L’hashrate di Bitcoin (BTC) genera tensioni crescenti: l’industria del mining di criptovalute è ad punto cruciale per questi motivi.

L’hashrate del Bitcoin è ai massimi storici e la concorrenza per i premi dei blocchi è feroce.
Inoltre entrate dei miners sono diminuite e la pressione di vendita potrebbe aumentare presto. Analizziamo questi due temi chiave

Bitcoin mining
Adobe Stock

L’hashrate di Bitcoin ha raggiunto di recente un nuovo massimo storico. L’aumento dell’hashrate ha significato la partecipazione di un maggior numero di miners per mantenere la rete sicura e più decentralizzata. Tuttavia, questo significa anche che la competizione per le ricompense dei blocchi sta diventando più feroce, e che alcuni miners potrebbero essere spinti fuori dal mercato.

Bitcoin (BTC) l’industria del mining di criptovalute è ad un bivi:

Una delle ragioni della crescente tensione tra i miners di Bitcoin è il calo delle entrate dei miners. Con l’aumento dell’hashrate, aumenta anche la difficoltà di estrarre nuovi blocchi, rendendo più difficile per i miners guadagnare ricompense. A ciò si aggiunge il calo dell’afflusso di miners, che suggerisce una diminuzione delle ricompense ricevute dai miners.

Il deflusso dei miners è un’altra metrica che potrebbe aumentare a causa dei fattori sopra citati. E quindi influenzare in qualche modo i prezzi del Bitcoin.

Il deflusso dei miners aumenta principalmente quando i miners vendono i loro Bitcoin estratti per coprire le spese, pagare i debiti o semplicemente trarre profitto. Quando le entrate dei miners diminuiscono, un numero maggiore di miners può scegliere di vendere le proprie partecipazioni, facendo scendere ulteriormente il prezzo del Bitcoin.

Ci vuole calma

Ma non saranno solo i miners a cercare di vendere le loro partecipazioni. Anche molti possessori di Bitcoin potrebbero partecipare alla vendita. È stato infatti osservato che un gran numero di indirizzi che detengono Bitcoin sono redditizi. Secondo i dati di glassnode, la percentuale di indirizzi Bitcoin in attivo ha raggiunto un massimo di 8 mesi del 67,287%.

Tuttavia, al momento della stesura di questo articolo, è stato osservato che i possessori di Bitcoin non stavano trasferendo alcun BTC. Ciò è dimostrato dal calo della velocità del BTC nell’ultimo mese. Anche gli indirizzi attivi giornalieri di Bitcoin sono rimasti costanti durante questo periodo.

Al momento in cui scrivo, il prezzo del Bitcoin è di 22.729,18 dollari ed è aumentato dello 0,61% nelle ultime 24 ore. Nonostante le crescenti tensioni causate dal calo delle entrate per i miners, il prezzo del Bitcoin continua a salire.

Tuttavia, resta da vedere come l’industria del mining si adatterà al cambiamento del panorama, e come le tensioni in corso influenzeranno la stabilità e la sicurezza generale della rete Bitcoin.