Ultimi aggiornamenti su Sam Bankman-Fried e il crollo di FTX: vediamo quali sono le prossime mosse dell’ex CEO del gruppo. Leggi di più!

In un anno che non sembrava potesse andare molto peggio, è arrivato Sam Bankman-Fried, ex CEO del secondo più grande exchange di criptovalute globale, FTX e la sua società di trading privata Alameda Research.

ftt ftx
Adobe Stock

Il crollo di FTX, in soli nove giorni a novembre, ha colpito il settore più duramente di qualsiasi altra cosa – e probabilmente di tutto ciò che è accaduto nel 2022. FTX, è stato rivelato, aveva inviato $10 miliardi di fondi dei suoi clienti per sostenere Alameda – con il giusto farlo. Mancavano circa 8 miliardi di dollari, apparentemente persi nel trading, anche se rimane la questione dei fondi sottratti.

Ultimi aggiornamenti su Sam Bankman-Fried ed FTX: ecco cosa sta succedendo

Le due società, presumibilmente separate, erano effettivamente gestite come un “feudo personale”.

Con un milione di clienti, FTX è stato un disastro senza eguali non solo per dimensioni ma anche per prestigio. Bankman-Fried aveva trascorso l’anno a farsi il volto delle criptovalute davanti al grande pubblico con una serie di riconoscimenti di atleti e celebrità di alto livello, nonché una spinta politica che lo ha reso il CEO di criptovalute più frequente a Capitol Hill mentre è diventato di gran lunga il suo più grande donatore. Ha distribuito decine di milioni di dollari in contributi elettorali e aveva promesso 100 milioni di dollari. Mentre la maggior parte è andata ai democratici, recentemente ha affermato di aver dato altrettanto ai repubblicani, ma lo ha fatto di nascosto.

Poi una storia di CoinDesk il 2 novembre ha aperto un enorme buco nella narrazione che aveva costruito di se stesso come il ragazzo d’oro miliardario delle criptovalute.

Si è scoperto che Alameda deteneva più di $5,8 miliardi dei suoi $14,6 miliardi di attività in FTT, un token dell’exchange emesso da FTX che offriva ai titolari uno sconto sulle commissioni.

Ciò ha sollevato grandi domande sulla salute finanziaria di FTX. E quando Binance ha detto il 6 novembre che avrebbe scaricato circa 580 milioni di dollari in token FTT – per diversi mesi – a causa di “recenti rivelazioni”, ha scatenato la versione dell’exchange di criptovalute di una corsa agli sportelli. I clienti hanno effettuato richieste di prelievo per 6 miliardi di dollari in 72 ore. Ciò si è rivelato più di quanto FTX potesse gestire.

I token FTT hanno perso quasi tre quarti del loro valore entro l’8 novembre, quando il CEO di Binance Changpeng “CZ” Zhao ha firmato un accordo non vincolante per l’acquisto di FTX, ritirandosi il giorno dopo dopo che la due diligence ha mostrato “troppi problemi“.

Situazione senza precedenti

Bankman-Fried ha iniziato quelli che sarebbero diventati giorni di scuse per aver “fatto un casino” prima di una dichiarazione di fallimento dell’11 novembre e delle sue dimissioni.

Avrebbe affermato in una serie di interviste sempre più improbabili che era tutto un errore, che in qualche modo non si era accorto che mancavano miliardi di dollari, che era stato pigro con la supervisione e che non aveva fatto nulla di sbagliato.

Valeva $15,6 miliardi lunedì 7 novembre, valeva circa $100.000 ha affermato all’inizio di dicembre, ha poi detto a un intervistatore.

In quel periodo di quel giro d’affari, l’exchange è stato hackerato per quasi $500 milioni di ore dopo la dichiarazione di fallimento. Un evento che Bankman-Fried avrebbe poi detto sembrava un lavoro interno.

Nel frattempo, l’esperto di ristrutturazione introdotto come nuovo CEO, che aveva svolto quel lavoro per Enron, ha affermato di non aver mai visto niente di così brutto come FTX.

Le rivelazioni continuavano ad arrivare: backdoor segrete per evitare che i trasferimenti da FTX ad Alameda venissero scoperti dalla legge e dalla conformità; lasciava che i clienti delle Bahamas si ritirassero dopo la pausa; ha aiutato il governo delle Bahamas a sequestrare una grossa fetta di fondi dopo che un giudice fallimentare statunitense aveva congelato tutto; un prestito personale di $300 milioni non contabilizzato; registrazioni di Bankman-Fried che distruggevano i regolatori e ridevano dicendo che “la roba sull’etica [era] principalmente una copertura“; e un’indagine antiriciclaggio (AML) in corso di FTX.

Poi è arrivato il crollo finale. Un giorno prima che avesse accettato di parlare a un’udienza alla Camera sull’argomento è arrivato l’arresto alle Bahamas.