David Rubenstein, il miliardario uomo d’affari statunitense, ha detto che è rialzista sul settore delle risorse cripto, nonostante la sua ritrosia iniziale verso questi asset.

Nonostante le pressioni normative, ha previsto che alcune delle società blockchain avrebbe avuto successo enorme in futuro. Ha anche fatto luce sulla visione del Congresso circa le cripovalute e la sua posizione per regolare l’industria.

Anche se alcune aziende sono state danneggiate dal recente calo dei prezzi, l’industria è qui per rimanere, ha spiegato.

David Rubenstein bitcoin criptovalute
Criptovalute.it

L’uomo d’affari era in precedenza molto scettico verso Bitcoin e le criptovalute in generale, ma ora sta sostenendo l’industria emergente.

Le aspettative di David Rubenstein su bitcoin e criptovalute

L’investitore miliardario ha affermato che le idee che sfidano la logica comune avranno più successo. Ha continuato dicendo che la crescita del settore delle criptovalute è guidata dalle nuove generazioni. Rubenstein ha paragonato il boom del mercato dei personal computer degli anni 2000 al mercato delle criptovalute.

“Sono ottimista sulle criptovalute perché le fortune più grandi si fanno quando le persone sfidano le probabilità. Ma la criptovaluta è attualmente in cattive condizioni. Ma oltre alla criptovaluta, ho anche fatto investimenti personali nelle attività che supportano il settore.”

Quando gli è stato chiesto se intendesse aziende come Coinbase, Rubenstein ha risposto che siriferiva proprio a quel tipo di attività. In realtà, non si sono comportati così bene ultimamente. Il recente declino della criptovaluta li ha danneggiati. Tuttavia, l’industria è ancora in piedi e promettente.

Posizione del Congresso sulla regolamentazione delle criptovalute

Rubenstein non crede che i membri del Congresso regoleranno eccessivamente il settore. Repubblicani, libertari e persone disposte a spendere soldi per il lobbying tendono ad essere sostenitori della criptovaluta al Congresso, ha affermato. Ha anche citato la recente ammissione di Sam Bankman-Fried, Ceo di FTX e Alameda Capital, che trascorre molto tempo a Washington, DC. Non perdendo occasioni per fare pressioni sul Congresso per conto del mondo cripto. Interrogato sugli investimenti del CEO di FTX nelle attività cripto durante una crisi del settore, Rubenstein ha affermato di aver fatto un ottimo lavoro.

“I giovani spesso possiedono l’intelligenza per stabilire le tendenze. Entriamo nei personal computer non è qualcosa che dicono le persone di 70 anni. Le tendenze sono create da giovani adulti e, al momento, la comunità crittografica sta portando avanti questo.”

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Interrogato sulle sue partecipazioni, ha rivelato di aver acquistato Paxos. Ha continuato dicendo che alcune società blockchain avrebbero avuto successo nonostante alcune delle pressioni associate all’ecosistema crittografico.