Le truffe in criptovalute hanno raggiunto un record storico, e per una ragione molto semplice: ecco alcuni numeri molto interessanti.

Il rapporto di Chainalysis per il 2023 sui crimini cripto avrebbe mostrato una drastica diminuzione. Stiamo parlando di qualcosa come 8,8 miliardi di euro di violazioni delle sanzioni, in gran parte a causa dell’invasione russa dell’Ucraina.

I proventi del cripto crimine lo scorso anno sono aumentati. Le transazioni illecite hanno raggiunto un massimo storico di 20 miliardi di euro.

truffe criptovalute
Adobe Stock

Questo secondo un’anteprima del Crypto Crime Report di Chainalysis, che sarà pubblicato a febbraio.

Gli 8,8 miliardi riguardanti la violazione delle sanzioni, sono saliti alle stelle quando l’invasione russa dell’Ucraina ha portato a un nuovo picco di sanzioni.

Le truffe in criptovalute hanno raggiunto un record storico: ecco perché

Indicando grandi crolli come Celsius, Three Arrows Capital, FTX e altri – alcuni tra accuse di frode – la società di cripto-intelligence ha dichiarato:

Queste accuse rendono il Crypto Crime Report di quest’anno un po’ complicato, poiché alcuni ritengono che tali aziende dovrebbero essere trattate come imprese criminali. In definitiva, tuttavia, non includiamo i loro volumi di transazioni nelle nostre misure di attività illecite perché le nostre stime si basano esclusivamente su intelligence on-chain: non teniamo conto dei casi in cui, ad esempio, la contabilità off-chain potrebbe essere stata fraudolenta“.

Chainalysis ha anche osservato che i fallimenti e i procedimenti penali rimangono attivi e, di conseguenza, era meglio “lasciare le questioni di criminalità al sistema legale“.

I fondi rubati sono rimasti relativamente stabili nonostante una serie di hack di altissimo profilo come l’attacco a Ronin Network da $625 milioni, l’attacco FTX Wallet da $477 milioni, l’attacco bridge Wormhole da $320 milioni, l’exploit stablecoin Beanstalk da $180 milioni, l’attacco bridge Nomad da $190 milioni, l’hack Wintermute da $160 milioni, $100 milioni BNB Chain hack (che in realtà era $580 milioni, ma la blockchain è stata congelata prima che potesse essere spostata) e molti, molti altri.

Le truffe, d’altra parte, sono diminuite drasticamente, così come le vendite sul mercato darknet.

Transazioni illecite: poca roba

Tuttavia, la percentuale complessiva di transazioni illecite è rimasta minima, appena lo 0,24%.

Questo numero è il doppio rispetto a quello del 2021. In effetti, le violazioni delle sanzioni sono aumentate di un incredibile 10 milioni percento, ha affermato Chainalysis.

Un altro fattore, ha aggiunto, è che i volumi complessivi delle transazioni di criptovaluta sono diminuiti drasticamente con l’inizio dell’inverno delle criptovalute, e gli scandali – e i crolli – ancora in corso.