Perché i guru delle criptovalute pubblicano continuamente video da Dubai? La risposta ti sorprenderà: cosa non stai considerando.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno seguito un piano consapevole per posizionarsi all’avanguardia nell’innovazione degli asset digitali. È iniziato nel 2018 con la Blockchain Strategy 2021, un piano pluriennale che mira a “risparmiare tempo, fatica e risorse e consentire alle persone di condurre la maggior parte delle loro transazioni in modo tempestivo e adatto al loro stile di vita e lavoro“, secondo le dichiarazioni rese a l’epoca dal vicepresidente e primo ministro Mohammed bin Rashid Al Maktoum.

dubai criptovalute
Adobe Stock

Secondo CoinTelegraph, il piano mirava a un risparmio di 3 miliardi di dollari all’anno di burocrazia inutile implementando la tecnologia blockchain. Ad esempio, le autorità pubbliche userebbero sistemi di gestione del ciclo di vita dei veicoli basati su blockchain e inserirebbero processi B2B sulla blockchain. Sebbene il suo successo non sia chiaro, un effetto tangibile è stato l’emergere di molti quadri normativi diversi negli Emirati Arabi Uniti.

Criptovalute a Dubai: una strategia a lungo termine

Ogni emirato ha diversi organismi di regolamentazione, per un totale di 30 regolatori negli Emirati Arabi Uniti. Questo crea una legislazione disordinata ma nel complesso favorevole alle criptovalute, supervisionata dalla Securities and Commodities Authority (SCA), l’equivalente degli Emirati Arabi Uniti della SEC americana. Gli Emirati Arabi Uniti hanno annunciato il rilascio di licenze federali per il primo trimestre del 2022, sebbene lo stato di questo piano rimanga poco chiaro nel momento in cui scrivo.

Ma gli Emirati non si sono fermati alla regolamentazione delle criptovalute. Nell’estate 2021, la banca centrale del paese ha annunciato la sperimentazione di una CBDC come parte del suo piano triennale per diventare una delle prime 10 banche centrali del mondo tra il 2023 e il 2026. Ciò implica anche l’uso dell’UAE Pass, un sistema di monitoraggio dell’identità digitale dei cittadini.

Posizionamento strategico

Tutto questo fa parte della diversificazione strategica degli Emirati Arabi Uniti: dall’esportazione di petrolio ai servizi digitali. Brad Yasar, co-fondatore e CEO dell’aggregatore automatizzato di pool di liquidità EQIFi, ha fatto una dichiarazione a CoinTelegraph. Il governo è stato rapido nel riconoscere e cogliere l’opportunità emersa dall’ascesa delle risorse digitali.

Inoltre, gli Emirati Arabi Uniti si trovano in una buona posizione geografica. Sono ben posizionati tra i centri finanziari europei e asiatici e in un fuso orario tollerabile per i trader di entrambi i continenti. Anche giocare politicamente da entrambe le parti in conflitti che mettono in contrasto i paesi occidentali e i loro rivali autoritari aiuta sicuramente.

Ovviamente non va tutto liscio per le criptovalute negli Emirati Arabi Uniti. La Financial Action Task Force, un organismo mondiale di sorveglianza sul riciclaggio di denaro, ha recentemente inserito il paese nella sua “lista grigia” e controllerà più da vicino le procedure per prevenire il flusso di denaro ottenuto illecitamente. Secondo quanto riferito, i clienti russi stanno già cercando di liquidare criptovalute per un valore di miliardi negli Emirati Arabi Uniti. Questo non è allineato con le famigerate sanzioni di cui tanto si parla.

Un’altra potenziale vulnerabilità potrebbe essere la regolamentazione delle criptovalute nei diversi emirati. Se – per esempio – Dubai concedesse una licenza a un’azienda di criptovalute che non lavora in modo trasparente, e questa azienda si mettesse nei guai di qualche tipo – mi viene in mente il crollo di LUNA – sarebbe certamente tutt’altro che l’ideale per la reputazione degli Emirati Arabi Uniti come hub crittografico.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Per ora, tutti questi sono solo esempi. La popolarità delle criptovalute negli emirati è palese, ed è confermata dall’enorme quantità di eventi blockchain ospitati lì.