L’implosione di FTX ricorda agli investitori un aspetto fondamentale: “Non le tue chiavi, non le tue criptovalute”: vediamo cosa significa.

Un numero record di detentori di criptovalute sta spostando i propri fondi dalle piattaforme centralizzate sulla scia del crollo di FTX e FTX US.

chiavi blockchain
Adobe Stock

La società di intelligence on-chain Glassnode ha riportato un flusso record di Bitcoin dai portafogli sugli exchange all’autocustodia in seguito al fallimento dell’exchange di criptovalute FTX. Vediamo alcuni dettagli interessanti.

Fuga dagli exchange: gli investitori si rifugiano nei cold wallet

La società di informazioni di mercato on-chain Glassnode ha dichiarato domenica che 106.000 Bitcoin sono stati trasferiti dagli exchange centralizzati veso wallet custodiala seguito del crollo di FTX“.

È successo lo stesso (almeno 100k BTC) ad aprile 2020, novembre 2020 e giugno-luglio 2022.

Tuttavia, quanto panico ci sia attualmente oltre il normale quest’anno è discutibile. Mentre l’indice Crypto Fear & Greed si è dimezzato da 40 il 6 novembre al 21 novembre, è rimasto tra i 20 bassi per tutto settembre e ottobre ed è rimasto all’incirca nella fascia da 6 a 12 a maggio, giugno e luglio, quando il prezzo di Bitcoin è sceso da circa $40.000 a meno di $20.000 nell’arco di sei settimane.

Oltre a questo, Glassnode ha affermato che il passaggio all’autocustodia delle criptovalute “è stato importante a partire dal 6 novembre“. I suoi numeri hanno mostrato che i deflussi dagli exchange centralizzati da parte di detentori di token con saldi inferiori a 1 BTC erano di gran lunga superiori a quelli delle whale con saldi più grandi.

I “pesci piccoli” con meno di 1 BTC hanno rimosso quasi 10 volte di più rispetto alle 3.600 “balene” di Bitcoin. Gli “squali” con saldi Bitcoin da 10 a 1.000 BTC hanno impiegato ben più di 20 volte. Gli investitori con un importo compreso tra 1 e 10 BTC, ha spostato 13,5 volte più Bitcoin su cold wallet.

Non le tue chiavi, non le tue criptovalute

In molti modi, coloro che spostano le loro partecipazioni in criptovalute su cold wallet dagli exchange stanno solo seguendo i consigli di base forniti dalla maggior parte degli esperti di criptovalute, inclusi più di alcuni amministratori delegati di exchange centralizzati.

Chanpeng “CZ” Zhao di Binance e il presidente esecutivo di MicroStrategy Michael Saylor sono stati le voci recenti di più alto profilo che avvertono che l’autocustodia è molto più sicura che mantenere i fondi dei portafogli degli exchange.

Zhao ha definito l’autocustodia sui cold wallet di proprietà privata “un diritto umano fondamentale” il 13 novembre, collegandosi a un post di due anni che ha scritto sull’argomento, mentre il massimalista di Bitcoin Saylor ha affermato in una conferenza qualche giorno prima che ” nei sistemi in cui non c’è autocustodia, i custodi accumulano troppo potere e quindi possono abusare di quel potere“.

Saylor ha aggiunto che l’autocustodia tramite cold wallet è un importante fornitore di “assegni e contrappesi“, ha riferito Cointelegraph .

Ma “non le tue chiavi, non le tue criptovalute” è un consiglio che è stato dato per anni, in particolare dal sostenitore e autore Andreas Antonopoulos.

Elon Musk, CEO di Tesla e proprietario di Twitter, ha avvertito che “ogni portafoglio cripto che non ti fornisce le tue chiavi private dovrebbe essere evitato a tutti i costi“, nel 2021.

E sia il CEO di Coinbase Brian Armstrong che il fondatore di Kraken (e poi CEO) Jesse Powell hanno consigliato alle persone di custodire autonomamente le proprie criptovalute dopo che il Canada ha invocato il suo Emergency Act durante le proteste dei camionisti di febbraio. Powell ha detto:

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Per favore, non finanziare cause direttamente dai portafogli di custodia. Sono sicuro che stanno arrivando gli ordini di congelamento“.