Tutti i limiti attualmente esistenti per quanto riguarda gli NFT: tecnologia con un potenziale enorme, ma con diversi problemi da risolvere.

Mojang Studios, sviluppatore del famosissimo Minecraft, è diventato l’ultimo grande studio di gioco a vietare gli NFT. Possono, ha affermato, creare “proprietà digitale basata sulla scarsità e l’esclusione, che non è in linea con i valori di Minecraft di inclusione creativa e gioco insieme“. Questo significa che “tutti i giocatori dovrebbero avere accesso alle stesse funzionalità“.

trading
Adobe Stock

Nel frattempo, l’hacking sta diventando un problema sempre più grande. Ricordiamo la truffa sponsorizzata tramite il profilo di un influencer, che prometteva NFT fasulli.

Limiti degli NFT e sfide da affrontare: pregi e difetti

La rock band britannica Muse ha pubblicato il loro nono album, Will of the People, con una “stampa digitale” tra i formati offerti. L’album si unirebbe agli sforzi precedenti per raggiungere la vetta delle classifiche, dando agli NFT musicali una pubblicità tanto desiderata? (Sì, a settembre.)

Le collezioni PFP di grandi nomi stavano vedendo scendere i loro prezzi iniziali, ma ciò non ha fermato tutto il cospicuo consumo, con un CryptoPunk venduto per $2,6 milioni. Nel frattempo, Tiffany & Co. ha offerto ai proprietari di CryptoPunk la possibilità di acquistare uno dei 250 pendenti su misura della loro Ape per soli $50.000. Sono andati esauriti in 20 minuti un mese dopo.

Gli scandali dell’insider trading di NFT

Con il Merge in procinto di spostare la principale blockchain NFT in un meccanismo di consenso PoS più verde, OpenSea è intervenuta sull’argomento degli NFT hard fork, un argomento che ha ricevuto maggiore attenzione con l’avvicinarsi del 15 settembre.

Bored Apes, CryptoPunks e ogni altro NFT su Ethereum – vale a dire, praticamente tutti – verrebbero duplicati negli spin-off Proof-of-Work. Cosa sarebbe successo a loro, chi li avrebbe posseduti e quanto sarebbero valsi stavano diventando grandi domande. La risposta di OpenSea a quest’ultimo è stata “niente” in quanto ha annunciato l’intenzione di non consentire i duplicati NFT sul suo sito.

Un’altra grande domanda NFT è sorta quando un ex dirigente di OpenSea è stato accusato di insider trading. In sostanza utilizzava la sua conoscenza avanzata delle collezioni NFT che sarebbero state presenti sul mercato per acquistare oggetti da collezione a buon mercato. Gli avvocati di Nate Chastain sostengono che gli NFT “non sono né titoli né materie prime e quindi non potrebbero generare oneri di insider trading. I federali non erano d’accordo e, in ottobre, nemmeno il giudice. Chastain nega le accuse e attende il processo.

Infine, Meta ha esteso il supporto NFT a 100 paesi in tutto il mondo in quattro continenti, nessuno dei quali era membro dell’UE. Passo importante nel portare gli NFT davanti alle masse al di fuori degli Stati Uniti. L’affronto era probabilmente il risultato dell’incertezza su come trattare e affrontare gli NFT nei regolamenti dell’UE sui mercati delle criptovalute (MiCA).