In che modo Bitcoin potrebbe diventare a corso legale? Ecco quale paese potrebbe essere il prossimo a seguire l’esempio di El Salvador.

Alla fine dell’anno scorso, El Salvador ha reso Bitcoin “valuta a corso legale”. E ad aprile di quest’anno, lo ha fatto anche la Repubblica Centrafricana.

paesi stai bitcoin corso legale criptovalute

In questo articolo, esploriamo perché anche altri paesi potrebbero iniziare a utilizzare Bitcoin in questo modo, e quale paese potrebbe essere il prossimo a seguire l’esempio di El Salvador. Immergiamoci

Corso legale: cosa si intende

Il corso legale è qualsiasi forma di pagamento che le imprese devono accettare per legge in una determinata area. Ad esempio, il dollaro ha corso legale negli Stati Uniti e in molti altri paesi, mentre la maggior parte dell’Europa usa l’euro e la Gran Bretagna usa la sterlina.

Ma fino alla fine dello scorso anno, praticamente nessuno stava nemmeno discutendo sull’utilizzo di Bitcoin come moneta a corso legale. All’improvviso El Salvador ha annunciato i suoi piani per diventare il primo paese a utilizzare Bitcoin in questo modo. E ora che la Repubblica Centrafricana ha fatto lo stesso, è possibile che altri paesi seguiranno a ruota.

Ma prima di capire quale paese potrebbe essere il prossimo, diamo un’occhiata rapidamente alla differenza tra le valute fiat legali e Bitcoin.

Bitcoin vs valute Fiat: tutte le differenze

Le valute Fiat, come ad esempio l’euro, sono sostenute dalla piena fiducia e credito del governo. Questo significa che le autorità di regolamentazione promettono di pagarti il ​​valore del denaro in caso di inadempienza. A differenza delle valute garantite dall’oro, le valute legali hanno valore perché un governo – o una banca centrale – mantiene stabile quel valore.

Le valute Fiat sono centralizzate e controllate da un’autorità governativa, normalmente una banca centrale. Questo offre ai governi un maggiore controllo sulla propria valuta, poiché possono stamparne di più quando e quando necessario.

Molte persone sostengono che le banche centrali che creano denaro dal nulla – ovvero non sostenuto da alcun bene tangibile – causino un’inflazione inutilmente alta, bolle e persino crisi finanziarie.

Bitcoin, d’altra parte, ha un’offerta limitata che nessuna banca centrale o governo può alterare. Nessuno potrà mai stampare, codificare o far nascere altri Bitcoin, indipendentemente dal motivo. In altre parole, Bitcoin è quasi completamente libero dall’influenza del governo. L’unico modo in cui un regolatore o una banca centrale può regolamentare Bitcoin o qualsiasi altra criptovaluta è vietare alle persone di usarlo. Oppure imporre tassazioni insostenibili.

Il costo della libertà

Quindi, se Bitcoin venisse adottato a livello globale come moneta a corso legale dall’oggi al domani, le banche centrali e le autorità di regolamentazione finanziaria avrebbero pochissimo potere o voce in capitolo su come spendiamo i nostri soldi. Questa libertà avrebbe un costo.

Bitcoin può sicuramente liberare le persone dal dover utilizzare una valuta che viene regolarmente svalutata. Ma i malintenzionati potrebbero usarlo per pagare beni e servizi illegali all’insaputa del governo. Questo è il motivo per cui è improbabile che un governo voglia utilizzare Bitcoin come unica valuta o moneta a corso legale.

Ad oggi non esiste una regola che dica che qualsiasi paese debba utilizzare esclusivamente Bitcoin. Alcuni paesi – come El Salvador – utilizzano sia Bitcoin che una valuta fiat. Diamo un’occhiata a come e perché El Salvador è diventato il primo paese a rendere Bitcoin valuta a corso legale.

Bitcoin: come è diventata valuta a corso legale in El Salvador

I salvadoregni hanno provato per la prima volta Bitcoin nel 2019, in un villaggio costiero chiamato El Zonte. Le persone che vivevano nel villaggio acquistavano prodotti e pagavano le bollette in criptovalute.

