Coinbase Wallet non supporterà più Bitcoin Cash, Ethereum Classic, Stellar Lumens e XRP: scopri perché l’exchange ha preso questa decisione.

Coinbase ha annunciato che abbandonerà il supporto di quattro vecchie e ben note criptovalute per il suo wallet. Stiamo parlando di Bitcoin Cash, Ethereum Classic, Stellar Lumens e Ripple’s XRP.

coinbase
Adobe Stock

Il wallet dell’exchange di criptovalute statunitense non supporterà più BCH, ETC, XLM e XRP a causa del “basso utilizzo”.

Coinbase Wallet non supporterà più Bitcoin Cash, Ethereum Classic e altre due criptovalute

In una nota sul suo sito Web, Coinbase ha affermato che a partire dal 23 gennaio 2023, il suo portafoglio Coinbase non supporterà più i token e le loro reti “a causa del basso utilizzo“.

Dopo tale data, sarà possibile spostare tali risorse su un altro portafoglio, ma richiederà l’uso di una frase di recupero Coinbase.

L’exchange avverte:

L’invio o la ricezione di risorse non supportate tramite Coinbase Wallet ti farà perdere i fondi“.

Questo delisting si riferisce solo al wallet Coinbase e non a Coinbase.com o all’app Coinbase Exchange.

Nel caso dei primi tre, ciò che fa notizia sui delisting è la loro entità e la loro storia.

Bitcoin Cash (BCH) ed Ethereum Classic (ETC) sono vecchi fork delle due maggiori criptovalute, che si sono separate rispettivamente nel 2017 e nel 2016. La causa è da ricercarsi in scismi nelle community di mining e di gestione dei nodi.

Stellar Lumens (XLM) è qualcosa di simile. Lo sviluppatore XRP Jed McCaleb lo ha lanciato nel 2014 dopo essersi separato dalla società di pagamenti transfrontalieri Ripple.

BCH è stato creato come risultato di una divisione sull’opportunità di aumentare la dimensione del blocco di Bitcoin. L’obiettivo era renderlo più scalabile – in grado di gestire più transazioni al secondo – per renderlo un metodo di pagamento migliore.

ETC è nato a seguito di un fork che aveva come obiettivo annullare gli effetti di un hack da $50 milioni. Alcuni membri della community sostenevano che bisognasse fare un’eccezione ad uno dei principi sacri della blockchain: l’immutabilità. Lo hanno fatto al prezzo di un terribile precedente.

Grandi nomi

Ma queste criptovalute hanno perso molto terreno. Sono infatti saliti alla ribalta token nativi delle blockchain smart contract, i cosiddetti “Ethereum killer”. Parliamo ad esempio di BNB, Cardano e Polkadot.

XRP rimane uno dei primi 10 token con una capitalizzazione di mercato di $19,8 miliardi al momento in cui scrivo. È la settima criptovaluta più grande e l’ottava più scambiata, con un volume di 24 ore di $927 milioni.

Nonostante ciò, il trading sul token è stato sospeso per quasi due anni su Coinbase e su molti altri exchange di criptovalute.

Questo perché Ripple è bloccato in una battaglia legale in corso con la Securities and Exchange Commission (SEC). È un caso molto seguito nel settore delle criptovalute in quanto equivale a un banco di prova dell’affermazione del regolatore secondo cui praticamente tutte le criptovalute sono titoli.

Se la SEC vince, qualsiasi borsa valori potrebbe essere colpita da una causa per la vendita di titoli senza una licenza di broker-dealer.

E mentre la SEC può farlo con qualsiasi criptovaluta, la preoccupazione era che lo avrebbe fatto proprio con XRP, poiché la causa ha specificamente classificato il token come security.

Il 19 gennaio 2021, Coinbase si è unita a molti altri importanti exchange, e ha sospeso il trading di XRP.