OpenSea guadagnerà una percentuale sulle royalties dei creatori di NFT per tutte le vendite sulla sua piattaforma: vediamo cosa cambia.

Il principale marketplace NFT OpenSea ha dichiarato che raccoglierà le royalties dei creatori per tutte le vendite sulla sua piattaforma.

opensea nft
Adobe Stock

Il più grande mercato NFT ha rinunciato a un piano per raccogliere le royalty di rivendita solo per le nuove raccolte, che consentono ai creators di renderle invendibili su mercati non conformi. Vediamo più nel dettaglio.

Opensea e la novità sulla percentuale dalle vendite di NFT: questo cambia tutto

Il marketplace costruito su Ethereum ha suscitato scalpore all’inizio della settimana. L’obiettivo è invertire la tendenza che ha portato la maggior parte dei concorrenti a smettere di riscuotere i diritti di rivendita che gli artisti attribuiscono alle proprie creazioni NFT, ma solo per le nuove collezioni. Queste generalmente ammontano dal 5% al ​​10% delle vendite secondarie.

La questione è stata alcentro delle polemiche negli ultimi mesi. Questo perché i nuovi mercati che inizialmente non addebitavano royalties hanno iniziato a prendere quote di mercato significative da scambi più consolidati. Il secondo marketplace più grande, LooksRare, è crollato in ottobre, dopo il numero 3 X2Y2, che ha annunciato che il pagamento delle royalty sarebbe stato facoltativo a partire da agosto.

A quel tempo, X2Y2 ha affermato di essere “al 100%” d’accordo sul fatto che rendere facoltative le royalties “non dovrebbe assolutamente essere la norma. Detto questo … purtroppo dobbiamo rimanere nello spazio se vogliamo cambiare le cose in meglio nel a lungo termine. Questa mossa NON è la nostra preferenza!

OpenSea ha preso una strada diversa, annunciando il 5 novembre che stava lanciando un nuovo strumento. La nuova funzionalità avrebbe consentito ai creatori di NFT di aggiungere un codice che essenzialmente avrebbe inserito nella lista nera la vendita di quei token su piattaforme che non impongono royalties.

Questo avrebbe minacciato i principi di decentramento propri delle criptovalute. Ma avrebbe imposto royalties solo per le nuove raccolte che utilizzavano questo o strumenti simili.

È chiaro che molti creatori vogliono la possibilità di imporre commissioni on-chain. Crediamo che la scelta dovrebbe essere loro, non di un mercato. OpenSea applicherà le tariffe dei creatori solo per le nuove raccolte che utilizzano uno strumento di applicazione della blockchain come Questo.”

I creators non ci stanno

Tutto questo, inutile dirlo, ha portato alle critiche dei creators di NFT, che non hanno accettato la scelta di OpenSea.

Tra gli altri, i fondatori della collezione NFT Bored Ape Yacht Club hanno dato spettacolo sui social. Wylie “GordonGoner” Aronow ha scritto sul blog che, nonostante abbia guadagnato $35 milioni in commissioni di trading dalle vendite di BAYC:

OpenSea ha chiarito la sua posizione che intende muoversi con il resto della mandria e rimuovere le royalties dei creatori per le raccolte legacy dalla loro piattaforma mantenendo la stessa commissione di trading su tutta la linea“.

LooksRare aveva cercato di attenuare il colpo annunciando che avrebbe ceduto un quarto della sua commissione di scambio del 2% ai creatori.

Il 9 novembre, OpenSea ha annunciato la sua inversione, dicendo:

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Siamo a un punto di svolta collettivo: se in questo ecosistema se ne andassero tutti coloro che credono che le commissioni dei creatori siano importanti per il nostro futuro collegano armi su questo, garantiremo che le commissioni siano durevoli“.