Il 7 settembre 2021, El Salvador è diventato il primo paese a nominare Bitcoin ufficialmente valuta a corso legale. La nuova legge sui Bitcoin è stata annunciata dal presidente Nayib Bukele in una conferenza sui Bitcoin a Miami nel giugno dello stesso anno.

Bukele ha affermato che avrebbe aiutato i salvadoregni che non hanno conti bancari a risparmiare più denaro e ad inviare e ricevere denaro più facilmente dall’estero.

Dato che le rimesse rappresentano circa un quinto del PIL di El Salvador, è stato stimato che i salvadoregni potrebbero risparmiare circa $400 milioni all’anno solo sulle commissioni utilizzando Bitcoin invece di società come Western Union.

Il presidente Bukele spera anche che, poiché il paese sta diventando più cripto-friendly nel tempo, gli imprenditori siano più inclini a creare nuove attività in El Salvador, il che porterebbe benefici alle casse dello stato.

Favorire l’adozione

Per promuovere l’adozione, dopo l’entrata in vigore della legge Bitcoin, il governo di Bukele ha creato e rilasciato un wallet digitale ufficiale chiamato Chivo. In gergo salvadoregno significa “cool”. Ogni cittadino che ha utilizzato il portafoglio ha avuto diritto a $30 in Bitcoin. Finora, circa il 56% dei salvadoregni ha scaricato questa app. Questo significa che ora più della metà delle persone possiede un portafoglio Bitcoin nel paese.

Bukele ha anche condiviso i piani per una Bitcoin City, dove Bitcoin e altre criptovalute sarebbero state estratte utilizzando l’energia geotermica del vulcano Conchagua.

Il programma non è ancora decollato. Se lo facesse, potrebbe creare migliaia di posti di lavoro per l’economia locale, per non parlare dei profitti derivanti dal mining di criptovalute.

Gli esperti dei media considerano la piccola ma coraggiosa nazione centroamericana una sorta di esperimento. Il risultato influenzerà le sorti di altri paesi intenzionati a fare lo stesso. Finora solo un Paese lo ha fatto: la Repubblica Centrafricana. Diamo un’occhiata a come e perché hanno anche scelto di rendere Bitcoin moneta a corso legale.

Repubblica Centrafricana (CAR): in che modo implementa Bitcoin come valuta a corso legale

Come la maggior parte delle altre ex colonie francesi in Africa, la Repubblica Centrafricana utilizza il Franco CFA – sostenuto dalla Francia – come valuta. Ma a partire da aprile di quest’anno, anche Bitcoin è ufficialmente accettato come valuta legale.

Dopo che i legislatori hanno votato all’unanimità per istituire Bitcoin valuta de facto, il capo dello staff del presidente ha dichiarato la mossa “un passo decisivo verso l’apertura di nuove opportunità per il nostro paese. Questo colloca la Repubblica Centrafricana sulla mappa dei paesi più audaci e visionari del mondo“.

In seguito ha detto a Reuters che il presidente del paese Faustin-Archange Touadéra ha sostenuto il disegno di legge “perché avrebbe migliorato le condizioni dei cittadini dell’Africa centrale“. Tuttavia, non era chiaro esattamente chi avrebbe beneficiato del fatto che Bitcoin avesse corso legale. Per utilizzarlo infatti è necessario Internet, che solo il 10% della popolazione del paese ha a disposizione.

La BBC è riuscita a mettersi in contatto con un economista locale – Yann Daworo – che ha spiegato che Bitcoin consentirebbe alle aziende regionali e nazionali di scambiare valore e crescere più velocemente e più facilmente:

Gli uomini d’affari non dovranno più andare in giro con valigie di franchi CFA che dovranno essere convertiti in dollari o in qualsiasi altra valuta per effettuare acquisti all’estero“.

Ci sentiamo di dire che è improbabile che Bitcoin sollevi milioni di suoi cittadini dalla povertà dall’oggi al domani. Ma potrebbe fornire un gradito impulso all’economia della Repubblica Centrafricana.

Altri paesi che potrebbero seguire le orme di El Salvador e CAR

L’adozione di Bitcoin da parte di El Salvador non consolida il suo status di valuta a tutti gli effetti, ma potrebbe ispirare altri paesi a seguire il suo esempio. Finora, nessun altro paese oltre alla Repubblica Centrafricana ha dichiarato pubblicamente la propria intenzione di farlo. Ci sono tuttavia alcuni probabili candidati.

