Dopo una raccolta fondi di successo in tempo di guerra, Mikhail Fedorov afferma di voler rendere la sua nazione la principale giurisdizione al mondo per le valute digitali della banca centrale (CBDC) e di voler ricevere il proprio stipendio tramite questo strumento.

Il vice primo ministro dell’Ucraina ha informato i giornalisti al World Economic Forum che intende utilizzare la nuova valuta digitale della banca centrale (CBDC) e ottenere il pagamento in e-grivna come primo utente.

ucraina criptovalute cbdc russia
Adobe Stock

Dopo aver utilizzato con successo la criptovaluta per raccogliere fondi per le sue forze militari, Mykhailo Fedorov, che è anche ministro ucraino per la trasformazione digitale, ha dichiarato che i nuovi regolamenti renderanno la nazione la principale giurisdizione mondiale per le criptovalute.

Mykhailo Fedorov vuole che l-Ucraina sia la capitale delle criptovalute e CBDC

Ha osservato, parlando tramite un traduttore, “Due settimane fa, ho osservato un pilota dell’e-hyrvnia elettronica in Ucraina”, riferendosi ai piani per emettere una CBDC in collaborazione con l’attività di criptovaluta Stellar Lumens (XLM).

“Intendo essere il primo utente di prova della grivna elettronica e intendo essere pagato in e-grivna”.

Un certo numero di nazioni in tutto il mondo, tra cui l’Ucraina, stanno discutendo se emettere denaro fiat in forma digitale. La vicina Unione Europea dovrebbe rilasciare progetti di legge su un euro digitale entro la fine dell’anno.

“Al vaglio una nuova legge fiscale sulle criptovalute e una legge CBDC della Banca nazionale ucraina. Entrambe dovrebbero essere approvate il prossimo anno, aumenteranno la legislazione sugli asset virtuali approvata lo scorso anno in Ucraina”. Queste le parole di Mykhailo Fedorov solo poche settimane dopo che quella nazione è stata invasa dalla Russia.

“Con un approccio complicato e onnicomprensivo alla legalizzazione di tutte le risorse digitali, l’Ucraina avrà la più grande giurisdizione di risorse crittografiche al mondo”

Le raccolte fondi in criptovalute da parte dell’Ucraina

Con una mossa insolita, l’Ucraina ha utilizzato la raccolta fondi in criptovaluta all’inizio del conflitto per raccogliere 178 milioni di dollari. I fondi sono stati utilizzati per uniformi, camion e altre attrezzature per i soldati senza violare i regolamenti patrimoniali.

Siamo stati in grado di consentire e accelerare gli acquisti rapidi di tutto ciò di cui avevamo bisogno per le nostre forze militari grazie al sostegno della comunità crittografica globale, ha affermato Fedorov.

L’Ucraina sta esaminando una CBDC che potrebbe aiutare con il trading di criptovalute.

Le possibili applicazioni per una moneta elettronica includono la circolazione di beni virtuali e il commercio internazionale.

La Banca nazionale ucraina sta valutando la creazione di una grivna digitale che potrebbe essere utilizzata per una varietà di scopi. Tra cui l’emissione e lo scambio di risorse virtuali.

Secondo un comunicato stampa ufficiale di lunedì, la banca centrale ha parlato con i rappresentanti delle banche, delle organizzazioni finanziarie non bancarie e del mercato delle criptovalute sui suoi piani per una versione elettronica della valuta legale della nazione, la grivna. La banca sta indagando sui potenziali usi di una CBDC nelle transazioni transfrontaliere. Oltre che nella circolazione di asset virtuali e nei pagamenti al dettaglio non in contanti.

Secondo il documento, “e-grivna può diventare una delle parti importanti dello sviluppo di infrastrutture di qualità per il mercato delle risorse virtuali in Ucraina”.

“Una CBDC è oggetto di indagine da parte di oltre 100 giurisdizioni in tutto il mondo, tra cui l’Ucraina, che lo fa dal 2017. È stato firmato uno statuto che consente alla banca centrale di emettere una CBDC che può essere classificata nella stessa categoria del contante o della moneta elettronica.” Questa la dichiarazione dal presidente Volodymyr Zelensky nel luglio 2021.

La rete Stellar Lumens come base per la Grivna digitale

Una delle banche commerciali più antiche della nazione, Tascombank, ha svelato l’intenzione di testare una grivna elettronica basata sulla rete Stellar Lumens a dicembre (XLM).

Dopo che la Russia ha invaso la nazione a febbraio, la criptovaluta ha iniziato a svolgere un ruolo nella raccolta di denaro e nel rendere più facile l’acquisto di beni essenziali.

La Banca nazionale, come la maggior parte delle banche centrali di tutto il mondo, affronterà la questione dell’emissione della propria valuta digitale con attenzione e tenendo conto. In particolare, del potenziale impatto della sua introduzione sul sistema finanziario dello stato, afferma il rapporto. La banca centrale ha affermato che “continua a sviluppare” il progetto “e-grivna” con i partecipanti al mercato e gli enti statali.