In seguito al tanto discusso Merge di Ethereum, i miner di ETH potrebbero di fatto perdere la propria attività, da lì anche il crollo nei prezzi delle schede grafiche e l’inondazione di rig e schede sul mercato dell’usato di tali strumenti.

Nonostante questo tuttavia, nel 2022, i minatori di Ethereum (ETH) hanno riferito di fare più profitto dei minatori di Bitcoin (BTC). Gli effetti devastanti del crypto winter che sono stati osservati nel settore e l’aumento del costo dell’elettricità non hanno scoraggiato i miner di nessuna delle due risorse.

Quest’anno, i minatori di ETH hanno guadagnato 1 miliardo di dollari in più rispetto ai minatori di BTC.

Il mining di ETH ha portato quest’anno 11 miliardi di dollari di profitti per i mier nel mondo, secondo i dati di Arcane Research. Un secco 10 per cento in più dei 10 miliardi di dollari dei minatori BTC realizzati nello stesso periodo di tempo.

ethereum merge
Adobe Stock

Questa tendenza è stata osservata anche l’anno scorso, quando il mining di BTC ha reso un miliardo di dollari in meno rispetto alle controparti che minano la rete per smart contract numero uno al mondo. Questi hanno infatti realizzato ben 18 miliardi di dollari nel 2021.

Mining di Bitcoin vs Mining di Ethereum

Prima di questo, il mining di BTC ha da sempre portato costantemente più soldi del mining di ETH. La svolta degli eventi osservata negli ultimi 18 mesi può essere attribuita al crescente interesse per ETH man mano che l’asset guadagna popolarità grazie all’adattabilità dell’ecosistema.

La tanto attesa Ethereum Merge, che unirebbe Ethereum Mainnet e Beacon Chain e farebbe passare la rete Ethereum a PoS, rappresenta una minaccia per l’impiego dei minatori di ETH che attualmente guadagnano miliardi di dollari all’anno.

La verità sul dilemma di Ethereum Merge per i minatori di ETH

Dopo la fusione di Ethereum, il mining di ETH non sarà più necessario; invece, i validatori che convalidano le transazioni in rete saranno pagati per il loro lavoro, come nel caso delle blockchain proof-of-stake.

Sebbene i miner di ETH possano scegliere di passare al mining di BTC, non sarebbe possibile perché il mining di BTC è possibile con i miner ASIC. Mentre il mining di ETH richiede ancora di lavorare con le GPU. Viene fuori il tema della compatibilità.

L’alternativa sarebbe utilizzare token minabili tramite GPU, come Ethereum Classic (ETC), che è la seconda risorsa più grande che può essere estratta con una GPU dopo Ethereum. Tuttavia, il reddito guadagnato dall’estrazione di ETC è solo circa il 3% di quello che i minatori guadagnano da ETH.

Dopo The Merge, i minatori di ETH avrebbero potuto scegliere solo tra ricevere una piccola parte dei loro guadagni precedenti o vendere le loro GPU. La piattaforma di mining AntPool ha rivelato di aver investito 10 milioni di dollari in ETC con l’avvicinarsi della data di The Merge perché l’attività derivata da ETH avrebbe continuato a essere minabile dopo The Merge.

Chandler Guo, un minatore cinese, ha recentemente rivelato l’intenzione di creare un fork della blockchain di Ethereum e creare “ETHPoW”, che manterrebbe l’algoritmo Proof-of-Work dopo la fusione, al fine di mantenere il mining. L’interesse degli investitori per la catena biforcuta può essere notato dagli investitori, secondo gli analisti di BitMex.