La Norvegia sequestra 5,9 milioni di euro in criptovalute agli hacker di Axie Infinity: ma la questione prende una piega sinistra.

Le autorità norvegesi hanno effettuato il più grande sequestro di criptovalute rubate di sempre.

hack bitcoin criptovalute
Adobe Stock

Il sequestro di fondi rubati da Axie Infinity, gioco leader basato sugli NFT, avvenuto lo scorso anno, è stato il più grande mai effettuato nel Paese, secondo quanto dichiarato dai pubblici ministeri.

La Norvegia sequestra 5,9 milioni di euro in criptovalute agli hacker di Axie Infinity

Dopo una lunga indagine internazionale condotta dall’Økokrim, l’Autorità nazionale per le indagini e il perseguimento dei crimini economici e ambientali, i pubblici ministeri hanno recuperato 60 milioni di corone – circa 5,9 milioni di dollari – dagli hacker che hanno derubato il ponte di pagamenti cross-chain Ronin Network dello sviluppatore di Axie Infinity, Sky Mavis.

Si tratta di uno dei maggiori sequestri di denaro contante mai effettuati dalla polizia norvegese.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha dichiarato che dietro l’attacco, che ha portato via 625 milioni di dollari, c’erano gli hacker del Lazarus Group, sponsorizzato dallo Stato della Corea del Nord. L’attacco ha portato alla sanzione dei servizi di miscelazione Blender.io e Tornado Cash.

Gli Økokrim sono bravi a seguire il denaro“, ha dichiarato in un comunicato il primo procuratore di Stato Marianne Bender. “Questo caso dimostra che abbiamo anche una grande capacità di seguire il denaro sulla blockchain. Anche se i criminali utilizzano metodi avanzati“.

Elogiando la cooperazione dell’agenzia per la lotta al crimine con l’FBI e l’assistenza di quest’ultima, Bender ha dichiarato che Økokrim continuerà a seguire i fondi rubati. Ha aggiunto:

Si tratta di denaro che può sostenere la Corea del Nord e il suo programma di armi nucleari. È stato quindi importante tracciare la criptovaluta e cercare di fermare il denaro quando cercano di ritirarlo“.

L’ufficio della Bender si metterà in contatto con Sky Mavis. L’obiettivo è “che i danneggiati ottengano il denaro indietro nella misura più ampia possibile“, ha detto.

Non è il primo sequestro di fondi che la Corea del Nord ha sottratto alla Rete Ronin.

Lo scorso autunno, l’azienda di intelligence blockchain Chainalysis ha dichiarato di aver contribuito al recupero di 30 milioni di dollari rubati nell’hack della Rete Ronin.

Il più grande hack del 2022

L’hacking del Ronin Network è avvenuto dopo che gli hacker del Lazarus Group hanno avuto accesso a cinque delle chiavi private appartenenti ai nove validatori del bridge di pagamenti cross-chain.

Pur avendo agito rapidamente per prosciugare 173.600 ETH e 25,5 milioni di stablecoin USDC, Ronin non si è reso conto che i fondi mancavano per diversi giorni.

All’epoca, Chainalysis disse che quei fondi erano stati divisi tra 12.000 indirizzi di criptovaluta diversi. Questo dimostra le “capacità di riciclaggio altamente sofisticate” degli hacker dello Stato.