I fondatori di Three Arrows Capital ammettono: sono stati commessi degli errori imperdonabili. Rivelato “l’ultimo chiodo nella bara”.

I co-fondatori in crisi di Three Arrows Capital in bancarotta hanno ammesso che sono stati commessi errori prima del crollo dell’azienda.

three arrows capital luna
Adobe Stock

I creditori di Three Arrows Capital ora affermano di avere un debito di oltre $2,8 miliardi di dollari. Si teme che questa cifra possa aumentare notevolmente nelle prossime settimane. Vediamo bene cosa può succedere.

Three Arrows Capital: ecco gli errori che sono costati tutto

In un’intervista con Bloomberg, Kyle Davies e Zhu Su hanno ammesso che le pesanti perdite del cripto hedge fund potrebbero essere ricondotte all’inaspettato crollo verticale di LUNA, che è passata da $100 a $1 in pochi giorni.
Hanno rivelato che il crollo di questa altcoin, che ha colpito anche la stablecoin algoritmica TerraUSD, li ha colti di sorpresa. Ed entrambi non si erano resi conto che ciò avrebbe esercitato “una pressione significativa su tutte le nostre posizioni illiquide“.

Hanno confessato che i loro legami con il fondatore di Terra – Do Kwon – potrebbero essere stati fatali. Zhu ha spiegato:

Abbiamo iniziato a conoscere Do Kwon su base personale quando si è trasferito a Singapore. E sentivamo che il progetto avrebbe fatto grandi cose perché aveva già fatto grandi cose“.

E riflettendo su cosa si sarebbe potuto fare diversamente, ha detto che Three Arrows Capital non si era reso conto che Terra era “cresciuta troppo grande e troppo velocemente“. Questo ha contribuito a renderla vulnerabile agli attacchi.

Naturalmente, l’implosione di Terra ha avuto impatti diversi. L’hedge fund aveva anche investito molto in Ether in staking. Queste criptovalute potranno essere riscattate in ETH reali una volta che la rete Ethereum avrà completato il passaggio da una blockchain Proof-of-Work a Proof-of-Stake. stETH ha perso il suo ancoraggio ad ETH e – nel panico generale – ha iniziato a scendere al di sotto del tasso di mercato.

Three Arrows Capital era anche uno dei maggiori detentori del Grayscale Bitcoin Trust. I problemi sono nati insieme alla nascita di numerosissimi strumenti finanziari simili a questo. La concorrenza ha portato GBTC a valere meno del Bitcoin da cui era sostenuta.

Ma inevitabilmente tutte le strade riconducono al mercato spot, e Zhu è stato sincero sul fattore principale che ha portato al crollo di Three Arrows Capital.

Dopo quel giorno, quando Bitcoin è passato da $30.000 a $20.000, sai, questo è stato estremamente doloroso per noi. E questo è stato l’ultimo chiodo nella bara“.

Sulla difensiva

Zhu e Davies sono chiari nell’intervista: Three Arrows Capital era un’azienda rischiosa dall’inizio. L’eccessiva fiducia è stata la conseguenza dell’incredibile bull run del 2021.

Attualmente sono in procinto di trasferirsi a Dubai. Al momento non si sa dove si trovino esattamente entrambi gli uomini. Zhu ha aggiunto:

Ci sono così tante persone che hanno fatto minacce di morte o questo tipo di cose. Riteniamo che sia nell’interesse di tutti essere fisicamente protetti e mantenere un basso profilo“.

I creditori di Three Arrows Capital affermano di avere un debito di oltre $2,8 miliardi di dollari, e si teme che questa cifra possa aumentare notevolmente nelle prossime settimane.

Ma Zhu e Davies hanno sottolineato che stanno comunicando con “tutte le autorità competenti“, respingendo ancora una volta le affermazioni dei liquidatori secondo cui non hanno collaborato.

Come spesso accade quando un’azienda multimiliardaria fallisce, stanno iniziando a emergere rapporti secondo cui il duo aveva versato un acconto su uno yacht da $50 milioni di dollari l’anno scorso.

Ma Zhu ha respinto qualsiasi voce che conduca uno stile di vita stravagante perché andava al lavoro in bicicletta e “ha solo due case a Singapore“, aggiungendo:

Non siamo mai stati visti in nessun club spendere molti soldi. Non siamo mai stati visti a guidare Ferrari e Lamborghini in giro“.

La scomparsa di Three Arrows Capital ha colpito numerose piattaforme di criptovalute, in particolare Voyager Digital, a cui devono centinaia di milioni di dollari.

Voyager ha interrotto i prelievi, lasciando i clienti impossibilitati ad accedere ai propri risparmi. Ha avvertito che gli utenti potrebbero non recuperare i loro saldi completi a meno di recuperare per intero tutti i fondi di 3AC.