Il collasso di FTX poteva essere molto più devastante: analizziamo un aspetto che non abbiamo mai considerato finora per capirci di più.

A due mesi dalla scioccante e drammatica implosione di FTX, sono emerse nuove accuse sull’uso improprio dei fondi dei clienti. Gli investigatori stanno “lavorando 24 ore su 24” per capire dove sono finiti i miliardi mancanti.

ftx
Adobe Stock

Bloomberg News ha letto un’e-mail che suggerisce che FTX US stava pianificando di offrire conti pensionistici individuali ai consumatori americani.

Collasso di FTX: poteva essere peggiore di così?

Secondo un nuovo rapporto, le conseguenze del crollo della seconda borsa più grande del mondo potrebbero essere molto, molto peggiori.

Bloomberg News ha letto un’e-mail che suggerisce che FTX US stava pianificando di offrire conti pensionistici individuali ai consumatori americani.

Se FTX avesse realizzato tali ambizioni, ci sarebbe stato il grave pericolo che numerosi fondi pensione venissero spazzati via dall’oggi al domani. Il che significa sgretolare in mille pezzi i sudati risparmi di milioni di persone.

L’amministratore delegato di Swan Bitcoin, Cory Klippsten, un critico di lunga data di FTX, ha dichiarato al notiziario che è una buona cosa che l’impero di Sam Bankman-Fried sia fallito. Questo perché avrebbe potuto fare molto peggio nei mesi e negli anni a venire. Ha aggiunto:

È abbastanza chiaro che FTX si basava su flussi continui di nuovi capitali che entravano nella piattaforma. Proprio come molti altri schemi finanziari, il marketing era il modo più conveniente per attrarre quei flussi“.

Ovviamente, è del tutto possibile che gli aspiranti pensionati avessero già delle criptovalute archiviate su FTX, fondi a cui non è più possibile accedere. I clienti dell’exchange potrebbero recuperare solo una frazione dei loro risparmi. Inoltre la strada per la ripresa potrebbe richiedere diversi anni.

Molti campanelli d’allarme

Durante l’ultimo colpo di coda del mercato rialzista, c’era un crescente entusiasmo nell’aiutare i clienti ad allocare parte dei loro fondi pensione in Bitcoin.

Fidelity Investments ha annunciato che stava dando ai datori di lavoro la possibilità di includere Bitcoin come offerta nei piani pensionistici. Questo significa che i lavoratori sarebbero in grado di allocare fino al 20% del loro portafoglio alla più grande criptovaluta del mondo.

Questo è stato uno sviluppo significativo perché Fidelity è il più grande fornitore di risparmi per la pensione d’America. Ai suoi occhi, “questa tecnologia e risorse digitali rappresenteranno gran parte del futuro del settore finanziario“.

Anche prima del fallimento di FTX, i politici statunitensi avevano sollevato “gravi preoccupazioni” sul fatto di consentire ai consumatori di risparmiare per la pensione utilizzando qualcosa di così volatile.

Lo scorso novembre, tre senatori democratici avevano esortato Fidelity a fare un’inversione a U, sostenendo che gli investimenti pensionistici potevano essere guidati da “contributi consistenti e rendimenti costanti nel tempo“.

Dick Durbin, Elizabeth Warren e Tina Smith continuano a sostenere che molti potenziali investitori “non sono consapevoli dei potenziali rischi e pericoli finanziari posti da asset digitali come Bitcoin” e hanno affermato che la stessa Fidelity ne era ben consapevole, limitando le allocazioni massime a 20%.