Gli investitori stanno davvero ritirando le proprie criptovalute sdagli exchange centralizzati? Facciamo il punto della situazione.

Osservando i flussi di Bitcoin, le società di blockchain intelligence blockchain vedono un cambiamento più grande nello spostamento di fondi da un exchange centralizzato a un altro.

criptovalute exchange centralizzati
Adobe Stock

Inoltre la crescita generale dei DEX può essere attribuita a un picco di volatilitá, data l’elevata attività di trading. Vediamo bene cosa sta succedendo.

Le criptovalute stanno davvero uscendo dagli exchange centralizzati?

Negli ultimi giorni, c’è stata un po di perplessità sul fatto che gli utenti abbiano trasferito una gran quantità di criptovalute fuori dagli exchange.

In effetti, CoinDesk ha notato che solo il 17 novembre sono stati prelevati dagli exchange 220.000 Bitcoin, citando i dati di Coinglass.

I numeri si sono normalizzati. Ora siamo sotto i 50.000 negli ultimi 30 giorni. Una rapida occhiata mostra inoltre che una grossa fetta è finita su Binance, che ha visto il suo saldo in Bitcoin salire di oltre 60.000 BTC in quel periodo e più di 94.000 nelle ultime 24 ore.

Nel frattempo, Coinbase Pro è sceso di 71.000 nell’ultimo mese, Gemini è sceso di 26.000 e Kraken è sceso di 20.000. Tuttavia, Bitfinex è aumentato di quasi 45.000 e Huobi di 15.000.

Questo è uno dei motivi per cui in un thread Twitter del 16 novembre , la società di intelligence blockchain Chainalysis ha suggerito che i deflussi potrebbero non essere un problema così grande come sembravano.

Nel complesso, mentre altre aziende potrebbero trovarsi di fronte all’insolvenza, molti fondamentali del mercato rimangono stabili. I rapporti suggeriscono che la situazione FTX deriva da una frode finanziaria piuttosto che da un fallimento specifico della blockchain o delle criptovalute“, ha affermato.

Pur riconoscendo che c’è stato un enorme deflusso di Bitcoin dagli exchange centralizzati, Chainalysis ha dichiarato:

Dove vanno quei fondi quando lasciano gli exchange centralizzati? Principalmente verso altri exchange centralizzati. Ma abbiamo anche assistito a picchi di fondi inviati a wallet personali custodial (ovviamente possono sempre essere spostati di nuovo) e ai protocolli DeFi“.

In effetti, anche la corsa agli exchange di criptovalute in USD si è “smorzata, e gli utenti ora sembrano incassare dalle criptovalute all’incirca agli stessi tassi che avevano prima della crisi FTX“.

Ma i Dati sui DEX sono fuorvianti

Oltre a ciò, i numeri non supportano particolari interessanti nei confronti della DeFi e dei cold wallet, in generale.

Per prima cosa, il passaggio da CeFi a DeFi non é sempre di facile comprensione, poiché il 90% degli afflussi verso gli exchange decentralizzati (DEX) può essere attribuito a contratti intelligenti. Una percentuale molto elevata di essi può inoltre essere attribuita ad un account o un bot di origini imprecise.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Nel complesso, i dati suggeriscono che il picco del trading sui DEX non è guidato principalmente dagli afflussi di utenti CEX che cercano l’auto-custodia“, ha affermato Chainalysis. “Piuttosto, è guidato dagli utenti DeFi esistenti che fanno trading sulla volatilità del mercato e da un industrioso bot MEV che tenta di anticiparli“.