Grayscale, uno dei più grandi e importanti gestori patrimoniali digitali del mondo ha citato in giudizio la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti poco dopo che l’agenzia ha respinto la sua richiesta di convertire il suo bitcoin trust di punta in un Exchange Trader Fund (ETF) questo mercoledì.

“Siamo profondamente delusi e non siamo d’accordo con la sua decisione”, ha affermato Grayscale Investments in una dichiarazione pubblicata sul suo sito web. La SEC ha anche respinto la domanda di Bitwise per un ETF spot bitcoin lo stesso giorno.

In una sentenza di questo mercoledì, la SEC ha negato la proposta di Grayscale di quotare un ETF spot bitcoin sullo scambio NYSE Arca. L’ETF proposto non è riuscito a soddisfare lo standard progettato per prevenire pratiche fraudolente e manipolative e per proteggere gli investitori e l’interesse pubblico. Questa la lapidaria risposta dell’autorità di regolamentazione in merito.

grayscale etf bitcoin sec bocciato

Sfidando la decisione della SEC, Grayscale ha chiesto alla Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Circuito del Distretto di Columbia di rivedere la decisione della SEC, secondo una petizione per la revisione di mercoledì.

Cos’è un ETF

I fondi negoziati in borsa (Exchange traded Funds) sono uno dei prodotti più importanti e di valore creati per gli investitori retail negli ultimi anni. Gli ETF offrono molti vantaggi e, se usati con saggezza, sono un ottimo veicolo per raggiungere gli obiettivi di investimento di un piccolo o grande investitore.

Un ETF, in breve, è un paniere di titoli che puoi acquistare o vendere tramite una società di intermediazione in borsa. Gli ETF sono offerti praticamente su ogni classe di attività immaginabile. Dagli investimenti tradizionali nell’azionario alle cosiddette attività alternative come materie prime o valute. Inoltre, le strutture innovative dell’ETF consentono agli investitori di andare allo scoperto sui mercati, ottenere la leva finanziaria ed evitare le tasse sulle plusvalenze a breve termine.

Dopo un paio di false partenze, gli ETF sono iniziati ad essere utilizzati seriamente nel 1993 con il prodotto comunemente noto con il suo simbolo ticker, SPY o “Spiders”, che è diventato l’ETF con il volume di scambi più alto della storia. Nel 2022, gli ETF sono stimati in 6,64 trilioni di dollari con quasi 3.000 prodotti ETF scambiati nelle sole borse statunitensi.

Come funziona

Un ETF viene acquistato e venduto come una classica stock durante gli orari in cui le borse sono aperte. Proprio come un’azione, un ETF ha un simbolo ticker e i dati sui prezzi intraday possono essere facilmente ottenuti nel corso della giornata di negoziazione.

A differenza delle azioni di una società, il numero di azioni in circolazione di un ETF può cambiare ogni giorno. Questo a causa della creazione continua di nuove azioni e del rimborso di quelle esistenti. La capacità di un ETF di emettere e rimborsare azioni su base continuativa mantiene il prezzo di mercato degli ETF in linea con i loro titoli sottostanti.

Sebbene si tratti di strumenti finanziari pensati per investitori individuali, gli investitori istituzionali svolgono un ruolo chiave nel mantenimento della liquidità e nell’integrità del tracciamento dell’ETF. Questo attraverso l’acquisto e la vendita di unità di creazione, che sono grandi blocchi di azioni dell’ETF che possono essere scambiati con panieri dei titoli sottostanti.

Quando il prezzo dell’ETF si discosta dal valore dell’attività sottostante, le istituzioni utilizzano il meccanismo di arbitraggio offerto dalle unità di creazione per riportare il prezzo dell’ETF in linea con il valore dell’attività sottostante.

Le motivazione dietro la respinta dell’ETF di Grayscale

L’identificazione da parte della SEC di possibili fonti di manipolazione nel mercato spot include persone con una posizione dominante nel bitcoin che tentano di manipolarne il prezzo. Oltre che hack sulle piattaforme di trading e il ruolo di Tether come stablecoin nell’ecosistema più ampio.

La sua non approvazione per il prodotto non si baserebbe sulla “valutazione se bitcoin, o la tecnologia blockchain più in generale, abbia utilità o valore come innovazione o investimento”, ha aggiunto la SEC.

Grayscale ha inizialmente presentato domanda nell’ottobre 2021, quando il primo ETF basato su bitcoin ha ricevuto l’approvazione per essere negoziato alla Borsa di New York. ProShares, Valkyrie e VanEck sono stati i primi a commercializzare.

Un ETF basato su future consente a un investitore di acquistare o vendere bitcoin a un prezzo predeterminato, invece di tracciare il prezzo spot dell’attività sottostante.

Una decisione sull’ETF spot di Grayscale è stata trattenuta poiché l’autorità di regolamentazione ha richiesto ulteriori commenti al pubblico. Più di 11.400 lettere di commento sono giunte alla SEC da novembre. Il 99% di queste ha sostenuto la posizione portata avanti di Grayscale, secondo il gestore patrimoniale.

I precedenti tra Grayscale e la SEC americana circa gli ETF

A marzo, il gestore patrimoniale ha minacciato un’azione legale contro la SEC se avesse continuato a vietare un ETF spot sulle criptovalute. A giugno, l’azienda ha tentato di rafforzare il proprio team legale assumendo l’ex procuratore generale statunitense Donald B. Verrilli, Jr. come stratega legale senior.

“La SEC non sta applicando un trattamento coerente a veicoli di investimento simili. Sta quindi agendo in modo arbitrario e capriccioso in violazione dell’Administrative Procedure Act e del Securities Exchange Act del 1934”. Questo quanto ha affermato Verrilli in una dichiarazione.

All’inizio di questa settimana, il CEO di Grayscale Michael Sonnenshein ha segnalato l’ottimismo sull’imminente decisione della SEC in una lettera agli investitori. Ha affermato  inoltre che le azioni del regolatore negli ultimi otto mesi hanno suggerito un maggiore riconoscimento e comfort con il mercato bitcoin sottostante.