banca statunitense in questione ha fatto sapere che i clienti potranno, probabilmente, effettuare investimenti in bitcoin già a partire dal prossimo mese. Successivamente al completamento delle operazioni di formazione da parte dei consulenti finanziari, così da avere dei veri e propri corsi legati alle nuove offerte.

Leggi anche —> Soros punta sulle criptovalute: ecco cosa sta accadendo

Approfondisci anche —> Criptovalute: il debutto con 69,3 milioni per Christie’s

Leggi qui —> Bitcoin batte ogni record: superata la quota di valutazione

Bitcoin e Morgan Stanley

morgan stanley (web source)
morgan stanley (web source)

La banca in questine è la Morgan Stanley che sarà la prima ad offrire l’accesso ai fondi bitcoin ai clienti. Saranno tre fondi che consentono il possesso dei BTC. Le società di investimento hanno bisogno di almeno 5 milioni di depositi bancari per potersi qualificare.

Così che Morgan Stanley sta limitando gli investimenti al 2,5% del patrimonio totale netto. Dei fondi, due provengono da Galaxy Digital, la società di Mike Novogratz. L’ultimo invece dalla partnership tra Fs Investments e la società di bitcoin Nydig.

Un passo in avanti che rende Bitcoin ancora più forte sul mercato e soprattutto apre anche ad altre banche la possibilità di cimentarsi in un mercato di ampio respiro. Soprattutto l’ambizione di poter dominare, negli Stati Uniti e non solo, gli investimenti con le criptovalute, che trovano sempre più espansione. Dopo Elon Musk, Soros e tanti altri imprenditori, si unisce quindi alla catena di investitori, anche la banca Morgan Stanley.