Commentando il report sugli utili, il CEO di Tesla Elon Musk ha sottolineato che la vendita non dovrebbe essere vista come un “verdetto su Bitcoin”, piuttosto, è stata una mossa per raccogliere fondi tra i problemi di liquidità che imperversavano dopo il blocco del COVID-19 in Cina all’inizio di quest’anno. 

Parlando della posizione di Tesla su Bitcoin in futuro, Musk ha affermato che la società è “aperta ad aumentare” le sue partecipazioni in Bitcoin in futuro.

Nonostante l’attuale mercato fortemente ribassista, Tesla è riuscita a realizzare un bel profitto vendendo gran parte delle sue partecipazioni in Bitcoin.

tesla bitcoin
Adobe Stock

Secondo il deposito 10-Q della società presso la Securities and Exchange Commission (SEC), Tesla ha venduto il 75% della sua partecipazione in bitcoin (BTC) per un totale di $ 936 milioni. Nel processo, la società di auto elettriche ha realizzato un profitto di 64 milioni di dollari nel secondo trimestre del 2022.

Tuttavia, nello stesso deposito, Tesla ha anche registrato una perdita di valore di 170 milioni di dollari sulle sue partecipazioni rimanenti per la prima metà del 2022. La società ha citato le “modifiche al valore contabile” del bitcoin dell’azienda come motivo della perdita.

Una perdita per riduzione di valore si verifica quando il valore equo di mercato di un’attività (il prezzo a cui potrebbe essere venduta sul mercato aperto) è inferiore al suo prezzo di acquisto. Ciò è in linea con il fatto che Bitcoin si aggirava intorno ai $ 18.700 alla fine del secondo trimestre e il costo medio di acquisizione di Tesla è stimato in circa 29.000 dollari per BTC.

Gli investimenti di Tesla in Bitcoin

All’inizio del 2021, Tesla ha investito 1,5 miliardi di dollari in Bitcoin. Un paio di mesi dopo, la casa automobilistica ha venduto il 10% della sua partecipazione per raccogliere fondi durante le chiusure dovute al COVID-19 in Cina, che è uno dei suoi mercati più grandi dove opera. La vendita ha incrementato le casse dell’azienda di $ 272 milioni.

L’ultima vendita di Bitcoin di Tesla ha motivazioni simili. Le ultime dichiarazioni in merito lasciano pochi dubbi:

“Il motivo per cui abbiamo venduto un sacco delle nostre partecipazioni in Bitcoin era che non eravamo sicuri di quando i blocchi del COVID in Cina si sarebbero attenuati. Quindi, per noi era importante massimizzare la nostra posizione di liquidità”, ha spiegato Musk. Parlando della posizione di Tesla su Bitcoin in futuro, Musk ha affermato che la società è “aperta ad aumentare” le sue partecipazioni in Bitcoin in futuro.

Ciò è supportato dal fatto che Tesla ha mantenuto un quarto della sua partecipazione in BTC, al posto di separarsene del tutto. “Non sarei sorpreso se Tesla continuasse ad accumulare Bitcoin quando il mercato tornerà a mostrare un po’ più di stabilità. Altrimenti avrebbe venduto il 100 percento, non solo i tre quarti“, ha dichiarato a Cointelegraph Markus Thielen, Chief Investment Officer di IDEG.

L’impatto sulle quotazioni di mercato di Bitcoin

Ovviamente, la mossa ha avuto un impatto sui prezzi, con BTC in calo di circa il 2% dopo il rilascio del rapporto del secondo trimestre di Tesla. I prezzi si sono successivamente ripresi dopo i commenti rassicuranti di Musk circa i suoi report sugli utili. Tuttavia, le reazioni del mercato sono state piuttosto piccole rispetto all’investimento iniziale di $ 1,5 miliardi di BTC di Tesla, che ha causato un forte e repentino aumento di 3.000 dollari nei prezzi dei bitcoin, portandolo a un massimo storico di 43.000 dollari in quel momento.

Secondo i dati di Bitcoin Treasuries, Tesla ha circa 10.800 BTC dopo la sua ultima vendita. La dotazione ha un valore residuo di circa 228 milioni di dollari, con Bitcoin scambiato a 21.031,18 dollari al momento della scrittura.