Se il 2018 si ripete, gli ultimi tre mesi del 2022 potrebbero essere brutali per Bitcoin. Vediamo cosa potrebbe succedere nei prossimi mesi.

In questo inizio di ottobre 2022 – secondo alcuni analisti di criptovalute – i bitcoiner non dovrebbero sentirsi troppo al sicuro.

bitcoin
Adobe Stock

Quattro anni fa Bitcoin – dopo il crollo dal massimo storico di $20.000 – è poi crollato di un ulteriore 50%. Vediamo sotto quali condizioni questo potrebbe succedere nuovamente.

2018 – 2022: la storia di Bitcoin si ripete? Solo se succede questo

“Il Capo of Crypto” sul proprio feed di Twitter ha condiviso i grafici dei due momenti storici, confrontando l’attuale configurazione di BTC con quella di quattro anni fa.

La più grande criptovaluta del mondo aveva raggiunto il massimo storico di $20.000 nel dicembre 2017. Dopo di che sono state osservate dolorose vendite.

Per la maggior parte del 2018, BTC è riuscita a rimanere al di sopra dei $6.000, alimentando l’ottimismo sul fatto che questo sarebbe stato il minimo del mercato ribassista.

Ma la metà del novembre successivo ha innescato un’altra brutale correzione, e nel dicembre di quell’anno Bitcoin languiva a $3.200.

I parallelismi con il 2022 si sprecano. Dopo aver toccato i minimi di $17.708,62 a giugno, BTC è stato scambiato in un intervallo relativamente ristretto.

Bitcoin ha lottato per rimanere al di sopra della soglia psicologicamente significativa di $20.000.

Avvertendo cosa potrebbe esserci davanti, il Capo of Crypto ha twittato:

Nuovi minimi sono probabili quest’anno“.

Nei 12 mesi successivi al raggiungimento di $20.000 nel 2017, Bitcoin ha perso l’85% del suo valore, ed è precipitato ai minimi di $3.200.

Una contrazione simile ora porterebbe BTC dai massimi di $68.700 lo scorso novembre a $10.305.

Tuttavia, non tutti sottoscrivono l’opinione che ciò sia inevitabile. Molti sostengono che la crescente maturità nei mercati delle criptovalute ha portato BTC ad essere meno volatile nel bene e nel male.

La sterlina riprende piede

In altri sviluppi, la sterlina britannica è aumentata lunedì scorso, dopo che il governo ha eseguito una vera e propria inversione di marcia su proposte importanti.

I mercati erano stati spaventati dopo che il primo ministro britannico Liz Truss aveva svelato i piani per ridurre l’aliquota più alta dell’imposta sul reddito dal 45% al ​​40%, una mossa che avrebbe dato una ventata d’aria fresca ai cittadini inglesi benestanti.

La sterlina è scesa a un minimo storico rispetto al dollaro USA subito dopo questa mossa, sollecitando con urgenza un’inversione di tendenza.

Di fronte alla prospettiva di una ribellione, il cancelliere Kwasi Kwarteng ha confermato che il taglio delle tasse è stato abbandonato, nel timore che fosse ingiusto nei confronti dei consumatori quotidiani alle prese con la crisi del costo della vita. Ha detto:

Abbiamo capito, abbiamo ascoltato“.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Mentre BTC/USD è aumentato dello 0,05% nelle ultime 24 ore, BTC/GBP è sceso dello 0,29%.