La piattaforma di lending e borrowing di criptovalute Voyager Digital ha rivelato che i suoi utenti potrebbero avere accesso ai loro fondi, attualmente bloccati, a partire dall’11 agosto.

Secondo l’annuncio, la sentenza del 4 agosto della Corte ha approvato la sua richiesta di ripristinare l’accesso al denaro. I fondi sono al momento detenuti a beneficio dei clienti di Voyager presso la Metropolitan Commercial Bank.

La compagnia ha dato notizia agli utenti con il comunicato: “Prevediamo di riprendere l’accesso all’app Voyager solo per i prelievi di contanti, a partire da giovedì 11 agosto. I clienti con contanti (dollari USA) nei loro conti riceveranno un’e-mail con maggiori dettagli”

Voyager-digital
Adobe Stock

Voyager ha continuato che i suoi clienti dovrebbero avere accesso ai loro fondi mediamente nel giro di 5 e 10 giorni lavorativi dopo aver effettuato le loro richieste di prelievo.

Nel frattempo, ogni cliente ha un limite di prelievo giornaliero di 100.000 dollari.

Voyager Digital, come siamo arrivati a tanto

Voyager Digital è un broker crittografico di alto profilo che ha dichiarato bancarotta. Le cause diffuse dai portavoce sarebbero da ricercare la volatilità del mercato e il sorprendente crollo di Three Arrows Capital, poche settimane dopo aver sospeso prelievi, scambi e depositi sulla sua piattaforma.

L’azienda con sede negli Stati Uniti – e le sue due affiliate – hanno detto in una dichiarazione di fallimento, usando Capitolo 11 nel distretto meridionale di New York, di avere un patrimonio compreso tra un miliardo e 10 miliardi di dollari. Oltre a contare 100.000 creditori.

Voyager Digital doveva 75 milioni di dollari ad Alameda Research di Sam Bankman-Fried, che ha recentemente lanciato al broker un’ancora di salvezza da 485 milioni di dollari, ha rivelato nel documento (PDF). Tra i creditori figura anche Google, ma per “soli” 960,000 dolalri. La Voyager Digital, nel documento, non ha nominato altre aziende a cui deve dei soldi.

“La piattaforma Voyager è stata creata per autorizzare gli investitori fornendo accesso al trading di criptovalute con semplicità, velocità, liquidità e trasparenza. Sebbene io creda fermamente in questo futuro, la volatilità prolungata e il contagio nei mercati delle criptovalute negli ultimi mesi. Oltre che il default di Three Arrows Capital su un prestito della controllata dell’azienda, Voyager Digital, LLC, ci impongono di prendere in modo deliberato e deciso azione ora”, ha scritto Stephen Ehrlich, amministratore delegato di Voyager, in un comunicato stampa.

“Il processo del capitolo 11 fornisce un meccanismo efficiente ed equo per massimizzare il recupero”, ha poi aggiunto in chiusura.

Le modalità di restituzione dei fondi agli utenti

Voyager ha detto che avrebbe condotto una revisione manuale per evitare rischi di frode o attacchi. Oltre che per permettere una più semplice e snella riconciliazione degli account.

Il prestatore di criptovalute ha anche rivelato che sta “perseguendo un processo di ristrutturazione autonomo e una potenziale vendita dell’azienda”. Ha aggiunto che le offerte per la sua vendita sono dovute entro il 26 agosto e un’udienza per la vendita potrebbe tenersi l’8 settembre.