Ripple cerca licenze irlandesi: l’obiettivo è portare pagamenti internazionali basati su criptovalute nell’Unione Europea, i dettagli.

Ripple sta cercando di entrare nel mercato europeo. La società ha intenzione di offrire pagamenti internazionali rapidi, economici e 24 ore su 24, 7 giorni su 7 nell’UE.

ripple xrp
Adobe Stock

In un’intervista pubblicata venerdì, Stuart Alderoty ha dichiarato alla CNBC che la società di pagamenti sta cercando una licenza. In particolare si tratta di un fornitore di servizi di asset virtuali dalla Banca centrale d’Irlanda. Inoltre prevede di richiedere una licenza di Electronic Money Institution “a breve”.

Ripple e i pagamenti in criptovalute nell’Unione Europea: cosa devi sapere

Ripple utilizza la tecnologia blockchain e la criptovaluta XRP. La rete che consente alle banche e ad altre società finanziarie di spostare fondi a livello internazionale quasi in tempo reale e in cambio di commissioni molto basse. Inoltre è operativa 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

I bonifici internazionali tramite la rete SWIFT tradizionale possono richiedere giorni per essere finalizzati. Inoltre sono molto costosi e funzionano solo durante l’orario di lavoro della banca. All’estremità inferiore della scala, una rimessa di $200 inviata a casa da un lavoratore straniero può costare da $7 a $15

Oltre ad espandersi nell’UE, Ripple si sta espandendo al di fuori degli Stati Uniti. Qui ha trascorso gli ultimi due anni a combattere una causa con la Securities and Exchange Commission (SEC).

Quel caso accusa alcuni dirigenti di aver venduto un titolo senza licenza. Si tratta in particolare di XRP, un token creato dai fondatori di Ripple nel 2012, in quella che ora equivale a una vendita illegale di titoli durata 10 anni.

Ripple nega che XRP sia una security. È la prima società di criptovalute che ha contestato in tribunale l’affermazione di lunga data della SEC secondo cui praticamente tutte le criptovalute tranne il bitcoin sono titoli. Questo limita notevolmente la loro utilità sia come risorsa che come valuta per i pagamenti.

Il sostegno della community cripto

Il caso Ripple ha suscitato molto interesse e sostegno da parte della community delle criptovalute. In sostanza fornirà la prima sentenza del tribunale sul fatto che le criptovalute siano titoli o meno.

Gran parte dell’industria cripto afferma che le criptovalute non sono contratti di investimento nell’ambito della SEC, ma materie prime che dovrebbero essere regolamentate dalla Commodity Futures Trading Commission. Questo disaccordo è al centro della lunga campagna di lobbying del settore per influenzare la legislazione in corso. Sarà infatti necessario creare un quadro normativo corretto e permanente per le criptovalute.

La campagna ha subito una grave battuta d’arresto questo mese, a causa del fallimento degli exchange di criptovalute FTX e FTX US e delle loro società collegate. Sappiamo che le società utilizzavano i fondi dei clienti per coprire le perdite della consociata Alameda Research. Inoltre il suo ex CEO, Sam Bankman-Fried, era un membro di altissimo profilo di quello sforzo di lobbying.

Il caso sta entrando nel suo round finale. L’ultimo atto si terrà il 30 novembre, quando il giudice federale emetterà una sentenza o la invierà a un processo con giuria. Alderoty ha dichiarato di aspettarsi una sentenza entro la metà del 2023.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

A ottobre, Ripple ha annunciato una partnership con due società dell’UE, il fornitore di pagamenti con sede a Parigi Lemonway e il fornitore di servizi di trasferimento di denaro svedese Xbaht.