Genesis e Gemini citati in giudizio dalla SEC: arriva il peggior verdetto possibile per le due piattaforme di criptovalute. Cos’è successo.

La Securities and Exchange Commission ha citato in giudizio l’exchange di criptovalute Gemini e il prestatore di criptovalute Genesis, accusandoli di vendere titoli non registrati.

genesis gemini
Adobe Stock

La Securities and Exchange Commission ha intentato una causa sostenendo che il Gemini Earn Program era una vendita di titoli non registrati. Pochi giorni prima Gemini aveva accusato Genesis di frode. Ma vediamo bene cosa sta succedendo.

Genesis e Gemini citati in giudizio dalla SEC: vediamo cos’è successo

In questione c’è il programma Genesis Earn, che offriva ai clienti Gemini fino all’8% di interesse sui depositi. Il programma era già stato sospeso dopo che Genesis – insolvente – aveva interrotto i prelievi. Dal 16 Novembre ha lasciato nel limbo i 900 milioni di dollari che doveva a 340.000 clienti di Gemini. Gemini – all’inizio di questa settimana – ha minacciato di citare in giudizio Genesis, accusando la compagnia di frode. I clienti di Gemini lo hanno già fatto.

Genesis e Gemini hanno offerto al pubblico titoli non registrati, aggirando i requisiti di divulgazione progettati per proteggere gli investitori”, ha dichiarato il presidente della SEC Gary Gensler in una dichiarazione di giovedì. “Le piattaforme di prestito di criptovalute e altri intermediari devono rispettare le nostre leggi sui titoli testate nel tempo. In questo modo si proteggono al meglio gli investitori. Promuove la fiducia nei mercati. Non è facoltativo. È la legge“.

Oltre a ciò, l’agenzia ha suggerito che il crollo di Genesis potrebbe essere in parte responsabile del programma preso di mira. Secondo Gurbir Grewal, direttore della divisione di applicazione della SEC:

Il recente crollo dei programmi di prestito di criptovalute e la sospensione del programma di Genesis sottolineano la necessità fondamentale per le piattaforme che offrono titoli agli investitori al dettaglio di rispettare le leggi federali sui titoli. Come abbiamo visto più volte, il mancato rispetto di ciò nega investitori le informazioni di base di cui hanno bisogno per prendere decisioni di investimento informate“.

A febbraio, la SEC e 32 regolatori di titoli statali hanno raggiunto un accordo da $100 milioni con il prestatore di criptovalute BlockFi. Ha dichiarato bancarotta il 28 novembre dopo che il crollo dell’exchange FTX l’ha lasciata con oltre 1 miliardo di dollari in crediti inesigibili.

La ricaduta delle lotte intestine

I programmi di rendimento delle criptovalute come Gemini Earn hanno offerto rendimenti eccezionalmente elevati agli investitori che parcheggiano le loro criptovalute presso società di prestito di criptovalute come Genesis. Mentre Gemini ha offerto fino all’8%, alcuni hanno offerto il 20% o più su alcune criptovalute.

Ma i rischi sono altrettanto alti. Molti dei principali prestatori di criptovalute sono falliti nel 2022, con Celsius e Voyager Digital che hanno il profilo più alto. Ciò è stato sia il risultato di prestiti sconsiderati sia le conseguenze del crollo dell’hedge fund di criptovalute Three Arrows Capital all’inizio dell’anno.

Gemini e Genesis sono stati coinvolti in un’escalation di battaglia di parole dall’inizio del mese – e il 10 gennaio, il furioso co-fondatore di Gemini Cameron Winklevoss ha interrotto il programma e ha accusato Barry Silbert, CEO di Digital Currency Group, capogruppo di Genesis, di frode. Ha chiesto al consiglio di DCG di licenziare Silbert e ha minacciato di citare in giudizio Genesis.

Come BlockFi, Genesis è diventata insolvente dopo che una corsa al cliente è stata innescata dal crollo dell’exchange FTX di Sam Bankman-Fried. Ma mentre la sua esposizione era di soli $175 milioni, aveva perso più di $1 miliardo a causa del crollo del 3AC. Ha resistito a quella tempesta dopo che DCG ha dichiarato di aver dato alla sua divisione 1,1 miliardi di dollari, “assorbendo” la perdita.

Ma nella sua lettera aperta del 10 gennaio al consiglio di amministrazione della DCG, Winklevoss ha mentito sul salvataggio, facendo sembrare che il bilancio di Genesis fosse molto più forte di quanto non fosse in realtà. In tal modo, Winklevoss ha affermato di aver “indotto i creditori a continuare a concedere prestiti“.

Si dice che anche i pubblici ministeri federali stiano indagando sul finanziamento DCG-Genesis.

Per quanto riguarda la SEC, Grewal ha affermato che “le indagini dell’agenzia in questo spazio sono molto attive e in corso“.

Ha anche chiarito che l’agenzia porterà più casi simili, invitando “chiunque abbia informazioni su questa questione o altre possibili violazioni della legge sui titoli a farsi avanti, anche nell’ambito del nostro programma Whistleblower, se applicabile“.