Bitcoin torna sotto i $20.000, anche Dogecoin e Solana sono stati colpiti duramente: cerchiamo di capire cosa succede nel mercato.

I mercati delle criptovalute hanno subito un forte calo nelle prime ore di martedì, trascinando Bitcoin sotto i $20.000.

crollo mercato
Adobe Stock

Mentre l’euforia per l’acquisizione di Twitter da parte di Elon Musk inizia a svanire, anche DOGE è crollato del 30% in un periodo di sette giorni. Vediamo cosa sta succedendo.

Bitcoin nuovamente sotto $20k: cerchiamo di capire cosa succede

Una correzione improvvisa significa che BTC ha ora restituito tutti i guadagni realizzati alla fine della scorsa settimana. La criptovaluta più grande del mondo era salita al massimo di due mesi di $21.466.

Mentre Bitcoin è in calo del 4,9% nel momento in cui scrivo, molte altcoin stanno andando molto peggio, con Ether in calo del 5,8%.

E l’inversione di tendenza è stata particolarmente disastrosa per Dogecoin, che è sceso del 12,7% nelle ultime 24 ore.

Mentre l’euforia per l’acquisizione di Twitter da parte di Elon Musk inizia a svanire, anche DOGE è crollato del 30% in un periodo di sette giorni.

Altri grandi perdenti includono Solana, in calo del 12,8% nelle 24 ore. E FTT, il token nativo dell’exchange FTX assediato, vale il 22% in meno rispetto a questa volta lunedì.

Cosa sta succedendo?

Come sempre nei mercati delle criptovalute, è difficile capire esattamente cosa sta causando l’attuale recessione.

Si potrebbe obiettare che sia collegato al recente dramma che circonda FTX, che ha portato a una tesa situazione di stallo tra i miliardari cripto Sam Bankman-Fried e Changpeng Zhao su Twitter.

Ma la situazione potrebbe anche essere attribuita al nervosismo che circonda le cruciali elezioni di medio termine negli Stati Uniti. Gli americani andranno alle urne martedì.

Sono in palio l’intera Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti e circa un terzo del Senato. Ci si aspetta che i repubblicani prendano il controllo della Camera.

Questo sarebbe un duro colpo per Joe Biden e per la sua volontà ottenere leggi attraverso il Congresso. I risultati potrebbero avere implicazioni per tutto il settore delle criptovalute.

Non solo potrebbero influenzare alcune delle politiche sulle cripto che l’amministrazione di Biden sta tentando di portare avanti, ma potrebbe cambiare l’esito delle votazioni sul futuro della regolamentazione.

Si potrebbe obiettare che una vittoria repubblicana sarebbe uno sviluppo rialzista per il settore delle risorse digitali, dato il numero di politici all’interno di questo partito che sostengono apertamente Bitcoin.

Un grosso problema all’ordine del giorno riguarda quali agenzie dovrebbero essere responsabili della regolamentazione delle criptovalute, fino a che punto dovrebbero spingersi i loro poteri e come dovrebbero essere trattate le stablecoin.

Si ipotizza che il rappresentante Patrick McHenry, che ha espresso il desiderio di portare avanti la politica delle criptovalute, potrebbe diventare il presidente della Commissione per i servizi finanziari della Camera se si vedrà un'”onda rossa” alle urne.

Ed Elon Musk..

In altri sviluppi, il nuovo proprietario di Twitter Elon Musk ha suscitato scalpore, influenzando in qualche modo il voto.

Il potere condiviso frena i peggiori eccessi di entrambi i partiti, quindi consiglio di votare per un Congresso repubblicano, dato che la Presidenza è democratica“.

È piuttosto insolito per il proprietario di un influente social network inchiodare i propri colori all’albero maestro in questo modo:

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Per essere chiari, la mia affiliazione storica al partito è stata indipendente, con una storia di voto effettiva interamente democratica fino a quest’anno. E sono aperto all’idea di votare di nuovo democratico in futuro“.