Kucoin, il famoso exchange di criptolvalute, ha pubblicamente negato le voci secondo le quali starebbe pianificando di ridurre o bloccare i prelievi a causa di enormi perdite in seguito al disastro del progetto Terra LUNA e le condizioni di mercato difficoltose.

Nelle ultime settimane abbiamo assistito a un numero sempre crescente di exchange di criptovalute e piattaforme custodial e di lending e borrowing che hanno fermato o limitato in modo importante i prelievi agli utenti. Le motivazioni sono sempre state legate alle condizioni di mercato estremamente volatili e difficoltose che abbiamo visto in queste settimane.

Kucoin però ha avuto la premura di prendere una posizione netta e assicurare i propri utenti e investitori circa il vociferare che avrebbe visto l’exchange come prossimo attore a correre ai ripari con manovre di emergenza di questo tipo.

Kucoin prelievi bloccati

 Il CEO di Kucoin ha inoltre voluto chiarire che la sua compagnia non detiene esposizioni e non ha crediti o rapporti con le compagnie oggi nell’occhio del ciclone finanziario.

Cos’è Kucoin

KuCoin è un grande exchange di criptovalute che offre la possibilità di acquistare, vendere e scambiare asset crittografici e beni digitali. Oltre alle classiche funzioni di trading di base, la piattaforma offre martin trading, futures e trading peer-to-peer (P2P). Gli utenti possono anche scegliere di mettere in staking le le proprie criptovalute o fare Lending, quindi prestare i propri asset per guadagnare ricompense e maturare interessi. Rispetto ad alcuni concorrenti, KuCoin offre commissioni di trading abbastanza economiche, il che lo rende un’opzione interessante.

Lanciato nel 2017, KuCoin è un exchange di criptovalute con sede alle Seychelles. Dal momento del suo inizio di attività cinque anni fa, La piattaforma è cresciuta rapidamente fino a rappresentare oggi uno dei più grandi exchange globali per volume di scambi. Ad oggi Kucoin conta oltre 10 milioni di utenti attivi ed è operativo in oltre 200 paesi in tutti i continenti.

KuCoin offre oltre 600 criptovalute per gli utenti da acquistare, vendere e scambiare. Coloro che cercano un’ampia selezione di asset crittografici diversi, possono apprezzare ciò che offre questo exchange. Anche la selezione di contratti futures, nei paesi in cui la regolamentazione ne permette l’utilizzo, può soddisfare molte esigenze di utenti e trader.

I precedenti problemi coin i prelievi per kucoin

Una nota dolente che riguarda l’exchange è però legata alla sua reputazione online. Nulla in ogni caso che abbia a che fare con la sua sicurezza o liquidità. KuCoin riceve infatti scarse valutazioni complessive e recensioni suoi utenti. La piattaforma difatti presenta una media di appena 1,7 stelle su 5 su quasi 600 recensioni Trustpilot. 

Diverse recensioni negative segnalano problemi con l’assistenza clienti, il processo di prelievo e l’esecuzione di depositi. Altri accusano KuCoin di manipolazione del mercato e affermano che i loro beni sono scomparsi casualmente dai loro conti, il che è particolarmente preoccupante. Nonostante il numero elevato di feedback negativo, alcuni revisori hanno avuto modo di sottolineare note positive sulle basse commissioni di KuCoin e sull’ampia selezione di criptovalute.

La dichiarazione del CEO di Kucoin in merito alle voci circa l’imminente limite o blocco dei prelievi

Johnny Lyu, il CEO e volto pubblico di KuCoin ha voluto precisare alcuni dettagli, vista la diffusione delle voci secondo cui l’exchange fosse prossimo ad apportare un limite o un blocco ai prelievi per gli utenti. In un tweet Lyu ha dichiarato:

(Orig.) “Be aware of FUDs! Not sure who’s spreading these sheer rumors, and what their intentions are, but KuCoin does not have any exposure to LUNA, 3AC, Babel, etc. No “immense suffer” from any “coin collapse”, no plan to halt withdrawal, everything on KuCoin is operating well.”

“Fai attenzione ai [messaggi che diffondono] FUD! Non ho certezze su chi stia diffondendo queste voci e quali siano le loro reali intenzioni, ma KuCoin non ha alcuna esposizione a LUNA, 3AC, Babel, ecc. Nessuna “immensa “sofferenza da qualsiasi “collasso delle criptovalute“, nessuna intenzione di bloccare i prelievi. Tutto funziona bene su KuCoin.”

Kucoin: una questione di fiducia

Intenzionato a riportare fiducia tra gli utenti di KuCoin, Lyu ha inoltre spiegato che l’exchange di criptovalute ha recentemente terminato la sua raccolta fondi di 150 milioni di dollari nel maggio 2022 portando la valutazione dell’azienda a 10 miliardi di dolalri. Ha anche aggiunto che mentre molti exchange di criptovalute hanno annunciato licenziamenti e tagli alle spese su più livelli, KuCoin continua a crescere con un sempre maggior numero di assunzioni e posizioni lavorative aperte. Nonostante ci si trovi in queste condizioni di mercato particolarmente critiche.

Lyu ha ulteriormente minacciato azioni legali contro coloro che cercano di diffondere FUD e diffamare il suo exchange. Ha scritto: “Essere trasparenti è sempre uno dei nostri principi chiave. Pubblicheremo presto il nostro rapporto di revisione del primo semestre 2022 in cui potrai saperne tutti dettagli che desideri sulle nostre operazioni. Per i FUDer che diffondono intenzionalmente informazioni non verificate, KuCoin si riserva il diritto di intraprendere azioni legali. Non FUD, BUIDL”.

Il problema con gli exchange di criptovalute

Il recente caos in tutto il comparto legato agli asset digitali crittografici e le pesanti correzioni nelle quotazioni di mercato, hanno messo in serie difficoltà alcuni degli attori del mercato che hanno preso una leva eccessiva e hanno affrontato una crisi di liquidità.

Anche alcuni dei più grandi prestatori di criptovalute come BlockFi e Celsius Network hanno dovuto affrontare condizioni terribili. Condizioni che li stanno portando sempre più vicini a un punto di nono ritorno verso la bancarotta. Con tutto ciò che eventi de genere comportano in ogni angolo dei mercati finanziari.

Sam Bankman-Fried, CEO dell’exchange di criptovalute FTX, ha affermato che ci sono molti di questi exchenga in acque profonde che potrebbero annunciare insolvenze molto presto. In tali momenti, gli investitori dovrebbero mantenere la massima prudenza e garantire che ci sia una comunicazione e una trasparenza adeguate da parte dei fornitori di servizi di scambio di criptovalute a cui sono associati.