Sette cose che abbiamo imparato nella causa a Michael Saylor per evasione fiscale: leggi di più per scoprire cosa sta succedendo.

Michael Saylor recentemente sta affrontando le accuse di non aver pagato milioni di dollari in imposte sul reddito negli ultimi anni. Leggi di più.

I documenti del tribunale affermano che Saylor si sarebbe “vantato” con alcuni confidenti dei suoi affari fiscali, almeno dal 2012. Avrebbe inoltre invitato gli amici a fare lo stesso.

michael saylor evasione fiscale
Criptomercato.it

La causa è stata intentata dal procuratore generale di Washington DC, ed è stata aperta anche una denuncia scritta da diversi informatori.

Entrambi i documenti contengono accuse che fanno luce sullo stile di vita di Saylor e forniscono prove a sostegno dell’evasione fiscale. Ecco sette cose che abbiamo imparato da questa vicenda.

Causa a Saylor: 1. Doveva $25 milioni al fisco, ma le sanzioni potrebbero superare $100 milioni

Secondo il procuratore generale della DC, Saylor ha evitato di pagare più di $25 milioni di imposte sul reddito, affermando di essere residente in Florida o Virginia.

Ma le nuove leggi consentono a un tribunale di imporre “danni tripli”, ovvero tre volte l’importo della tassa evasa. Questo significa che l’imprenditore potrebbe pagare molto di più se dovesse perdere la causa.

Insieme alle azioni intraprese contro MicroStrategy, il procuratore generale afferma che sta cercando di recuperare fondi che potrebbero superare i 100 milioni di dollari.

Saylor dovrebbe anche pagare gli interessi sui suoi pagamenti mancati, più le spese processuali.

2. Saylor si è vantato di evitare le tasse

I documenti del tribunale affermano che Saylor si è “vantato” con i confidenti dei suoi affari fiscali, almeno dal 2012. Ha raccontato loro di come dichiara di risiedere in Florida per eludere le tasse sul reddito a Washington.

Secondo gli informatori, Saylor ha detto agli amici con sede a New York, California e DC che sarebbero stati “pazzi” se non avessero fatto lo stesso.

Causa a Saylor: 3. Ha trascorso la maggior parte del suo tempo a Washington DC

Le recenti dichiarazioni giudiziarie degli informatori includono anche calcoli su quanto tempo Saylor ha effettivamente trascorso a Washington DC. Ai fini fiscali si definisce residente colui che vi risiede per almeno 183 giorni all’anno.

Ecco il problema: si presume che sia stato fisicamente presente a Washington per 228 giorni nel 2014, 323 giorni nel 2015, 225 giorni nel 2016, 196 giorni nel 2017, 243 giorni nel 2018 e 251 giorni nel 2019.

E nonostante il fatto che i moduli fiscali affermassero che il suo indirizzo fosse in Florida, si presume che abbia trascorso solo 28 giorni nel Sunshine State nel 2019.

4. Le prove che aveva sede principalmente a Washington

La denuncia degli informatori afferma che ci sono prove a sostegno delle loro accuse, scrivendo:

Per alcune persone, sarebbe difficile ricostruire le loro posizioni quotidiane passate e stabilire che hanno trascorso la maggior parte del loro tempo nel Distretto. Saylor, d’altra parte, ha lasciato una scia di informazioni per ricostruire i suoi spostamenti da e verso Washington“.

In pratica il documento descrive come Saylor abbia spesso indicato la sua posizione sui post sui social media. Altri articoli sui giornali locali hanno confermato tale tesi, documentando alcune delle feste stravaganti che ha tenuto a Washington.

Ha stabilito una presenza regolare al Café Milano a Georgetown, dove le sue apparizioni quasi settimanali per circa 15 anni lo hanno reso una figura riconoscibile per il personale e i cittadini. Ha anche ospitato frequenti feste open-bar in stabilimenti distrettuali tra cui Cities, Sequoia, L2, così come le sale da ballo degli hotel del Four Seasons, entrambi gli hotel Ritz Carlton e il Mandarin Oriental, tra gli altri.

La preferenza di Saylor per il volo su un jet privato piuttosto che commerciale significa anche che le informazioni sui voli con la Federal Aviation Administration mostrano “esattamente quando ha lasciato il distretto e quando è tornato“, affermano gli informatori.

Causa a Saylor: 5. “DC irresistibile”

Non c’è carenza di colore nella denuncia degli informatori – secondo cui Saylor “ha trovato irresistibile il fascino del Distretto, in particolare la sua vicinanza al potere, al benessere e alle donne“.

Descrive come l’imprenditore abbia iniziato a trascorrere più tempo a Washington negli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000, ma a questo punto doveva ancora vivere lì.

Saylor nel 1999 è stato nominato dalla televisione locale come “scapolo più idoneo della DC“, è stato invitato agli eventi della Casa Bianca e ha assunto un personaggio radiofonico per promuoverlo nei “media distrettuali e circoli sociali distrettuali” mentre la sua vita si concentrava sempre più lì.

6. Interviste su Bitcoin usate contro di lui

In tutti i documenti del tribunale, alcune delle sue osservazioni durante le interviste vengono utilizzate anche come prove. La denuncia degli informatori dice:

Saylor ha affermato in un’intervista del 24 gennaio 2021 che Bitcoin è uno strumento ideale per evadere le tasse, suggerendo che i proprietari di Bitcoin potrebbero dire al loro governo di aver perso la propria chiave di accesso ai Bitcoin, di modo che il governo non possa ‘tassarlo!’

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Causa a Saylor: 7. Gli informatori potrebbero ottenere una percentuale del 30% dei fondi recuperati

Ciò che è particolarmente interessante è che una legge aggiornata di recente implica che gli informatori che inizialmente avevano avanzato le accuse, potrebbero finire per ricevere una percentuale dei fondi che il Distretto di Columbia recupera da Saylor, fino al 30%.