Bitcoin lotta per rimanere sopra i $20.000, intatnto crescono i timori di un settembre non particolarmente brillante. Vediamo cosa succede.

Bitcoin sta lottando per rimanere al di sopra dei $20.000 e – se la storia insegna – settembre si preannuncia un mese impegnativo. Leggi di più.

bitcoin settembre
Adobe Stock

Dal 2017, la più grande criptovaluta del mondo ha chiuso ogni settembre in rosso, come mostrano i dati di Coinglass.

È sceso del 7% a settembre 2021, del 7,5% a settembre 2020, del 13,4% a settembre 2019, del 5,6% a settembre 2018 e del 7,4% a settembre 2017. Potrebbe essere una vera e propria tendenza.

A peggiorare le cose, il Bitcoin è sceso sotto i $20.000 per sette giorni consecutivi, una tendenza che non si vedeva da luglio. Vediamo bene a cosa è dovuto.

Bitcoin a settembre: una tendenza chiara

I rialzisti stanno lottando per rimanere al di sopra di questo prezzo psicologicamente significativo.

Alcuni analisti sono particolarmente preoccupati per cosa accadrà se BTC scenderà al di sotto del minimo di 52 settimane di $17.708,62. Prevedono che un eventuale contagio delle criptovalute potrebbe spazzare via il mercato, portando ancora più aziende alla bancarotta.

Il valore di Bitcoin è crollato del 13,8% il mese scorso, in quella che è stata la peggiore performance di agosto dal 2015.

Il nervosismo del mercato è stato esacerbato dalla continua incertezza su quanto drasticamente la Federal Reserve abbia intenzione di aumentare i tassi di interesse, mentre l’inflazione continua a fare vittime.

Tutto questo arriva mentre Michael Saylor è stato accusato di evasione dell’imposta sul reddito

Michael Saylor è stato citato in giudizio per frode fiscale a Washington DC. Tra le accuse c’è il fatto che ha vissuto lì per un decennio ma non ha mai pagato l’imposta sul reddito.

Anche MicroStrategy è stata citata in giudizio. I funzionari locali affermano che l’importo totale dei fondi che stanno cercando di recuperare potrebbe superare i 100 milioni di dollari.

Il procuratore generale della DC – Karl A. Racine – ha anche confermato che MicroStrategy è stata citata in giudizio “per aver cospirato per aiutarlo a evadere le tasse che doveva legalmente per centinaia di milioni di dollari“.

Annunciando l’azione civile su Twitter, ha aggiunto:

Con questa causa, stiamo avvisando residenti e datori di lavoro che se godi di tutti i vantaggi di vivere nella nostra grande città, rifiutandoti di pagare la tua giusta quota di tasse, ti riterremo responsabile“.

Secondo Racine, Saylor è un miliardario e ha evitato illegalmente più di 25 milioni di dollari in tasse. Lo ha fatto “fingendo di essere residente in altre giurisdizioni con imposte sul reddito delle persone fisiche“.

Bitcoin a settembre: storicamente un mese difficile

Il procuratore generale sta cercando di recuperare “decine di milioni di dollari” in imposte sul reddito e sanzioni non pagate. Questa è la prima causa intentata ai sensi di una nuova legge che consente agli informatori che denunciano una frode fiscale di raccogliere fino al 30% di tutti i fondi recuperati.

Saylor potrebbe incorrere in sanzioni sostanziali se perde la causa. I tribunali hanno la capacità di imporre “danni tripli”, ovvero tre volte l’importo delle tasse evase.

I funzionari hanno notato come vive in un attico di 7.000 piedi quadrati sul lungomare di Georgetown. Inoltre Saylor ha chiarito che possiede quella casa dal 2005, e ha attraccato almeno due yacht di lusso nella zona “per lunghi periodi di tempo“.

Cosa succederà?

Il caso risale all’aprile 2021, quando gli informatori hanno intentato una causa e hanno affermato che Saylor non aveva pagato le imposte sul reddito dovute tra il 2014 e il 2020.

Si sostiene che uno “schema elaborato” abbia creato l’illusione che vivesse in Florida – che non ha l’imposta sul reddito delle persone fisiche – anche se viveva a Washington.

Ma l’Ufficio del procuratore generale afferma che Saylor non ha presentato un’unica dichiarazione dei redditi tra il 2005 e il 2021.

Ai fini fiscali, un residente è definito come qualcuno che vive nel Distretto per almeno 183 giorni all’anno. Gli informatori hanno fornito prove “dettagliate” a sostegno delle loro affermazioni secondo cui era fisicamente presente a Washington per la maggior parte del tempo, incluso il volo registri dal jet aziendale di MicroStrategy e post sui social media contrassegnati dalla posizione. Una dichiarazione aggiunge:

La denuncia degli informatori afferma anche che Saylor si è apertamente vantato con amici e conoscenti di aver evaso le tasse DC e incoraggiato gli altri a seguire il suo esempio“.

Parlando di MicroStrategy, la società di business intelligence è stata accusata di “cospirare attivamente” con Saylor presentando moduli “imprecisi” che elencavano la sua proprietà in Florida piuttosto che la sua casa a Washington.

Michael Saylor continua a far parlare di sé

Le stime suggeriscono che le imposte sul reddito e le sanzioni non pagate potrebbero arrivare a superare i 100 milioni di dollari.

Il deposito del tribunale riferisce a riguardo:

Le imposte sul reddito del distretto pagano per le sue infrastrutture essenziali, comprese le sue scuole, la polizia e i vigili del fuoco, e la manutenzione delle sue strade, ponti e corsi d’acqua. L’imputato Saylor ha goduto di questa infrastruttura, di questi servizi e di tutti gli altri vantaggi tangibili e immateriali di vivere nel Distretto per quasi 20 anni. Ma nonostante consideri il Distretto “un importante centro di civiltà”, l’imputato Saylor ha rifiutato di pagare le tasse che doveva“.

E prosegue affermando che – in quanto “uomo d’affari altamente istruito e sofisticato” – Saylor avrebbe saputo che vivere a Washington significava essere obbligato a pagare le tasse sul reddito.

Anche i post su Facebook di Saylor sono inclusi come prove, compresi quelli in cui si riferisce al suo attico di lusso come “casa“.

Di recente si è dimesso dalla carica di CEO di MicroStrategy dopo 33 anni e ora ricopre la carica di presidente esecutivo.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Le azioni di MicroStrategy hanno chiuso in ribasso del 3,6% e sono scese di un ulteriore 1,54% nel trading after-hour.