Il rinomato artista Miltos Manetas “tokenizzerà” come NFT il 50% dei suoi ritratti di Julian Assange, con l’obiettivo di sensibilizzare l’attivista incarcerato.

Per cementare ulteriormente la connessione blockchain, i proventi del drop NFT entreranno in un DAO che fa parte del Padiglione Internet della Biennale di Venezia. Un’esposizione tecnologica fondata da Manetas nel 2009.

L’esposizione sarà chiamata “This cannot be erased”, ossia ‘questo non può essere cancellato’. La collezione speciale di 111 NFT garantirà agli acquirenti l’accesso a versioni digitali uniche di ritratti dipinti a mano creati da Manetas negli ultimi due anni. La raccolta sarà suddivisa in tre fasi durante le quali 37 token verranno coniati sulla blockchain di Materia, a partire dal 23 giugno.

NFT Assange Manetas

La Biennale di Venezia di quest’anno, giunta alla sua 59a edizione, si svolgerà dal 23 aprile al 27 novembre. Mentre la maggior parte delle esposizioni del festival sono riservate ai paesi, il Padiglione Internet è dedicato ad Assange con il tema “AIIA – Assange is Internet Internet is Assange.”

Manetas e le opere d’arte NFT per Assange

This Cannot Be Erased è prodotto da Manetas con il supporto del collaboratore di lunga data Howie B, un compositore britannico che ha composto la colonna sonora dell’evento originale del Padiglione Internet tredici anni fa. All’epoca, Manetas e il curatore Jan Aman hanno suscitato polemiche invitando un certo numero di persone coinvolte nel sito web attivista The Pirate Bay a Venezia per inaugurare l’Ambasciata della pirateria.

L’ultima collezione sviluppa l’interesse di Manetas per la libertà nell’era di Internet, con l’artista che ha continuamente espresso il suo sostegno per un uomo che considera prima di ogni altra cosa un caro amico.

Il pittore, le cui opere digitali sono già apparse sulla piattaforma VR Second Life, paragona il silenzio del fondatore di WikiLeaks ai tentativi dei governi di reprimere il dissenso sul World Wide Web, portando al tema di cui sopra per il Padiglione Internet di quest’anno: Assange è Internet, Internet è Assange.

Gli NFT della collezione Cannot Be Erased

I 111 NFT della collezione sono versioni digitali curate dei ritratti di Assange che l’artista ha creato nell’ambito della campagna sui social media #AssangePower. Quel blitz ha portato Manetas a mostrare le sue creazioni al Palazzo delle Esposizioni di Roma e successivamente al Museo IKOB del Belgio con una mostra intitolata Assange Situation – Emergency.

Quest’anno, la sede del Padiglione Internet è il vasto dominio simile a una prigione della Fondazione Gervasuti, che Manetas considera un ambiente appropriato data la detenzione in corso di Assange. La Fondazione si trova all’estremità nord di Via Garibaldi, nel sito della bottega artigiana del legno della famiglia Gervasuti.

I titolari dei pezzi della collezione This Cannot Be Erased non solo possederanno un pezzo di storia dell’arte; diventeranno anche amministratori dell’AIIA. Con gli NFT designati come “valuta” di un nuovo “paese” Internet non vincolato da confini o barriere. Come accennato, il denaro raccolto dalla vendita andrà all’Internet Pavilion DAO. Il che significa che i collezionisti d’arte possono aiutare a decidere quali progetti d’arte il Padiglione finanzia in futuro.

Assange nel limbo

Miltos Manetas ha affermato che il suo obiettivo è aumentare la consapevolezza del trattamento di Assange. L’artista crede infatti che l’attivista sia stato ingiustamente demonizzato per le sue attività di whistleblowing. Questo punto di vista è ripreso dall’organizzazione per i diritti umani Amnesty International, che definisce la decisione del Regno Unito di estradare Assange negli Stati Uniti una “farsa della giustizia”.

Gli NFT che compongono la nuova collezione durano un minuto, durante il quale il titolare vede il volto di Assange. Fratturandosi prima di tornare rapidamente insieme, per non cancellarsi mai. Ogni opera è accompagnata da un tema musicale composto da Howie B.

Assange sta attualmente impugnando la sentenza di estradizione del governo del Regno Unito. Se l’appello fallisce, l’attivista rischia una pena detentiva di 175 anni se condannato da un tribunale statunitense.