Tra guerra, pubblicità fraudolenta e migliaia di scandali, il mercato delle criptovalute si affaccia al nuovo anno con una sola certezza.

Prima di dimettersi a settembre, il CEO di Kraken Exchange Jesse Powell si è unito ad Armstrong di Coinbase. Di fatto ha invitato i dipendenti a dimettersi. Ma i motivi partono da molto lontano.

kraken
Adobe Stock

A giugno, il New York Times ha riferito di aver messo in dubbio (e successivamente vietato) l’uso dei pronomi preferiti da parte dei dipendenti.

L’articolo, che descriveva “una guerra culturale aziendale alimentata da un CEO di criptovalute“, ha portato i dipendenti ad accusarlo di danneggiare la loro salute mentale e coltivare un posto di lavoro odioso, minacciando di dimettersi. Tutto questo ha portato a un documento di 31 pagine che descrive i “valori filosofici libertari” di Kraken e offre a chiunque non sia a bordo quattro mesi di indennità di licenziamento.

Blocco dei clienti russi

Questo è diventato un problema quando l’Ucraina ha chiesto agli exchange di criptovalute di congelare i fondi di tutti i clienti russi, non solo di oligarchi e politici sanzionati. Pur schierandosi con l’Ucraina, la maggior parte ha visto questo come un passo troppo avanti, con Coinbase che ha affermato:

La nostra missione è aumentare la libertà economica nel mondo. Un divieto unilaterale e totale punirebbe i normali cittadini russi che stanno subendo una storica destabilizzazione della valuta a causa dell’aggressione del loro governo contro un vicino democratico“.

Binance ha aggiunto:

Non congeleremo unilateralmente milioni di account di utenti innocenti. Le criptovalute hanno lo scopo di fornire una maggiore libertà finanziaria alle persone di tutto il mondo. Decidere unilateralmente di vietare l’accesso delle persone alle loro criptovalute andrebbe contro il motivo per cui esistono le criptovalute“.

Una società di criptovalute che lo ha fatto è stata lo sviluppatore di giochi blockchain Animoca Brands, creatore del metaverso The Sandbox. Citando “consulenza legale“, ha affermato che “potremmo essere noi stessi finanziariamente esclusi dal sistema finanziario“. È stato notato che potrebbe essere stato influenzato dalle licenze di proprietà intellettuale sia della Disney che della F1, che stavano entrambe tagliando fuori la Russia.

Approvazione dei titoli sempre più costosa

Kim Kardashian può dirtelo, a seguito di una multa di $1,26 milioni per aver sponsorizzato la cripto-truffa Ethereum Max su Instagram.

Sebbene avesse l’hashtag #ad, non è sufficiente per i titoli, riguardo i quali gli endorser devono rivelare quanto sono stati pagati.

Il Texas State Securities Board sta indagando su Steph Curry dei Golden State Warriors e sul quarterback dei Tampa Bay Buccaneers Tom Brady. È tutto basato sull’argomentazione della Securities and Exchange Commission (SEC) secondo cui Bitcoin è l’unica criptovaluta che non è una sicurezza.

Scandali in criptovalute: sempre più diffusi

Il senior community manager della piattaforma NFT Superrare Ashni Christensen e il direttore delle operazioni di Ethereum Name Service (ENS) Brantly Millegan hanno pubblicato dei tweet a dir poco controversi. Un tweet del 2016 diceva “Gli atti omosessuali sono malvagi. Il transgenderismo non esiste. L’aborto è un omicidio” osservazioni che ha successivamente difeso.

Millegan è stato anche accusato di aver indirizzato l’abuso transfobico direttamente a un individuo che era nella migliore delle ipotesi esplicito, personale e crudele. Inoltre ha pagato $7,16 in tasse del gas per inviarlo sulla blockchain di Ethereum.

In generale c’è stato un ampio sostegno da parte della community per la loro rimozione, con i valori del Web3 ampiamente citati. “Il Web3 dovrebbe essere inclusivo e accogliente“, ha affermato l’inventore del protocollo DeFi Uniswap Hayden Adams. “Rappresenti un protocollo Web3 fondamentale e le tue dichiarazioni pubbliche non riflettono questi valori, quindi le persone sono comprensibilmente turbate“. Allo stesso tempo, le accuse di comportamento “sbagliato” nei confronti di qualcuno per le sue convinzioni cattoliche, hanno evidenziato il divario attualmente esistente anche nel settore cripto.