Avraham Eisenberg è stato accusato di frode e manipolazione del mercato dalla Securities and Exchange Commission (SEC) americana. Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti e la CFTC sono entrambi sul piede di guerra.

Eisenberg è responsabile dell’attacco di Mango Markets, che ha visto il furto delle risorse crittografiche della piattaforma per un valore di 116 milioni di dollari.

hack mango market
Adobe Stock

La Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti oggi ha sporto denuncia contro Avraham Eisenberg, l’hacker responsabile della violazione di Mango Markets.

In relazione all’hacking, avvenuto nell’ottobre 2022, la SEC ha accusato Eisenberg di reati di frode e manipolazione del mercato. Eisenberg, cittadino degli Stati Uniti, è stato detenuto a Porto Rico a dicembre e sarà trasferito a New York per far fronte alle numerose accuse civili e penali che gli sono state mosse.

Le accuse contro Eisenberg

Secondo le accuse mosse contro Eisenberg, il mercato e il token della piattaforma sono stati manipolati, causando la perdita di asset digitali per un valore di oltre 116 milioni di dollari. In una conversazione su Twitter, Heisenberg ha esaltato l’hacking di Mango Markets, presentandolo come un metodo di trading di grande successo.

A seguito dell’hack, effettuato da Eisenberg e da un gruppo di utenti, Mango Markets è fallita. Eisenberg ha giustificato la sua condotta descrivendole come azioni di mercato legittime che hanno utilizzato il protocollo nel modo in cui era inteso durante un’apparizione su Unchained Podcast.

“La scorsa settimana, ero un membro di un gruppo che utilizzava un metodo di scambio incredibilmente redditizio. Anche se il team di sviluppo del protocollo non poteva prevedere completamente tutte le implicazioni della definizione delle impostazioni così come sono. Sento che tutti i nostri atti erano legittime transazioni di mercato aperto.”

Eisenberg ha accusato il colpo

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti e la Commodity and Futures Trading Commission (CFTC) hanno già accusato Eisenberg di un crimine. Eisenberg avrebbe infranto diverse clausole delle leggi federali sui titoli. Tra queste diverse clausole antifrode e anti-manipolazione del mercato. Questo sostiene la SEC. Molte persone nello spazio delle criptovalute non sarebbero d’accordo con l’affermazione della SEC per cui considerava il token di governance MNGO di Mango Markets una security.

Sotto la guida di Gary Gensler, la SEC ha rafforzato la sua attenzione sul settore delle criptovalute e ha sottolineato che considera tutte le criptovalute come titoli. David Hirsch, capo del ramo crittografico e informatico della SEC, ha dichiarato in un comunicato stampa:

Come dimostra la nostra azione, la SEC è comunque impegnata a fermare la manipolazione del mercato. Indipendentemente dal tipo di titoli in questione.

Altre accuse in carico a Eisenberg

Altre accuse mosse contro Eisenberg dalla SEC sono identiche a quelle mosse contro di lui dalla Commodity and Futures Trading Commission e dal Dipartimento di Giustizia. Eisenberg è stato accusato dal DOJ di manipolazione del mercato. Oltre che di frode e manipolazione di merci. Dall’altro lato, la CFTC lo ha accusato di frode e manipolazione di merci, nonché di una serie di violazioni del Commodity Exchange Act. Come si legge nel comunicato stampa,

Eisenberg, secondo le nostre accuse, “ha agito con una strategia manipolativa e disonesta per gonfiare artificialmente il prezzo del token MNGO, che è stato acquisito e venduto come criptovaluta, al fine di prendere in prestito e successivamente ritirare praticamente tutti gli asset disponibili da Mercati di mango.”

L’attacco a Mango Market

Eisenberg ha preso di mira il token MNGO nativo e ne ha gonfiato fraudolentemente il prezzo durante l’hack di Mango Markets in ottobre. Successivamente ha contratto una serie di prestiti, prosciugando il conto di Mango Markets di 110 milioni di dollari.

Il DAO del protocollo ha quindi offerto a Eisenberg un contratto che gli ha permesso di mantenere beni crittografici del valore di $47 milioni come taglia se avesse restituito i beni rimanenti. Eisenberg ha tentato di utilizzare i token di governance MNGO rubati per influenzare il DAO a votare per la sua soluzione per restituire i token.