Per prevenire disastri sui mercati come quello che abbiamo visto nel 2022, la Bank for International Settlements (Banca dei regolamenti internazionali, BIS) ha pubblicato un bollettino che delinea tre potenziali strategie per mitigare i rischi legati alle criptovalute.

In uno studio intitolato “Affrontare i pericoli nelle criptovalute: delineare le scelte”, la BIS, un’organizzazione che coordina il sistema bancario globale, propone tre metodi per regolamentare le criptovalute.

regolamentazione cirptovalute
Adobe Stock

Secondo la BIS, le autorità non possono più permettersi di ignorare la criptovaluta alla luce del totale sconvolgimento seguito al crollo del colosso delle criptovalute FTX.

“Non è più possibile lasciare il settore delle criptovalute non regolamentato”

La BIS ha affermato nel suo articolo che il fallimento di FTX e dell’intero impero cripto di Fried di Sam Bankman ha dimostrato che la nozione di decentralizzazione nelle criptovalute è spesso irrazionale e illusoria perché la governance è centralizzata nella maggior parte dei progetti di finanza decentralizzata e, di conseguenza, il l’industria non è ancora in una fase in cui è pronta per essere completamente autogovernata.

Il business delle criptovalute è vulnerabile a molti degli stessi problemi della finanza convenzionale (TradFi). Ma le specifiche delle criptovalute aumentano i pericoli. Gli autori della BIS affermano che poiché il rischio per gli investitori regolari è troppo significativo, possiamo lasciare il settore delle criptovalute non regolamentato. Secondo la BIS:

“Diverse strategie commerciali di criptovaluta si sono rivelate palesi truffe Ponzi. Queste caratteristiche compromettono seriamente la protezione degli investitori e l’integrità del mercato. Soprattutto se combinate con l’enorme divario di conoscenze che i clienti devono affrontare.”

Bannare, limitare o controllare la criptovaluta

La BIS ha fornito tre opzioni per gestire le criptovalute per i motivi sopra menzionati:

Le autorità potrebbero combinare vari divieti, confinamento e regolamentazione a seconda degli aspetti mirati del mondo delle criptovalute e della relativa efficacia di ogni passaggio. Sia come misure autonome che in combinazione.

Ad esempio, alcuni governi potrebbero vietare la distribuzione di stablecoin algoritmiche o token proof-of-work ad alta intensità energetica. Alcuni intermediari che collegano TradFi e criptovaluta potrebbero essere soggetti a regolamentazione. Come parte di un approccio di contenimento, ulteriori componenti crittografici potrebbero essere segregati.

La strategia iniziale della BRI prevede un divieto totale delle criptovalute al fine di rimuovere tutti i pericoli. Gli investitori sarebbero protetti da questa strategia da minacce come le frodi. Sostengono inoltre che questa strategia renderebbe i sistemi finanziari più stabili. Tuttavia, un divieto totale delle criptovalute non è una via percorribile, in quanto è possibile in modo abbastanza semplice aggirare eventuali restrizioni poste.

Separare le criptovalute dalla finanza tradizionale

La seconda strategia adottata dalla BRI è quella di separare o contenere le criptovalute da TradFi. La BRI intende con questo che la separazione delle criptovalute ridurrà la loro sovrapposizione con TradFi. Tuttavia, gli esperti riconoscono che una tale strategia non è più praticabile perché il settore si è sviluppato al punto da essere invischiato con TradFi. Inoltre, questa strategia non fornirà agli investitori una maggiore sicurezza.

Regolamentare le criptovalute

La BIS suggerisce di regolamentare le criptovalute come terza strategia. E sembra anche essere la strada più pratica da seguire. I governi sarebbero in grado di regolamentare il mercato delle criptovalute in modo simile a come già controllano le istituzioni finanziarie tradizionali. Sostiene che una regolamentazione appropriata andrebbe a vantaggio degli “attori responsabili” o di quelle organizzazioni dedite a un’attività crittografica sicura e duratura.

Tuttavia, la regolamentazione sarebbe problematica poiché è impossibile definire un “punto di riferimento” in un ambiente decentralizzato. Gli enti giuridici o gli individui responsabili sono indicati come punti di riferimento. La BIS, tuttavia, afferma di considerare l’ente responsabile del protocollo il punto di partenza del progetto.

La BRI ha esortato le banche centrali a promuovere il pensiero innovativo e sviluppare sistemi di pagamento che forniranno alle persone che dipendono dalle criptovalute i vantaggi delle criptovalute, come l’efficienza dei costi, la velocità e l’inclusione finanziaria, senza i rischi delle criptovalute.

In alternativa, è stato raccomandato che altre banche centrali creino valute digitali della banca centrale (CBDC), il che ridurrebbe notevolmente la necessità di criptovalute in tutto il mondo.