Quanti Dogecoin ci sono sul mercato? Cerchiamo di capire se DOGE ha un limite massimo di fornitura o meno, e perché questo è importante.

Dogecoin ($DOGE) è una criptovaluta creata nel 2013 per scherzo dai suoi sviluppatori, Billy Markus e Jackson Palmer. Nonostante le sue origini, DOGE ha guadagnato un seguito significativo. Molti utenti lo utilizzano come forma di pagamento per beni e servizi. Una domanda che molte persone hanno su Dogecoin è se ha un limite massimo o di offerta.

dogecoin doge
Adobe Stock

Le criptovalute sono valute digitali innovative che si basano sulla crittografia per tracciare acquisti e trasferimenti, da qui il loro nome “criptovaluta”. Esiste dal 2009, quando Satoshi Nakamoto ha creato la prima criptovaluta, Bitcoin. Da allora acquistare bitcoin è stato uno dei tanti modi per entrare nelle criptovalute visto che ne sono stati creati molti altri, come Dogecoin e Litecoin.

Sebbene le criptovalute siano più facili da creare rispetto alle tradizionali valute cartacee, sono spesso molto più sicure delle banche convenzionali. La criptovaluta utilizza tecniche di crittografia, il che significa che le persone possono utilizzarla per transazioni sicure che i criminali informatici non possono manomettere.

Un altro tratto che le criptovalute hanno e che le valute tradizionali non hanno è che le prime hanno tipicamente un limite di offerta o semplicemente un “tappo”.

Quanti Dogecoin ci sono sul mercato? La risposta è importante

Nelle tradizionali valute fiat, l’offerta di moneta è controllata dalle banche centrali, che possono aumentare o diminuire l’offerta secondo necessità attraverso la politica monetaria. Le criptovalute, d’altra parte, sono spesso decentralizzate e creano nuove unità di valuta attraverso il mining o lo staking. La maggior parte delle criptovalute ha un’offerta limitata, il che significa che esiste un numero massimo di unità che verrà mai creato, un limite di offerta.

Supply cap è un termine che descrive il numero massimo di monete che alcune criptovalute possono creare. È come se la Banca Centrale Europea decidesse di stampare solo 1 trilione di euro e di smettere di stampare una volta raggiunto il numero.

Il limite di fornitura è spesso legato alla fornitura totale di monete e di solito è fissato al 100%. Significa che tutte le monete di una certa criptovaluta sono state emesse e non c’è modo di crearne o estrarne altre.

Perché è importante? Perché se sei interessato a investire in una criptovaluta, vuoi sapere esattamente quanto potrebbe essere inflazionistico per capire come le tue partecipazioni potrebbero essere diluite nel tempo.

Dogecoin ha un limite di fornitura?

Dogecoin non ha un limite, il che significa che non esiste un limite di offerta. Tuttavia, esiste una ricompensa fissa di 10.000 DOGE per ogni blocco aggiunto alla blockchain Dogecoin da parte dei minatori.

I minatori sono incentivati ​​a continuare a estrarre Dogecoin a causa di questi premi. Una volta raccolti i premi del mining, possono trasferirli dai loro portafogli a un exchange di criptovalute dove altri investitori possono acquistarli. Man mano che più minatori vanno online, più immetteranno le loro nuove monete sul mercato, con conseguente calo dei prezzi.

Poiché Dogecoin non ha un limite massimo di fornitura, il numero di DOGE in circolazione è destinato ad aumentare nel tempo. La criptovaluta ispirata ai meme non è tuttavia influenzata dalle stesse forze inflazionistiche che influenzano le valute fiat, ma ha invece una propria politica monetaria.