Con Ethereum che è passato con successo al meccanismo di consenso Proof of Stake, i miner hanno dovuto cercare opzioni alternative per mettere a frutto le proprie strumentazioni.

Gli sviluppatori di Ethereum hanno suggerito per molto tempo ai minatori di migrare verso altri progetti proof of work come Ethereum Classic.

Prima della fusione, c’era una ragionevole attività sociale attorno alle reti blockchain basate sul lavoro. D’altra parte, un rapporto della Casa Bianca sull’utilizzo dell’energia indicava che il governo degli Stati Uniti avrebbe dovuto ridurre l’attività mineraria in base all’uso eccessivo di energia.

miner ethereum
Adobe Stock

Il rapporto suggeriva di porre un limite o un divieto al mining di criptovalute, in particolare il modo inefficiente dal punto di vista energetico. La Casa Bianca ha menzionato le sue restrizioni sui meccanismi di consenso ad alta intensità energetica come il metodo di Proof of Work.

I minatori di Ethereum migrano verso altre blockchain

I miner sono passati a pochi altri progetti dopo che Ethereum è passato al nuovo algoritmo di consenso. Ethereum Classic, Ergo e Ravencoin sono gli unici blockchain su cui i miner stanno facendo più affidamento riversandosi in massa. Alla luce delle capacità e dei premi di estrazione mineraria, secondo quanto riferito, questi progetti rappresentano un ragionevole miglioramento rispetto alle alternative.

Pertanto, queste criptovalute hanno registrato un aumento significativo dell’hashrate il giorno in cui The Merge è stato completato con successo. La quantità totale di potenza di calcolo utilizzata dalle criptovalute per estrarre ed elaborare le transazioni è nota come hash rate. Questo mostra quanto velocemente si verifica il mining sulla rete blockchain.

Le ricompense dei miner

Dopo il completamento del Merge di Ethereum avvenuto in questi giorni, gli hashrate in picchiata su Ethereum Classic, Ravencoin ed Ergo sono aumentati rispettivamente del 124%, 98% e 146%. Tuttavia, le capacità di mining di queste reti possono supportare solo una piccola parte di ciò che Ethereum poteva avere prima di The Merge. Queste tre reti forniscono solo il 28% dell’hashrate di Ethereum, che era di circa 867 (TH/s) prima della fusione. Inoltre, i profitti sono diminuiti rispetto ai livelli precedenti la fusione a causa dell’aumento del traffico dei minatori su queste reti.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il prezzo di Ethereum Classic (ETC), nel frattempo, è sceso dopo The Merge e da allora non si è più ripreso. Al momento della stesura di questo articolo, il prezzo di ETC è di 34,21 dollari, in calo dell’1,13% rispetto al giorno precedente, secondo il sito di monitoraggio dei prezzi CoinMarketCap. Lo stesso vale per Ethereum (ETH), che continua a fluttuare a livelli post-unione. Al momento della stesura di questo articolo, il prezzo di ETH è di 1.444 dollari, in aumento dello 0,33% rispetto al giorno precedente.