“Questo è sempre stato il piano”: criticati i miners contrari al merge di Ethereum, i quali sapevano sin da subito tutto ciò che accade.

I miners contrari a Ethereum’s Merge sono stati molto criticati negli ultimi giorni. Il co-fondatore di Bankless ha detto loro: “Questo è sempre stato il piano“. Leggi di più!

merge ethereum
Adobe Stock

Coloro che sono contrari all’imminente passaggio di Ethereum a un meccanismo di consenso Proof-of-Stake sono stati accusati di agire nel proprio interesse finanziario.

I miners si oppongono al Merge di Ethereum: vediamo perché

In un’edizione speciale del podcast CoinMarketRecap, il co-fondatore di Bankless David Hoffman ha affermato che questi miners sono contrari a questa transizione solo perché il Proof-of-Work è il loro modello di business.

Ciò potrebbe significare che non tengono conto dei vantaggi che il PoS porterà. Naturalmente il vantaggio principale è la drastica riduzione della quantità di energia utilizzata dalla blockchain di Ethereum.

Hoffman ha affermato che Ethereum si è impegnato nella Proof-of-Stake sin dal primo giorno, nel lontano 2015, spiegando:

Ci sono alcuni miners là fuori che hanno tenuto conto di questa transizione in Proof-of-Stake. La loro idea di essere un miner Proof-of-Work è di estrarre un mucchio di ETH in modo che, quando arriva il PoS, possano cambiare il loro il business dall’essere un miner PoW al diventare uno staker PoS. I miner che sono stati allineati con il protocollo Ethereum hanno tenuto conto e si sono preparati per questo“.

Ha continuato avvertendo che i miners scettici hanno solo sé stessi da incolpare. Avrebbero infatti dovuto credere che Ethereum alla fine avrebbe raggiunto questo traguardo fondamentale.

Gli sviluppatori del protocollo Ethereum e la community hanno sempre affermato che l’obiettivo è questo. Ok, voi ragazzi avete scommesso contro la Proof-of-Stake, ma ora la Proof-of-Stake è qui. E ora vi lamentate di aver perso il vostro modello di business. Bene, questo è un po’ il tuo problema. Avresti dovuto essere allineato con il protocollo Ethereum dalla genesi e quindi non avresti dovuto rimuovere questa attività da te“.

Pareri contrastanti

Uno di quelli che mettono in dubbio il tanto atteso Merge è Justin Sun, il fondatore della blockchain di Tron. Hoffman lo ha individuato per le critiche e ha detto:

Justin Sun è il più grande opportunista del mondo. Qualunque cosa questo ragazzo dica, fai sempre il contrario perché sta solo cercando di mungerti per soldi. Se queste sono le persone che sono contrarie a Ethereum che passa a Proof-of-Stake, per me va benissimo così“.

Chris Anatalio è un ingegnere del software e sostenitore della piattaforma di ConsenSys. Ha più volte sostenuto che la necessità del meccanismo PoS è stata identificata sin dall’inizio.

Inizialmente, l’attenzione iniziale era su una funzionalità chiamata sharding. E lo sharding è semplicemente un modo per distribuire il lavoro di Ethereum e renderlo più scalabile per aumentare il throughput. Successivamente, con la proliferazione di soluzioni Layer 2 come Optimism e Arbitrum, c’è stato un perno e un cambiamento nella filosofia in cui la Fondazione Ethereum ha deciso ‘Ehi, una delle principali critiche alla blockchain è il consumo di energia“.

Chandler Guo è un altro miner che sta guidando gli sforzi per mantenere in vita la Proof-of-Work.

Guo ha avvertito che molti miners saranno al verde quando verrà completato il passaggio alla PoS, insistendo sul fatto che la sua opposizione al Merge non riguarda i soldi.

Ha espresso preoccupazione sul fatto che la rete Ethereum sarà meno resistente alla censura nel momento in cui gli staker diventeranno responsabili della convalida delle transazioni. Anche la decentralizzazione potrebbe avere la sua quota di problemi.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Vi terremo aggiornati giorno per giorno sulla situazione, in attesa dell’evento cripto dell’anno.