“La DeFi potrebbe sconvolgere molte delle leggi esistenti”: la drammatica scoperta

I critici delle criptovalute temono che la DeFi possa causare una “lacuna” nella regolamentazione, e creare un terribile precedente.

La senatrice Elizabeth Warren vuole assicurarsi che quando le norme antiriciclaggio sulle criptovalute saranno scritte entro quest’anno, non lascino una “gigantesca lacuna” chiamata finanza decentralizzata.

defi
Adobe Stock

La senatrice Elizabeth Warren ha annunciato di voler aggiungere la finanza decentralizzata a una nuova versione della sua “impossibile” legge antiriciclaggio sulle cripto del 2022.

Criptovalute, DeFi e problemi di regolamentazione

Intervenendo all’udienza della Commissione bancaria del Senato sul Crypto Crash il 14 febbraio, la critica esplicita alle criptovalute ha dichiarato che lei e un collega repubblicano intendono reintrodurre la legge antiriciclaggio sui beni digitali dello scorso anno.

La versione del 2022 mirava a vietare i mixer, a richiedere rapporti antiriciclaggio agli individui che utilizzano portafogli non custodial. L’obiettivo è designare ogni miner, validatore e operatore di nodi come un’azienda di servizi di denaro che deve registrarsi presso il Financial Crimes Enforcement Network del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.

Non ha dichiarato esplicitamente che la versione del 2023 avrebbe preso di mira la finanza decentralizzata e le DAO. Tuttavia ha detto che “alcuni nel settore delle criptovalute sostengono che le norme antiriciclaggio possono funzionare, a patto che esentino le cosiddette ‘entità decentralizzate‘. Ovvero gli exchange di criptovalute, i prestatori e altri intermediari finanziari che funzionano con il codice“. Ha detto:

“In altre parole, vogliono una gigantesca scappatoia per la DeFi scritta nella legge, in modo da poter riciclare denaro ogni volta che un signore della droga o un terrorista li paga per farlo”.

Impossibile?

Alla domanda del testimone Lee Reiners, forte critico della criptovaluta e direttore del Duke Financial Economics Center, la senatrice Warren ha chiesto perché la criptovaluta è la valuta preferita dai “signori della droga, dai trafficanti di esseri umani e da Paesi come la Corea del Nord e l’Iran“. Ha risposto:

La pseudonimia della criptovaluta la rende ideale per i cattivi attori. Se a questo si aggiunge il fatto che le transazioni in criptovaluta non sono soggette agli stessi statuti antiriciclaggio a cui sono soggette le transazioni finanziarie tradizionali, questo la rende ideale per le persone che vogliono fare cose cattive“.

Dicendo che le banche, le cooperative di credito, gli agenti di cambio, i commercianti d’oro e la Western Union hanno trovato il modo di far funzionare le norme antiriciclaggio, la senatrice Warren ha contestato quella che ha definito l’affermazione delle criptovalute secondo cui è “praticamente impossibile” applicare le norme antiriciclaggio all’intero settore.

Non è un’affermazione nuova“, ha detto, ricordando la lotta a denti stretti del settore bancario contro l’obbligo di segnalazione del Bank Secrecy Act del 1970. La senatrice Warren ha aggiunto:

Si lamentavano che sarebbe stato impossibile rispettarlo. E poi, dopo l’entrata in vigore della legge, l’hanno fatta funzionare. Ora, l’industria della criptovaluta spiega di essere incredibilmente innovativa e creativa, ma di non riuscire a trovare un modo per rispettare le stesse regole antiriciclaggio che tutti gli altri seguono“.

Le regole dovrebbero essere semplici: “Stesso tipo di transazione, stesso tipo di rischio, stesso tipo di regole“.

Criptovalute, DeFi e regolamentazione: non funziona così

Tuttavia, questa argomentazione richiede un’incomprensione di base del funzionamento delle blockchain. La rottura dello pseudonimato delle transazioni interrompe di fatto i pagamenti in cripto. E così la proposta di legge della senatrice Warren richiederebbe rapporti antiriciclaggio da parte di operatori del settore. Questi non potrebbero avere accesso a tali informazioni. Inoltre farebbe sì che le transazioni in cripto costino una fortuna e richiedano giorni o settimane per coloro che possono accedere alle informazioni necessarie.

Il disegno di legge Warren del 2022 richiederebbe la registrazione come MSB ai “fornitori di portafogli depositati e non ospitati. E ancora ai minatori di criptovalute, ai validatori o ad altri nodi che possono agire per convalidare o proteggere le transazioni di terzi, ai partecipanti indipendenti alla rete, compresi i cercatori di MEV, e ad altri validatori con controllo sui protocolli di rete come imprese di servizi monetari“.

Far passare chiunque abbia un server di nodi sulla propria scrivania attraverso il processo di registrazione MSB è, alla fine, meno un modo per portare l’AML nella criptovaluta che un modo per vietare la criptovaluta senza dirlo ad alta voce.

Per i numeri

Indicando i numeri da record delle transazioni illecite del 2022, la senatrice Warren ha detto che “i grandi criminali finanziari amano la cripto“.

È stato “il metodo di pagamento scelto dai trafficanti di droga internazionali, che hanno rastrellato oltre 1 miliardo di dollari [e] dagli hacker nordcoreani che hanno rubato 1,7 miliardi di dollari e hanno incanalato quel denaro nel loro programma nucleare“.

Poi ci sono i quasi 500 milioni di dollari del ransomware. Utilizzando il rapporto 2023 sulla criminalità informatica della società di intelligence blockchain Chainalysis. Ha aggiunto:

Il mercato delle criptovalute ha assorbito 20 miliardi di dollari l’anno scorso in transazioni illecite. E questa è solo la parte di cui siamo a conoscenza“.

Vale la pena notare che il rapporto di Chainalysis afferma che nel 2022 solo lo 0,24% delle transazioni di criptovalute sarà associato a indirizzi illeciti.

Impostazioni privacy