Le commissioni per pagare le transazione in criptovalute come Bitcoin ed Ethereum sono notoriamente elevate, soprattutto se dobbiamo inviare importi ridotti e quando la rete è molto occupata. 

Ad esempio, la commissione media per il gas di Ethereum era di 1,57 USD per transazione il 3 luglio 2022, che è il livello più basso dal 2020. La commissione di gas fee media ha però raggiunto l’incredibile cifra record di 196,638 USD solo pochi mesi fa, il 1° maggio 2022.

transazioni blockchain
Adobe Stock

Per i trader e gli utilizzatori dei servizi blockchain, queste tasse esorbitanti e la natura imprevedibile delle quotazioni possono essere un fastidio, quanto non un vero e proprio problema. Fortunatamente, ci sono molte diverse reti blockchain che hanno commissioni di transazione molto più basse e accessibili.

Vediamo alcune alternative, tra le più utilizzate e disponibili anche su molti exchange:

XLM stellare

Jed McCaleb ha fondato il sistema di pagamento open source Stellar. È interessante notare che anche Ripple, una diversa rete di cambio valuta e rimessa, è stata co-fondata da McCaleb. Questo è probabilmente uno dei fattori che contribuiscono alle somiglianze tra le due reti. La piattaforma è progettata per trasferire risorse finanziarie in modo conveniente, rapido e affidabile.

Se è vero che ad oggi molte reti blockchain offrono transazioni economiche e velocissime. Il vantaggio di Stellar è che funziona con qualsiasi tipo di criptovaluta. Puoi quindi utilizzare Stellar per trasferire una versione digitale del dollaro USA, dell’euro, di Bitcoin o di qualsiasi altra criptovaluta del pianeta.

Sebbene molti tipi di criptovalute siano destinati a sostituire gli attuali sistemi finanziari, non è il caso di Stellar. Stellar è infatti progettato per migliorare i sistemi finanziari mondiali fornendo un’unica rete in cui possono lavorare tutti insieme.

Per gli utenti, ci sono due modi per usare Stellar. App Stellar e servizi di terze parti che fungono da anchor di rete, offrono agli utenti un modo semplice per trasferire fondi a qualcun altro, indipendentemente dalla distanza fisica o dal paese di residenza. Puoi anche usarlo per acquistare versioni digitali di valute diverse: un’opzione preziosa per le persone in paesi che non hanno una valuta nazionale forte e desiderano utilizzare un’altra valuta per i propri risparmi.

In quanto rete open-source, l’infrastruttura Stellar è disponibile per chiunque la utilizzi e la programmi. Le aziende possono usarlo per sviluppare il proprio portafoglio blockchain, app o token crittografico. Possono anche utilizzare la rete di Stellar per i pagamenti e la conversione di valute digitali in contanti e viceversa. La Stellar Development Foundation ha recentemente supportato l’uso di Stellar per una gamma più ampia di usi, tra cui il conio NFT e gli smart contract.

Ogni transazione in costa solo 0,00001 XLM. Dato che XLM veniva scambiato a 0,1028 USD al momento della scrittura, ciò equivale a circa 0,000010077 dollari ogni transazione.

Nano (XNO)

Nano (XNO) è un’altra criptovaluta che mira a rendere possibili pagamenti sicuri, essenzialmente istantanei e a costi di commissioni nulli. Ha debuttato come RaiBlocks (XRB) nel 2014 e ha cambiato nome in Nano nel mese successivo. Ogni nodo della rete esegue la propria blockchain, che viene implementata utilizzando una speciale struttura dati block-lattice.

Si differenzia dalle blockchain convenzionali in cui i nodi competono tra loro per aggiungere blocchi a una singola blockchain condivisa. Tuttavia, la rete NANO si distingue per le sue transazioni completamente gratuite. Puoi effettuare transazioni gratuitamente, proprio così. L’unica pecca è che poche piattaforme utilizzano e accettano transazioni tramite questa rete.

Lighting Network

Joseph Poon e Thaddeus Dryja hanno proposto per la prima volta la rete lightning network nel 2015 e da allora è in fase di sviluppo. La rete Lightning Network è stata sviluppata per affrontare il problema dei tempi di transazione e del throughput lenti della rete Bitcoin.

Bitcoin dovrà raggiungere decine o centinaia di migliaia di transazioni al secondo, paragonabili alle carte di credito o alle reti di pagamento elettronico, se vuole realizzare il suo potenziale di diventare un mezzo per le transazioni di uso quotidiano. Bitcoin ha attualmente molti problemi a causa della natura decentralizzata della sua tecnologia, che dipende dal consenso di tutti i nodi all’interno della sua rete.

