Si prevede che l’imminente aggiornamento della difficoltà di mining avvenuto ieri, domenica 15 gennaio, mostrerà un aumento del 10%. Quali saranno le ripercussioni sui mercati.

Il dispiegamento di attrezzature più nuove ed efficaci e il ritorno dell’hashrate online dopo il recente uragano negli Stati Uniti sembrano giustificare il significativo aumento.

mining bitcoin criptovalute difficolta
Adobe Stock

Il significativo aumento della difficoltà di questo fine settimana è anticipato dai minatori di bitcoin.

Le stime di BTC.com, Bitrawr, Luxor e Brains suggeriscono che l’aumento potrebbe essere di circa il 10%. Sebbene i numeri possano ancora cambiare da qui ai prossimi giorni, le proiezioni suggeriscono sicuramente un aumento significativo.

L’impatto della difficoltà nel mining di Bitcoin

Sulla base della durata media del blocco, la difficoltà varia circa ogni due settimane (o ogni 2.016 blocchi) e descrive quanto sia complesso il processo informatico alla base del mining.

A seguito di una tempesta invernale che ha causato la chiusura di molte attività di mining di cirptovalute, a seguito di incentivi finanziari o richieste da parte degli operatori di rete, nell’ultimo aggiornamento il parametro è sceso del 3,6%.

Una parte significativa di quell’hashrate sembra essere tornata ora, insieme a dispositivi appena installati e più efficaci.

Secondo Daniel Frumkin, capo della ricerca presso Braiins, “è una combinazione dei minatori istituzionali che si ridimensionano leggermente in quel periodo di tempo prolungato e alcune variazioni positive”. Ha affermato che organizzazioni come Marathon e Hive Blockchain hanno costantemente introdotto dispositivi efficaci come S19 XP e BuzzMiner a blocchi.

Tuttavia, ha detto, “perché per la tempesta invernale, non avremmo visto nulla di tutto ciò nell’epoca precedente, il che significa che ora stiamo assistendo a circa tre settimane di dispiegamenti invece di una sola”.

Inoltre, ha aggiunto, “c’è sicuramente un notevole grado di fortuna da parte dei pool nel complesso che sta portando a questo enorme aggiustamento”.

Gli investimenti nel mining di cirptovalute sono ancora convenienti?

Hive ha implementato 1.423 macchine alimentate da Intel Blockscale, mentre Marathon ha annunciato che 12.000 XP S19 verranno consegnati nel prossimo mese, secondo l’ultimo gruppo di rapporti operativi di dicembre. Cipher Mining ha aumentato rapidamente l’output. Il mese scorso, l’hashrate è aumentato del 40%. La tempesta, secondo Riot, che a dicembre ha schierato 16.128 minatori della serie S19, ha portato offline circa 2,5 EH/s di produzione.

Jason Les, CEO di Riot, ha dichiarato che l’hashrate ha iniziato a tornare nei ranghi.

Anche se le prospettive del settore sono migliorate nell’ultima settimana, con il bitcoin attualmente in aumento oltre i 20.000 dollari e le quote di minatori pubblici in aumento, stanno ancora affrontando condizioni economiche difficili.

“Il prezzo dell’energia utilizzata nel mining rimane invariato. A meno che tu non abbia il mining più produttivo, non c’è molto profitto da realizzare “, ha detto Anthony Power, un analista di mining di Bitcoin e contabile che compila un famoso report mensile. “Se non stai entro questi standard, probabilmente non stai generando abbastanza soldi per pagare le bollette.”