Il Merge ha reso Ethereum (ETH) un titolo a tutti gli effetti? Secondo Gary Gensler della SEC la risposta è affermativa: scopri perché.

Il passaggio di Ethereum alla Proof-of-Stake potrebbe attirare l’attenzione indesiderata della Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti. Leggi di più.

SEC ripple
Adobe Stock

Secondo il Wall Street Journal, Gary Gensler ritiene che le criptovalute che operano su blockchain PoS possano essere classificate come titoli.

Il Merge ha reso Ethereum (ETH) un titolo? Scoprilo qui

Ma perché Gary Gensler ritiene che le criptovalute che operano su blockchain PoS possano essere classificate come titoli?

Il presidente della SEC ha sottolineato che non stava parlando di alcuna risorsa digitale in particolare. Ma le sue osservazioni sono arrivate casualmente dopo il Merge, avvenuto poche ore prima.

Riferendosi al test di Howey, che i tribunali utilizzano per valutare se le attività debbano essere classificate come titoli, Gensler ha affermato:

Dal punto di vista della moneta… questo è un altro indizio che sotto il test di Howey, il pubblico che investe sta anticipando i profitti sulla base degli sforzi degli altri“.

Questo è importante perché le organizzazioni che emettono titoli – come azioni e obbligazioni, alcuni dei tipi più comuni – devono dichiarare una serie di informazioni alla SEC.

I progetti di criptovalute hanno già affrontato l’azione della SEC dopo aver lanciato delle ICO, che l’autorità di regolamentazione considerava un’offerta di titoli illegale.

Tutto ciò avviene in una continua incertezza normativa per il settore. Un certo numero di agenzie oggi si battono per la regolamentazione nel nascente mercato delle risorse digitali.

Stranamente, potrebbe essere il caso che Ether non sarebbe stato considerato come titolo, se avesse continuato a esistere su una rete Proof-of-Work.

Gensler ha ragione?

Coin Center, un’organizzazione no-profit incentrata sulla politica crittografica, non crede che “le differenze tecnologiche tra PoW e PoS giustifichino un trattamento diverso“. Un post sul blog spiegava:

Le realtà economiche della convalida di una blockchain attraverso il mining e della convalida di una blockchain attraverso lo staking sono simili. In entrambi i casi i validatori sono un insieme aperto di partecipanti e l’unica condizione preliminare per la partecipazione è probabilmente quella di avere dei costi. Nella Proof-of-Work quel costo è rappresentato da risorse energetiche e informatiche, nella Proof-of-Stake è il valore del denaro nel tempo.”

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

L’organizzazione ha aggiunto che PoW e PoS sono “esplicitamente progettati” per evitare di fare affidamento sui profitti derivati ​​principalmente dagli sforzi degli altri, qualcosa che è fondamentale per la classificazione di un titolo. Invece, questi meccanismi di consenso si concentrano sulla “creazione di una competizione aperta tra estranei in cui qualsiasi partecipante può e riempirà il vuoto lasciato da qualsiasi altro partecipante“.