Michael Saylor attacca Tesla per aver venduto il 75% di Bitcoin: scopri tutti i numeri e come si sono espressi i CEO sulle criptovalute.

Michael Saylor si è scagliato contro Tesla per aver venduto il 75% dei suoi Bitcoin.

michael saylor tesla bitcoin
Criptomercato.it

È giusto dire che MicroStrategy ha adottato un approccio molto diverso rispetto a Tesla quando si tratta di acquisire Bitcoin. Scopri subito cosa ha detto.

Michael Saylor vs Tesla: ecco cosa ha detto

Il CEO di MicroStrategy è da molto tempo una delle voci più ottimiste nello spazio delle criptovalute.

La sua azienda oggi possiede circa 130.000 BTC e ha promesso di “HODLare attraverso le avversità” nonostante il valore di questa criptovaluta sia diminuito di miliardi di dollari negli ultimi mesi.

Indicando di essere piuttosto infastidito dalla decisione di Elon Musk di sbloccare liquidità per Tesla – scaricando il suo investimento in criptovalute – Saylor ha scritto:

Se vendi il 75% dei tuoi Bitcoin, ti resterà solo il 25% dei tuoi Bitcoin“. Illuminante, grazie Michael!

È giusto dire che MicroStrategy ha adottato un approccio molto diverso rispetto a Tesla quando si tratta di Bitcoin.

La società di business intelligence ha attivamente assunto livelli aggiuntivi di debito per poter mettere le mani su ancora più criptovaluta.

Questo ha visto MicroStrategy andare vicino al pericolo di liquidazione diverse volte. Quando BTC è sceso a $21.000 all’inizio di quest’anno, la società ha affrontato una richiesta di margine su $205 milioni che aveva preso in prestito da Silvergate Bank, un prestito garantito da Bitcoin.

Intanto un uomo è stato condannato per aver venduto criptovaluta “truffa”: scattano le manette

Randall Crater è stato il fondatore di My Big Coin, cripto-truffa disponibile al pubblico dal 2014 al 2017.

I pubblici ministeri avevano erroneamente suggerito che questa risorsa fosse sostenuta da $300 milioni in oro, petrolio e altre materie prime.

La sua azienda aveva anche affermato di avere una partnership con Mastercard. Tale partnership – ovviamente fittizia – è stata promossa attraverso social media, e-mail e messaggi.

Secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, Crater si è appropriato indebitamente di $6 milioni di dollari, spendendo centinaia di migliaia di dollari in oggetti d’antiquariato, arte e gioielli.

Crater è stato condannato per quattro capi di imputazione per frode telematica, con ogni conteggio che porta fino a 20 anni di prigione. Affronta anche tre capi di imputazione per riciclaggio di denaro e rischia fino a 10 anni dietro le sbarre per ciascuno di questi conteggi.

Il 51enne sarà condannato il 27 ottobre.