Brad Sherman, un rappresentante istituzionale degli Stati Uniti, ha affermato davanti alla commissione per i servizi finanziari della Camera che la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti non aveva perseguito gli exchange di criptovalute che supportassero il trading del token XRP di Ripple Labs.

In un’audizione del Congresso di questo martedì, si è sottoposta una divisione della SEC ad un esame incrociato in merito alla sua regolamentazione delle piattaforme che trattano e permettono scambi di criptovalute.

“Se XRP è una security, come entrambi crediamo che sia, per quale motivo questi exchange di criptovalute non starebbero infrangendo la legge?” Gurbir Grewal è stato così interrogato da Sherman, che ha sostenuto il divieto totale delle criptovalute ormai dal 2019.

ripple sec xrp
Adobe Stock

Grewal ha difeso la Commissione, osservando di aver citato in giudizio l’exchange Poloniex con sede nel Delaware l’anno precedente. “È più facile inseguire il pesce piccolo che il pesce grande”, ha risposto tagliente Sherman.

La battaglia legale tra la SEC e Ripe (XRP)

Da dicembre 2020, la SEC è coinvolta in una lunga battaglia legale con Ripple Labs. L’accusa a carico della società e due dirigenti è quella di aver raccolto almeno 1,3 miliardi di dollari attraverso la vendita di XRP. Che il regolatore ha stabilito essere un titolo non registrato.

Per evitare di essere registrato presso la SEC come contratto di investimento, Ripple Labs ha affermato che il token e l’infrastruttura che lo supporta sono sufficientemente decentralizzati.

A seguito dell’azione della SEC contro Ripple Labs, le piattaforme statunitensi gestite da una serie di exchange, tra cui Coinbase, Binance, FTX e Kraken, hanno sospeso il trading XRP per i cittadini statunitensi.

I tribunali non hanno ancora stabilito se XRP sia o meno una security

Lo stato di XRP come titolo non ha ancora trovato ufficialmente una determinazione dagli organismi preposti. Stuart Alderoty, consigliere generale di Ripple Labs, ha dichiarato su Twitter che “la semplice presentazione di un caso da parte della SEC non determina nulla”.

Sherman ha comunque affermato durante l’udienza che “la divisione ha stabilito che XRP è a tutti gli effetto una security. Se quindi si sta perseguendo XRP, ma per ragioni sulle quali solleverò delle domande non ha seguito gli exchange in cui si stavano verificando decine di migliaia di transazioni illegali di titoli. ”

In un attacco separato durante l’audizione, il rappresentante Tom Emmer ha criticato la SEC per non aver specificato quali aspetti del settore delle criptovalute rientrano nella sua competenza e per aver lasciato “dissolvere” lo Strategic Hub for Innovation and Financial Technology (FinHub) del presidente Gary Gensler.

Secondo Emmer, “Sotto il presidente Gensler, la SEC è diventata un regolatore assetato di potere, politicizzando l’applicazione, attirando le aziende a “entrare e parlare” con la Commissione prima di punirle con azioni di contrasto e scoraggiando la cooperazione in buona fede.

A maggio, la SEC ha promesso di raddoppiare il numero di dipendenti nella sua divisione di applicazione delle criptovalute, portandolo a 50.

Ripple (XRP) sui mercati dopo l’accusa della SEC

XRP ha subito un calo di oltre il 50% subito dopo che la SEC ha intentato la causa, ma attualmente è scambiato con un aumento del 60%. Rimanendo nella scia dei diffusi rialzi del mercato, trascinati dalla ripresa di Bitcoin degli ultimi giorni.

Il token ha perso il 65% del suo valore dall’inizio di quest’anno. Ma ha visto una ripresa quasi il 17% nell’ultimo mese. Seguendo di pari passo l’andamento medio generale dei mercati legati a Bitcoin e criptovalute.