Uso improprio del marchio Hermés su NFT, scoppia la polemica: cos’è successo

Hermès chiede lo Smart Contract di MetaBirkin NFT e i numeri sui social media: i problemi col marchio hanno spinto le parti in tribunale.

Hermès International vuole che l’artista Mason Rothschild gli restituisca ogni centesimo guadagnato vendendo le MetaBirkin NFT che una giuria ha recentemente giudicato in violazione dei marchi del brand di lusso.

hermes copyright marchio nft
Adobe Stock

L’azienda produttrice di borse di lusso non vuole che il creatore delle Birkin Bag NFT con pelliccia, che la giuria ha ritenuto essere dei falsi e non delle opere d’arte, le condisca, le lanci per aria o le twitti durante l’appello.

Hermes, caso MetaBirkin NFT: le parti finiscono in tribunale per uso improprio

Ma soprattutto vuole che smetta di venderle. Per questo, Hermès sostiene di aver bisogno del contratto intelligente del progetto.

Tra i più ambiti status symbol, le vere borse Birkin partono da alcune migliaia di dollari e arrivano a cifre a sei zeri. Le MetaBirkin NFT sono un gioco di parole su queste borse – sono ricoperte di pelliccia sintetica luminosa – che Rothschild ha dichiarato essere un commento artistico protetto.

Notando che Rothschild “promuove ancora la vendita dei MetaBirkins NFT sul sito web MetaBirkins e sugli account Instagram e Twitter di MetaBirkins“, Hermes ha sottolineato che l’artista ha impostato gli NFT in modo da riscuotere una royalty di rivendita del 7,5% sul mercato LooksRare.

A tal fine, ha chiesto al tribunale di dargli il controllo di tutti gli account dei social media, del sito web e del dominio ENS che ha creato per il progetto. Inoltre, il marchio di lusso vuole che Rothschild gli dia tutti i rimanenti NFT MetaBirkin in suo possesso, ha dichiarato in un documento. E che smetta di coniarli, distribuirli, venderli, commercializzarli, pubblicizzarli, lanciarli o farli circolare.

Più in generale, Hermès vuole il controllo del contratto intelligente che gli consente di stabilire e riscuotere le royalties, per non parlare della possibilità di coniare e vendere nuovi MetaBirkin, inserirli nei marketplace e persino consentirne l’integrazione nei metaversi.

Non è ancora finita

Hermès ha dichiarato che il danno per il marchio è stato sostanziale. Questo perché aveva i propri piani per gli NFT delle sue borse e di altri accessori. “Se volessimo portare la nostra borsa più iconica in questo mondo digitale, ci sarebbe sempre un riferimento a questa MetaBirkin“, ha dichiarato il consulente generale dell’azienda, Nicolas Martin. “Abbiamo perso l’opportunità di essere i primi sul mercato, il che credo sia davvero di grande impatto“.

L’azienda ha anche affermato che sia Rothschild che il suo avvocato “continuano a promuovere MetaBirkins dopo il verdetto“. Anche se gli esempi che hanno fornito sono stati commenti sul disaccordo con il verdetto e sull’appello della decisione. Compresi i post sui social media di interviste con i critici del verdetto.

In una dichiarazione diffusa, l’avvocato di Rothschild, Rhett Millsaps, ha affermato che “il caso è tutt’altro che concluso“. Ha aggiunto:

Quest’ultimo deposito è un’esagerazione da parte di Hermes e un tentativo di punire il signor Rothschild perché non gli piace la sua arte. Ma cosa c’è di nuovo? Il signor Rothschild risponderà in Tribunale a tempo debito“.

Impostazioni privacy