La Casa Bianca tuona all’improvviso: “eliminare” il mining di bitcoin a meno che non diventi più verde. Vediamo cosa sta succedendo.

Secondo un rapporto della Casa Bianca, gli Stati Uniti dovrebbero considerare di “eliminare” il mining di Bitcoin. Questo a meno di adottare misure per renderlo più rispettoso dell’ambiente. Leggi di più.

mining bitcoin
Adobe Stock

L’America ospita circa un terzo delle operazioni globali di criptovalute. Vediamo tutto questo cosa comporta.

Casa Bianca: “mining più pulito, oppure eliminiamolo!”

Il documento di 46 pagine approfondisce le implicazioni climatiche ed energetiche delle criptovalute. Inizia spiegando perché è necessaria un’azione immediata.

Gli autori avvertono che il cambiamento climatico provoca ondate di caldo, incendi, eventi meteorologici estremi, danni alle infrastrutture e alle colture. Provocano morti e colpiscono in modo sproporzionato le persone nel mondo. Inoltre, le stime suggeriscono che gli Stati Uniti abbiano speso per i disastri climatici ben 145 miliardi di dollari nel solo 2021.

Le cifre del rapporto suggeriscono che l’utilizzo globale di elettricità per le criptovalute è compreso tra lo 0,4% e lo 0,9%.

Ma l’America ospita circa un terzo delle operazioni globali di criptovalute. Questo significa che dallo 0,9% all’1,7% del consumo totale di elettricità negli Stati Uniti è dovuto al mining.

Anche il mining di criptovalute è altamente mobile. La quota statunitense del mining globale di Bitcoin, il più grande criptoasset, oggi è del 38%. L’utilizzo di elettricità negli Stati Uniti per l’estrazione di criptovalute è triplicato da gennaio 2021“.

Lotta ai cambiamenti climatici

Il rapporto afferma che bisogna intraprendere politiche aggressive per garantire la sostenibilità dell’industria delle criptovalute. Il documento suggerisce che l’Agenzia per la protezione ambientale e il Dipartimento dell’energia dovrebbero raggiungere un accordo con l’industria delle criptovalute, aggiungendo:

Queste misure dovrebbero includere standard per intensità energetiche molto basse e basso consumo di acqua. Caratteristiche apprezzate sono anche bassa generazione di rumore, utilizzo di energia pulita da parte degli operatori e standard che si rafforzino nel tempo. L’obiettivo è eliminare le emissioni di carbonio per abbinare o superare il carico di elettricità aggiuntivo di queste strutture“.

Prosegue affermando: “se queste misure si rivelassero inefficaci nel ridurre gli impatti, l’amministrazione dovrebbe esplorare azioni esecutive. Il Congresso potrebbe prendere in considerazione la legislazione per limitare o eliminare l’uso di meccanismi di consenso ad alta intensità energetica per l’estrazione di criptovalute“.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

L’imminente passaggio di Ethereum a una blockchain Proof-of-Stake potrebbe aiutare questa blockchain a ridurre il suo consumo di energia fino al 99,95%. Se avrà successo, il consumo di Bitcoin potrebbe attirare ancora più controllo.