Le Royalties sulle opere possono da sole costruire o distruggere la carriera dei creatori, ma adesso diversi marketplace NFT stanno cercando di farla finita con queste commissioni per attirare più acquirenti.

Le royalty NFT sono pagamenti automatizzati effettuati agli artisti NFT sugli acquisti e rivendite delle loro opere d’arte NFT. Le royalties per ciascun Non Fungible Token (NFT) sono codificate nello smart contract del NFT.

opensea nft royalties
Adobe Stock

Quando si verifica una vendita secondaria, lo smart contract paga al mercato una percentuale della royalty come richiesto dal creatore. Al creatore vengono quindi pagate le royalties dal mercato che ha facilitato la transazione.

Per citare un caso degno di nota, l’NFT “Crossroads” di Beeple è stato rivenduto sul mercato secondario per 6,6 milioni di dollari nel febbraio 2021. Beeple ha ricevuto una royalty del 10% su quella vendita. Questo particolare esempio dimostra l’importanza delle royalties NFT.

NFT e royalties, una questione che arriva la lontano

Storicamente, i creatori e gli artisti non potevano tenere traccia delle transazioni successive sulle loro opere. Tutto ciò che avrebbero ricavato dalle loro opere d’arte era la prima vendita.

E, indipendentemente da quanto siano diventate popolari o di successo nel tempo le loro opere d’arte, non avrebbero tratto profitto dal lavoro precedentemente venduto. Gli acquirenti del loro lavoro potrebbero essere in grado di rivenderlo a un prezzo elevato. Di conseguenza, le vendite secondarie erano inefficaci per gli artisti.

Nel caso delle NFT, la storia è piuttosto diversa. Con le royalties NFT, gli artisti possono trarre profitto dalle loro opere per tutto il tempo che vogliono.

Perché la posizione di OpenSea su questo punto è importante?

Diversi marketplace NFT hanno rifiutato di riconoscere i diritti d’autore dei creatori negli ultimi mesi, sebbene la piattaforma leader OpenSea sia rimasta in silenzio sull’argomento, presumibilmente valutando le sue opzioni.

In un thread su Twitter il 6 novembre, l’azienda da 13,3 miliardi di dollari ha condiviso il suo approccio alle royalties NFT.

Secondo il thread e il blog associato, hanno in programma di implementare un meccanismo che consentirà ai creatori di nuovi progetti di vietare mercati specifici che non richiedono ai trader di pagare royalties. L’8 novembre entrerà in vigore il nuovo meccanismo.

“È chiaro che molti creatori vogliono la possibilità di applicare commissioni sulla catena e crediamo che la scelta dovrebbe essere loro, non di un mercato”, ha affermato OpenSea.

“Quindi stiamo sviluppando strumenti che speriamo equilibrino la bilancia dando ai creatori un maggiore controllo sul loro modello di business”.

Molti mercati nuovi e concorrenti stanno tentando di guadagnare quote di mercato offrendo o rendendo facoltativo il trading a royalty zero. Dopo che Magic Eden, il principale mercato di Solana, ha reso le royalties opzionali per i trader, altre piattaforme Ethereum come X2Y2, LooksRare e Blur hanno seguito l’esempio. Quasi l’intero mercato NFT di Solana ora utilizza tali accordi.

Secondo OpenSea, sta ancora decidendo cosa fare con i progetti NFT esistenti. Solleciterà anche un ulteriore feedback da parte della comunità. Prenderà una decisione in merito entro l’8 dicembre. Dopo quella data, il mercato prenderà una decisione, che potrebbe includere il pagamento delle royalty per i rivenditori come facoltativo, come hanno fatto altri mercati.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Quando non è necessario, molti trader scelgono di non pagare i pagamenti delle royalty ai creatori. Alla fine di ottobre, punk9059, affermando di essere il direttore della ricerca a prova xyz, ha pubblicato i dati di X2Y2 rivelando che solo il 18% dei rivenditori ha pagato le royalty.