Il crollo delle criptovalute non significa che la necessità di regolamentazione è scomparsa, avverte la Banca d’Inghilterra. Leggi di più!

Il crollo delle criptovalute ha messo in evidenza i problemi che devono affrontare le criptovalute e le stablecoin non supportate. Questo è quanto ha affermato il governatore della Banca d’Inghilterra.

regolamentazione bitcoin

Non è che non dobbiamo fare nulla a causa del crollo. La tecnologia blockchain ha un reale potenziale per l’uso nel sistema finanziario“, afferma Sir Jon Cunliffe. Vediamo bene cosa sta succedendo.

Il crollo delle criptovalute non ne compromette la regolamentazione

Parlando in una conferenza stampa martedì, Andrew Bailey ha affermato che il lavoro viene svolto “a livello nazionale e internazionale” per regolamentare queste risorse digitali, aggiungendo:

Secondo me, le criptovalute non supportate non hanno un valore intrinseco. Non significa ovviamente che non abbiano valore, ma non hanno un valore intrinseco. Le persone dovrebbero essere molto chiare sui rischi che corrono investendoci“.

Bailey ha affermato che le criptovalute non supportate come Bitcoin sono meglio considerate un investimento. Le stablecoin invece, a condizione che soddisfino standard adeguati, dovrebbero essere viste come un mezzo di pagamento.

Il vice governatore Sir Jon Cunliffe ha sottolineato che l’anno scorso, la Banca aveva dichiarato che i mercati delle criptovalute non erano cresciuti a una dimensione tale da poter finire per destabilizzare l’economia in generale. Questa previsione era corretta.

Ha sottolineato che il crollo del valore di Bitcoin ed Ether non ha trascinato al ribasso altri mercati finanziari, ma ha affermato:

La tecnologia non cambia le leggi dell’economia, della finanza e dei rischi. Se un bene è speculativo e non ha valore intrinseco, vale solo quello che qualcuno paga per esso, può crollare molto rapidamente quando si perde la fiducia“.

Criptovalute e stablecoin: ruoli diversi, ma attenzione a questo

Ha aggiunto che le stablecoin potrebbero aggiungere stress al sistema se le persone perdono fiducia nella loro capacità di mantenere un peg affidabile. Ovviamente ha preso come esempio la stablecoin UST condannata da Terra. Sir Jon a riguardo ha detto:

Abbiamo visto cosa succede nel sistema finanziario convenzionale. Ora dobbiamo introdurre il sistema normativo che gestirà quei rischi nel mondo delle criptovalute, nello stesso modo in cui li gestiamo nel mondo convenzionale“.

Ma rispondendo a una domanda dei media, Sir Jon ha avvertito che il drammatico calo della capitalizzazione di mercato totale di tutte le criptovalute non significa che non sia più necessaria una giusta regolamentazione.

La tecnologia blockchain ha un reale potenziale per l’uso nel sistema finanziario, ma dobbiamo andare avanti con il lavoro per mettere in atto il quadro normativo.

Bailey ha aggiunto che è fondamentale che il lavoro sulla regolamentazione delle criptovalute venga svolto a livello internazionale. Ma potrebbe essere molto più facile a dirsi che a farsi.

Alcuni paesi hanno scelto di abbracciare le risorse digitali legalizzandone l’uso come metodo di pagamento. Altri hanno reso Bitcoin valuta a corso legale.

Altri ancora hanno tentato di rendere Bitcoin illegale, introducendo addirittura delle multe per chiunque fosse coinvolto nell’estrazione di risorse digitali. Il futuro sembra ancora incerto.