Genesis senza pace: ecco cosa succederà nei prossimi giorni

Genesis senza pace, intentata una causa legale per frode: il fallimento della piattaforma tuttavia non scuote più di tanto il mercato cripto.

Gli avvocati fallimentari del prestatore di criptovalute Genesis ritengono di poter raggiungere un accordo con i principali creditori della società. Ma non è stato abbastanza veloce: un gruppo di clienti ha intentato un’azione legale collettiva accusando l’azienda di violare i regolamenti sui titoli.

genesis fallimento
Adobe Stock

L’azione afferma che i prodotti di guadagno di criptovalute di Genesis erano in realtà titoli non registrati. La posizione è condivisa dalla Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti.

Genesis e la causa in tribunale: frode e tanto altro

La causa accusa la società madre di Genesis Global Capital, Digital Currency Group – e il suo CEO Barry Silbert – di vendere titoli non registrati sotto forma del prodotto di prestito di criptovalute, offerto tramite conti Gemini Earn, tra gli altri canali.

Ha anche accusato l’azienda e il suo CEO di “frode in titoli attraverso uno schema per frodare potenziali e attuali finanziatori di asset digitali” travisando intenzionalmente la condizione delle finanze di Genesis Global, ha affermato lo studio legale Silver Golub & Teitell in una nota.

Lo schema per frodare è stato attuato… al fine di indurre potenziali prestatori di beni digitali a prestare beni digitali a Genesis Global Capital, e impedire ai finanziatori esistenti di riscattare i propri beni digitali“.

Il 30 dicembre, Silver Golub & Teitell ha presentato una richiesta di arbitrato di classe contro Genesis Global, accusandola di aver orchestrato “una transazione fittizia” per nascondere la sua insolvenza.

L’avvocato dei Genesis, Sean O’Neal, ha detto lunedì a un tribunale fallimentare federale di New York che credeva che un accordo con i creditori potesse essere raggiunto entro una settimana e senza mediazione.

Gemini era uno dei maggiori clienti di Genesis Global, con 340.000 clienti di scambio con 900 milioni di dollari bloccati quando l’istituto di credito ha interrotto i prelievi il 16 novembre. Silver Golub e Teitell hanno fatto causa all’exchange di criptovalute Coinbase lo scorso autunno per aver venduto titoli non registrati sotto forma di criptovalute.

Il caso Gemini e BlockFi

Il presidente di Gemini Cameron Winklevoss la scorsa settimana ha accusato Silbert di frode, chiedendo che il consiglio di amministrazione della DCG lo licenziasse.

La Securities and Exchange Commission ha citato in giudizio Genesis e Gemini per questi motivi all’inizio di questo mese. La causa civile sta sostanzialmente seguendo poiché il regolatore farà tutto il lavoro di scoperta per questo.

La SEC e dozzine di autorità di regolamentazione statali hanno citato in giudizio il prestatore di criptovalute BlockFi a febbraio. Le autorità sono riuscite ad ottenere un risarcimento di $100 milioni: il prodotto di prestito di criptovalute è una security.

Genesis, BlockFi e una serie di altri prestatori di criptovalute sono falliti dopo i disastri del 2022. Tra questi citiamo il crollo di LUNA e UST, il fallimento dell’hedge fund Three Arrows Capital e la massiccia frode dell’exchange FTX.

Impostazioni privacy