I rubli digitali “mirati” o “colorati” potrebbero essere progettati per pagare solo per beni o servizi specifici, stando a quanto comunicato dalla Banca di Russia.

La Banca di Russia ha dichiarato nel suo rapporto più recente che l’implementazione di un rublo digitale sarebbe prevista a partire dal 2023.

Bank of Russia Aggiornamenti sui piani della CBDC Russia per un rublo digitale stanno andando avanti.

cbdc russia rublo digitale
Adobe Stock

La Banca di Russia ha dichiarato nel suo più recente aggiornamento di politica monetaria che l’implementazione di una tecnologia di “targeting” sarebbe possibile con la sua valuta digitale della banca centrale (CBDC), il che significa che alcuni rubli digitali potrebbero essere creati per essere utilizzati solo per acquistare beni particolari o servizi.

CBDC in Russia: la tecnologia di targeting per il Rublo Digitale

La tecnologia di targeting, o “colorazione”, come è anche nota, aumenterebbe l’efficacia della spesa pubblica, secondo la banca centrale. I contratti con il governo e gli appalti pubblici sono stati individuati come possibili applicazioni per la tecnologia.

Nel rapporto è stato fornito un programma di attuazione per la CBDC. Sulla piattaforma del rublo digitale nel 2023, si testano le transazioni con denaro reale e i regolamenti di smart contract. L’anno successivo si prevede che gli istituti di credito saranno collegati e lo stato sarà in grado di inviare e ricevere pagamenti in rubli digitali. Nel 2025, una modalità offline consentirà l’integrazione di istituzioni finanziarie esterne al settore bancario.

Secondo la Banca di Russia, un rublo digitale renderebbe i servizi finanziari più accessibili soprattutto nelle aree remote. Oltre a ridurre in modo sostanziali i costi degli insediamenti. Questo contribuirebbe alla creazione di una nuova infrastruttura di pagamento sia all’interno della Russia che con altri paesi.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il rapporto arriva in seguito della decisione di Vladimir Putin di vietare i pagamenti in criptovaluta. Nonostante l’esclusione del paese dal sistema bancario SWIFT, la Banca di Russia ha dichiarato che non si opporrà all’uso delle criptovalute negli accordi transfrontalieri.