Ad esempio, se ci sono molte transazioni sulla rete Bitcoin, approvarle e archiviarle sarà costoso e richiederà molto tempo. Un aumento dei volumi delle transazioni richiede un corrispondente aumento della potenza di elaborazione dei computer utilizzati per eseguire transazioni Bitcoin per ordini di grandezza. Inoltre, la quantità di energia richiesta per calcolare queste informazioni è enorme, il che rende probabilmente proibitivo il mantenimento di bitcoin per le transazioni regolari.

La rete Lightning Network ha permesso di aggiungere un secondo livello alla blockchain primaria di Bitcoin per affrontare il problema del ridimensionamento. Più canali di pagamento tra parti o utenti bitcoin costituiscono il secondo livello. Un meccanismo transazionale tra due parti è un canale di Lighning Network. Le parti possono inviare e ricevere pagamenti in modo rapido ed estremamente economico attraverso tali canali.

Rispetto alle tipiche transazioni che avvengono sulla blockchain di Bitcoin, queste transazioni vengono gestite in modo diverso. Quando due parti aprono e chiudono un canale, la blockchain principale è l’unico luogo in cui vengono aggiornati.

Le parti possono quindi trasferire denaro tra loro indefinitamente tra questi due lati del canale, senza informare la blockchain principale delle loro azioni. Questo metodo aumenta significativamente la velocità delle transazioni perché non tutte le transazioni in una blockchain devono essere approvate da ogni nodo. Una rete di nodi Lightning in grado di instradare le transazioni tra di loro si forma quando i singoli canali di pagamento tra parti diverse si uniscono. Il Lightning Network è il risultato delle connessioni tra diversi canali di pagamento.

Cardano (ADA)

Charles Hoskinson, uno dei co-fondatori di Ethereum, ha fondato Cardano nel 2017. È una blockchain sottoposta a peer review guidata dalla community. Questa la utilizza per evitare problemi di scalabilità e interoperabilità che hanno altre criptovalute.

Al momento della scrittura, Cardano è l’ottava blockchain più grande per capitalizzazione di mercato. Sebbene rispetto alle altre blockchain di questo elenco, le sue commissioni di transazione siano ancora piuttosto basse, specialmente se confrontate con ETH e BTC. In genere cade tra 0,15 e 0,19 ADA, o circa 0,078 USD al tasso di cambio attuale.

Tron (TRON)

Tron è una rete blockchain open source orientata alla produzione e all’intrattenimento dei media. Justin Sun l’ha fondata a marzo 2014 con l’intenzione di decentralizzare il web. Gli altri killer di Ethereum hanno tutti subito perdite superiori al 40% negli ultimi sei mesi, con Tron che è l’unico a registrare una singola perdita digitale.

La stablecoin USDD, introdotta anche dal network, è rapidamente salita alla nona posizione in termini di capitalizzazione di mercato. Questo è un modo intelligente per trasferire denaro sulla blockchain, soprattutto se combinato con il fatto che TRON non ha commissioni di transazione.

Litecoin (LTC)

Litecoin è una delle coin più antiche disponibili ed è stata fondata da Charlie Lee nell’ottobre 2011. L’obiettivo della criptovaluta era fornire uno scambio di valore peer-to-peer quasi istantaneo a un prezzo ragionevole. Ha commissioni di transazione estremamente basse di circa 0,007 USD in parte a causa della sua natura. I tempi di elaborazione sono un po’ più lenti rispetto alle altre monete nell’elenco, tuttavia, e ogni transazione richiede in media due minuti per essere completata.

Alcune note importanti

La prima cosa da tenere a mente quando pianifichiamo di effettuare transazioni in modo economico, è che le fee saranno sempre diverse se operiamo direttamente sulla rete dai nostri wallet non custodial. Gli exchange centralizzati infatti, applicano molto spesso una maggiorazione sulle fee di trasferimento.

Per avere un confronto tra le fee base della blockchain e verificare quanto è il ricarico di un exchange, possiamo utilizzare alcuni strumenti che tengono traccia di queste informazioni come quello fornito da YCharts.com.

Un altro fattore da tenere in considerazione è la sicurezza della rete che utilizziamo. I prezzi per utilizzare le reti di Bitcoin o di Ethereum non sono più alte senza motivo. I costi per sostenere una struttura enorme e completamente decentralizzata come Bitcoin infatti ha spese di gestione elevate. Di contro, la sicurezza che possiamo ottenere non ha minimamente paragoni con nessun’altra alternativa oggi disponibile.