Panama

Panama è spesso pubblicizzato come il paese più propenso a rendere Bitcoin una moneta a corso legale. Questo probabilmente perché i suoi politici hanno già redatto delle leggi in tal senso, il giorno dopo la storica mossa di El Salvador. Finora Panama non ha fatto il grande passo.

Ma ci sono stati dei progressi. Alla fine di aprile, l’Assemblea nazionale di Panama ha approvato un disegno di legge che permetteva ai suoi cittadini di pagare beni e servizi con Bitcoin e altre sette criptovalute, tra cui Ethereum, XRP e Litecoin.

Questo disegno di legge non ha reso Bitcoin corso legale, come in El Salvador e CAR. Ciò significa che le aziende panamensi non devono accettare Bitcoin come pagamento per i loro prodotti se non lo desiderano.

Si tratta comunque di un passo nella giusta direzione. Panama è probabilmente più vicino di qualsiasi altro paese a rendere Bitcoin moneta a corso legale.

Cuba

Nel 2020, l’amministrazione Trump ha vietato agli immigrati cubani di inviare soldi tramite Western Union alle loro famiglie a Cuba, che all’epoca era un flusso di entrate multimiliardario per la nazione.

Questo è successo durante il culmine della pandemia di Covid-19, quando le persone erano rinchiuse nelle loro case ed economicamente disperate. Già prima del divieto di Trump, le sanzioni del governo degli Stati Uniti avevano impedito al popolo cubano di accedere a servizi quotidiani come Amazon, PayPal e Skype.

I cubani avevano bisogno di un modo per ricevere dei soldi dai propri amici e familiari che lavoravano all’estero, senza che il denaro passasse attraverso le banche americane. Le criptovalute si sono rivelate la soluzione perfetta.

All’inizio, i cubani che volevano scambiare Bitcoin con contanti (e viceversa) dovevano incontrarsi di persona. Ma con l’apertura di molti exchange come Bitremesas, diventò possibile scambiare criptovalute con contanti online.

La cripto-rivoluzione cubana

Il governo cubano ha risposto all’ondata di criptomania cubana approvando la risoluzione 215 nell’agosto dello scorso anno. Questo atto riconosceva ufficialmente le criptovalute e prometteva una regolamentazione. Da allora, aziende come bar, ristoranti e negozi hanno accettato Bitcoin come mezzo di pagamento.

Ma come avviene a Panama, le aziende non devono accettare Bitcoin se non lo desiderano, poiché tecnicamente non ha corso legale.

La cosa interessante dell’opinione positiva di Cuba sulle criptovalute è che non ti aspetteresti che uno stato autoritario abbracci una valuta che non controlla. Altri stati autoritari come la Cina le hanno bandite del tutto. Forse Cuba mostra che – nel mondo delle criptovalute – i pro superano i contro.

Ucraina

Il governo ucraino ha creato un quadro giuridico per l’industria delle criptovalute durante le prime fasi della sua guerra con la Russia all’inizio di quest’anno. La legge ha consentito agli exchange di criptovalute di operare legalmente in Ucraina e alle banche di aprire conti commerciali per società di criptovalute.

La legislazione ha anche determinato lo stato legale e la classificazione delle valute digitali e degli asset come Bitcoin, ma non ha reso Bitcoin corso legale.

Anche prima che il framework passasse, l’Ucraina stava lavorando duramente per posizionarsi come il principale hub crittografico d’Europa.

Secondo il New York Times, durante la guerra gli ucraini hanno elaborato più transazioni in criptovaluta rispetto alla sua valuta fiat: la grivna. Chainalysis ha posizionato il paese al quarto posto in classifica per utilizzo di criptovalute, nel suo Global Crypto Adoption Index.

Incentivare l’economia

Il governo ucraino sperava senza dubbio che questa regolamentazione – e la sua posizione amichevole nei confronti delle criptovalute – incoraggiassero gli imprenditori ad avviare società redditizie e contribuenti nel paese. Ma ben poche aziende vorranno aprire un negozio in Ucraina fino alla fine del conflitto con la Russia.

