Secondo un ex editore, i notiziari ed i media mainstream stanno facendo un pessimo lavoro per quanto riguarda l’adozione di Bitcoin.

Le testate giornalistiche stanno facendo un pessimo lavoro nel raccontare la storia di Bitcoin, secondo l’ex editore di FT Alphaville.

media bitcoin
Adobe Stock

Izabella Kaminska ha affermato che questo fa parte di un “problema mediatico più ampio” e non è solo specifico per lo spazio delle criptovalute. Vediamo perché.

Media e notiziari: pessimo lavoro su Bitcoin

Parlando alla conferenza Bitcoin Amsterdam, Izabella Kaminska ha affermato che questo fa parte di un “problema mediatico più ampio“. Non è quindi solo specifico del mercato delle criptovalute.

Ha affermato che molte redazioni soffrono di una mancanza di risorse. Questo significa che i giornalisti non hanno abbastanza tempo per analizzare quello che stanno facendo.

Secondo Kaminska, le complessità e le sfumature tecniche che circondano Bitcoin “non si prestano nemmeno alla cultura del soundbite“.

Tuttavia, l’ex editore pensa che Bitcoin sia ora preso definitivamente sul serio dalle testate giornalistiche tradizionali. Ormai è ampiamente accettato che la criptovaluta più grande del mondo sia qui per restare.

Kaminska afferma che i Bitcoiners spesso perdono gran parte della copertura positiva che stanno ottenendo. Un certo numero di relatori durante la conferenza si è inveito contro artisti del calibro della BBC per il modo in cui ritraggono Bitcoin. Ma ci sono stati anche articoli frequenti in cui si parlava di come si fa affidamento sulla criptovaluta in paesi come l’Argentina, El Salvador e Repubblica Centrafricana.

Il giornalista – che ora è uno dei redattori fondatori di The Blind Spot – ha anche affermato che la testardaggine e la sfrontatezza mostrate dai Bitcoiners erano necessarie per portare BTC dove è oggi. Ha descritto questo spirito come descrivendolo come “pionieristico“. Ma avanti veloce fino ad ora, e ha suggerito che potrebbe essere il momento di tendere una mano a coloro che sono scettici nei confronti delle criptovalute, e provare a ridurre la polarizzazione.

Kaminska ha partecipato a un panel per discutere del problema dei media di Bitcoin con Jemima Kelly, un editorialista del Financial Times che è stato un critico vocale di BTC. Durante quel dibattito, Kelly ha affermato che i vantaggi offerti da Bitcoin sono controbilanciati dai contro.

Quando le è stato chiesto se fosse d’accordo con questa prospettiva, Kaminska ha detto che crede che sia meglio avere Bitcoin che non averne.