L’ex CEO di Terra Do Kwon nega di aver tentato di incassare 67 milioni in Bitcoin dopo l’emissione del mandato di arresto: la situazione.

Luna Foundation Guard ha smentito pubblicamente le accuse. Ha dichiarato che da maggio 2022 non ha creato nuovi portafogli né effettuato trasferimenti in Bitcoin.

luna lunc
Adobe Stock

Intanto le forze dell’ordine di tutto il mondo stanno cercando Do Kwon. Il co-fondatore di Terra (LUNA) si è scagliato contro la “disinformazione” che circola online. Vediamo bene cosa sta succedendo.

Ex CEO di Terra nega: “non ho incassato Bitcoin”

Le notizie avevano suggerito che Kwon avesse tentato di incassare Bitcoin per un valore di 67 milioni di dollari. Tutto questo un giorno dopo l’emissione del mandato d’arresto contro di lui, all’inizio di questo mese.

Ma rispondendo su Twitter, il tormentato fondatore di Terraform Labs ha negato che si fosse verificato un tale prelievo. Ma la storia che ha raccontato aveva qualche buco nella trama.

Le autorità hanno chiesto a OKX e KuCoin di congelare 3.313 BTC collegati all’imprenditore crittografico. Kwon afferma di non aver utilizzato questi exchange per oltre un anno.

Tutto ciò si ricollega a un rapporto di CryptoQuant, che afferma che Luna Foundation Guard aveva improvvisamente creato un wallet a metà settembre.

LFG – come alcuni già sapranno – aveva accumulato enormi quantità di Bitcoin per difendere il peg della stablecoin algoritmica UST, sforzi che alla fine sono falliti.

Luna Foundation Guard ha emesso la propria smentita e afferma che da maggio 2022 non ha creato nessun wallet né ha trasferito Bitcoin.

Ha continuato a condividere il suo indirizzo cripto “ufficiale”, con il quale ha eseguito le ultime transazioni quattro mesi fa. Il saldo totale di questo portafoglio è attualmente di 313 BTC, circa 6 milioni di dollari.

Kwon ha assunto un tono di sfida da quando l’Interpol ha emesso un avviso rosso contro di lui.

Ha affermato che sta facendo “zero sforzi” per nascondere dove si trova – e dice che sta solo programmando nel suo soggiorno, facendo passeggiate e visitando i centri commerciali.

Kwon ha continuato suggerendo che è molto probabile che alcuni membri di Twitter lo avrebbero visto in giro.

Ma di fatto non è così sicuro di sé da rivelare in quale parte del mondo si trovi effettivamente.

Dovrà affrontare accuse in Corea del Sud relative al crollo di LUNA e UST, che hanno cancellato circa 60 miliardi di dollari dal mercato delle criptovalute.

Oltre ad essere accusato di frode finanziaria – e di essere in contrasto con le leggi sui mercati dei capitali della Corea del Sud – negli Stati Uniti sono state presentate diverse azioni collettive.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Molti esperti ritengono che sia una questione di tempo prima che Kwon venga arrestato.