Dato l’atteggiamento amichevole dell’Ucraina nei confronti delle criptovalute e la sua determinazione a regolamentarlo anche con una guerra in corso, puoi capire perché è seriamente intenzionato a rendere Bitcoin una moneta a corso legale.

Potresti aver notato che i tre paesi che abbiamo esaminato finora – Panama, Cuba e Ucraina – non sono in cima alla classifica del PIL, il che ci porta al nostro prossimo argomento: un’economia più grande – come Italia o addirittura gli Stati Uniti – potrebbe adottare Bitcoin come valuta a corso legale?

Bitcoin valuta a corso legale: è possibile in Paesi più grandi?

Un recente sondaggio YouGov ha mostrato che il 27% degli americani è favorevole a rendere Bitcoin una moneta a corso legale negli Stati Uniti, con un aumento del 7% rispetto a cinque anni fa.

Il sondaggio ha anche rivelato che i più giovani hanno un atteggiamento molto più positivo nei confronti delle criptovalute rispetto ai più anziani, la maggior parte dei quali, per loro stessa ammissione, non lo capisce davvero. Quindi, se i giovani continuano ad adottare Bitcoin al ritmo attuale, alla fine potremmo raggiungere un punto in cui più della metà dei cittadini vuole Bitcoin come moneta a corso legale.

Ma il governo degli Stati Uniti probabilmente si opporrà sempre agli americani che usano Bitcoin insieme al dollaro, perché così facendo potrebbe minare lo status del dollaro come valuta di riserva globale.

Lo status di valuta di riserva globale significa che altri paesi detengono riserve nelle loro banche centrali per le transazioni internazionali. L’economia statunitense guadagna miliardi ogni anno.

Ma se Bitcoin diventasse valuta a corso legale negli Stati Uniti, le cose potrebbero cambiare. Ed è improbabile che il governo voglia fare qualcosa per rischiare lo status dominante del dollaro.

Negli anni a venire è possibile che il governo degli Stati Uniti possa consentire ai cittadini americani di utilizzare Bitcoin per acquistare prodotti negli Stati Uniti insieme al dollaro, ma – ancora una volta – probabilmente non avrà corso legale.

Il dollaro che potenzialmente perde il suo status di valuta di riserva globale è uno dei motivi per cui l’America non cambia il ruolo del Bitcoin. Ma ci sono altri ostacoli che potrebbero impedire non solo all’America, ma anche a tutti gli altri paesi di seguire le orme di El Salvador.

Bitcoin a corso legale: ecco tutti gli ostacoli

Prima che un’economia più grande consideri l’utilizzo di Bitcoin come moneta a corso legale, il suo prezzo dovrà stabilizzarsi, il che potrebbe richiedere del tempo. Nell’ultimo anno, il valore di Bitcoin è passato da massimi di oltre $68.000 a minimi di $26.000. Attualmente, è in calo di oltre il 50% dal suo massimo storico.

Oltre alla volatilità dei prezzi, le preoccupazioni climatiche sono la seconda tematica più comunemente citata sulle criptovalute, nonché quella che potrebbe intaccare seriamente le possibilità che Bitcoin venga utilizzato come moneta a corso legale in qualsiasi grande nazione.

Considera che il suo processo di estrazione – il mining – consuma più energia all’anno rispetto a diversi paesi messi insieme. Il riscaldamento globale è un serio problema nella mente della maggior parte degli elettori. Ciò significa che pochissimi politici sono disposti a sostenere pubblicamente una tecnologia che utilizza così grandi quantità di energia, quindi ancora meno suggerirebbero di usarla come moneta a corso legale.

Oltre alla volatilità e alle preoccupazioni climatiche, un ultimo problema è che Bitcoin è difficile – se non impossibile – da controllare completamente. I regolatori finanziari possono solo vietare alle persone di usarlo, non possono influenzare direttamente Bitcoin. E che tipo di autorità regolamenterebbe una valuta che non può controllare?

I governi mondiali si trovano ad affrontare lo stesso dilemma. I paesi democratici potrebbero essere costretti a farlo attraverso referendum e voti popolari, ma quasi nulla potrebbe convincere un regime autoritario come la Cina ad adottare Bitcoin.

Il ripensamento di Cuba sulle criptovalute mostra che anche i paesi totalitari possono raggiungere una posizione in cui si sentono “obbligati” a legalizzare le criptovalute.