Tinder non appoggia il metaverso e le cripto: vediamo quali sono i piani a lungo termine. Intanto l’ex dipendente di Coinbase si difende.

Tinder ha annunciato che non intende – almeno per il momento – investire nel metaverso e nelle criptovalute.

tinder metaverso
Adobe Stock

Continueremo a valutare attentamente questo spazio e considereremo di andare avanti al momento opportuno, quando avremo più chiarezza sull’opportunità complessiva“, afferma la società madre di Tinder. Leggi di più.

Tinder: “no grazie” a metaverso e criptovalute

In un nuovo aggiornamento, la società madre dell’app di appuntamenti ha affermato che non ha intenzione di investire nei mondi virtuali.

L’amministratore delegato di Match Group Bernard Kim ha dichiarato:

Credo che un’esperienza di incontri nel metaverso sia importante per catturare la prossima generazione di utenti“.

Tuttavia, ha detto che c’è incertezza su cosa funzionerà o non funzionerà, il che significa che non ha senso spendere troppi soldi per ora.

Continueremo a valutare attentamente questo spazio e prenderemo in considerazione di andare avanti al momento opportuno quando avremo più chiarezza sull’opportunità complessiva e sentiremo di avere un servizio ben posizionato per avere successo“.

Questo fa eco a ciò che Vitalik Buterin ha detto all’inizio di questa settimana, quando ha avvertito che i tentativi aziendali di creare un metaverso falliranno.

Ha specificamente parlato di Meta e Mark Zuckerberg, sottolineando che è semplicemente troppo presto per dire cosa vogliono ancora le persone.

Le cattive notizie non finiscono qui. Anche la Tinder Coin è stata bocciata a seguito di “risultati contrastanti” nei test. La valuta in-app è stata progettata per consentire ai singleton di acquistare servizi extra come Boost e Super Mi piace.

Un aggiornamento di Match Group ha anche rivelato che Renate Nyborg si dimetterà dalla carica di CEO di Tinder, dopo meno di un anno di lavoro.

Intanto l’ex dipendente di Coinbase si dichiara non colpevole di insider trading 

L’ormai famoso ex dipendente di Coinbase si è dichiarato non colpevole di insider trading di criptovalute.

Ishan Wahi è accusato di aver condiviso informazioni riservate su quando l’exchange avrebbe listato nuove monete, con suo fratello e un socio in affari. Tutto questo per assicurarsi un notevole profitto dall’investimento preventivo in questi asset.

I pubblici ministeri affermano che ciò ha generato guadagni di circa $1,5 milioni di dollari.

La polizia ha arrestato i due fratelli Wahi, mentre Sameer Ramani è ancora in fuga.

I tre uomini rischiano 20 anni di carcere ciascuno. Il Dipartimento di Giustizia afferma che questa è la prima volta che vengono presentate accuse relative all’insider trading di criptovalute.